Ultime notizie:

Don Delillo

    Don DeLillo, Il Silenzio. Una questione di schermi. Una questione di schermi?

    Jim guarda lo schermo posto davanti a sé sul volo che lo riporta da Parigi a New York. «Si ritrovò con gli occhi fissi sul più vicino dei piccoli schermi posizionati in alto, appena sotto la cappelliera: parole e numeri che cambiavano di continuo con il procedere del volo. Altitudine, temperatura esterna, velocità, ora di arrivo.» Ipnotizzato, segue ogni informazione. «Aveva sonno, ma continuava a guardare.» Non è uno schermo televisivo o cinematografico. Riporta dati, geoloca...

    – Simone Arcagni

    Libri: i magnifici 10 del 2020

    Da Flannery O'Connor a Don Delillo, da Antonio Franchini a Murakami Haruki, tutto il meglio della narrativa selezionato per i nostri lettori

    – di Stefano Biolchini e Alberto Fraccacreta

    Se il libro diventa uno schermo, una conversazione con Daniele Bigi, Mauro Carbone,Vanni Codeluppi, Alice Di Stefano e Martino Ferro.

    "Nel regno digitale immateriale", scrive Kevin Kelly, "dove nulla è statico o fisso, tutto è in divenire, anche il libro diventa un librare, evolvendo da cartaceo a digitale, confrontandosi con altri sistemi di comunicazione e apprendimento". Se il libro diventa un "librare": questo il titolo/quesito/ipotesi che ci conduce in un viaggio su cosa è stato, cos'è oggi e cosa sarà domani il libro, attraverso Dieci Conversazioni con scrittori, editori, esperti. Come guida per orientarci in questo camm...

    – Marco Minghetti

    Super Bowl 2020/DeLillo preparatorio

    Einaudi ha pubblicato nel 2014 per la prima volta in Italia "End Zone", il secondo romanzo di Don DeLillo uscito negli Stati Uniti nel 1972. Un bildungsroman zeppo di termini tecnici, lasciati in inglese. La difficoltà di tradurre il football è nota. E ogni tanto si toppa, come in "Franny e Zooey"

    E' in sala "Eva" di Benoît Jacquot: Il regista racconta il rapporto con Huppert e Moreau

    Autore raffinato, profondo indagatore, a volte eccessivamente intellò, dei rapporti di coppia e della psicologia femminile, Benoît Jacquot, classe 1947, porta sugli schermi dal 3 maggio Eva basato sul romanzo Eve di James Hadley Chase. Un thriller che vede protagonista una Isabelle Huppert calcolatrice, subdola, materialista, che conferma la fama di Jacquot di saper affinare le capacità delle attrici anche in ruoli estremi. Un'attitudine alla maieutica, iniziata quando un Jacquot diciassettenne ...

    – Cristina Battocletti

1-10 di 57 risultati