Le nostre Firme

Dino Pesole

Editorialista |  @DinoPesole |

Editorialista del Sole24Ore con competenze sui conti pubblici e le tematiche europee, giornalista professionista dal 1983, giornalista parlamentare, quirinalista. Ha cominciato la sua carriera all'Ansa, poi Ŕ passato al quotidiano Italia Oggi. Successivamente Ŕ stato per un breve periodo all'Indipendente, ha collaborato con il Corriere della Sera, Il Mondo, Mondo economico, il Giornale Radio Rai. Infine Ŕ stato capo ufficio stampa dell'AutoritÓ Garante della Concorrenza e del Mercato.
Per Radio24, conduce il programma settimanale “A conti fatti, la Storia e la memoria dell'economia”. Tiene lezioni di giornalismo economico presso la Scuola di giornalismo di Urbino e presso il Master di giornalismo e informazione multimediale del Sole24Ore. ╚ stato docente a contratto di giornalismo economico e giornalismo politico-parlamentar e presso la FacoltÓ di Lettere, La Sapienza, Roma, Laurea magistrale in Editoria e scrittura. Attualmente ricopre l'incarico di direttore del Master in Management politico, presso la Business School del Sole24Ore.
Pubblicazioni: Giugno 1994 - La vertigine del debito, Editori Riuniti. Aprile 1996 - Il debito degli italiani, Editori Riuniti. Marzo 1997 - L'Artigianato nell'economia italiana dal dopoguerra a oggi Edizioni IlSole24Ore. Maggio 1998 - Guida alla Riforma fiscale, Editori Riuniti. Dicembre 2001: I conti in regola, Edizioni Il Sole24Ore. Ottobre 2005 - Dizionario della democrazia (dagli interventi di Carlo Azeglio Ciampi), Edizioni San Paolo. Dicembre 2008 - Coautore insieme a Francesco Piu de “Il Patto, cittadini e Stato: dal conflitto a una nuova civiltÓ fiscale”, Edizioni IlSole24Ore. Ottobre 2012 - “Il salasso, come non finire dissanguati dalle tasse. Cinque mosse per cambiare il Fisco”, edizioni Castelvecchi. Febbraio 2019 – “Il sentiero stretto e oltre”, conversazione con Pier Carlo Padoan (Il Mulino). Aprile 2019 – Coautore insieme a Roberto Basso de “L'economia percepita, dati, comunicazione e consenso nell'era digitale” (Donzelli).

  • Luogo: Roma
  • Lingue parlate: Italiano, inglese, francese
  • Argomenti: Conti pubblici, Europa, attività politico-parlamentari

Ultimo aggiornamento 31 ottobre 2019

Ultimi articoli di Dino Pesole

    Tutti i dossier economici sul tavolo del neo commissario Ue Gentiloni

    E' un'agenda fitta e impegnativa, quella che attende Paolo Gentiloni, neo commissario agli Affari economici: dalla nascita di un vero bilancio dell'eurozona al piano di investimenti da 1.000 miliardi in "sostenibilitÓ ambientale" per dare sostanza al nuovo corso verde annunciato dalla neo presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen

    – di Dino Pesole

    Il miraggio (e il paradosso) del pareggio di bilancio

    Se si esclude il duro braccio di ferro con il precedente governo (comunque chiusosi con un compromesso), non si pu˛ certo affermare che dal 2014 in poi abbia prevalso una linea "rigorista". L'ultima "deroga" in ordine di tempo Ŕ prevista dalla manovra in discussione al Senato

    – di Dino Pesole

    Con la frenata del Pil sfuma il calo del debito

    Il primo check sulla manovra da parte della Commissione europea parte dall'aggiornamento delle stime relative all'economia italiana, in vista del parere atteso per il prossimo 20 novembre. Per il 2019, la partita Ŕ sostanzialmente chiusa con l'allineamento delle previsioni tra Roma e Bruxelles: Pil

    – di Dino Pesole

    Clausole Iva da disinnescare: una bomba a orologeria da 43 miliardi

    Le cifre in ballo mostrano con chiarezza che anche per il biennio 2021-2022 il peso delle residue clausole Iva condizionerÓ non poco la politica di bilancio, restringendo i margini a disposizione per misure dirette al sostegno della crescita e dell'occupazione

    – di Dino Pesole

    Il rischio debito resta ma dalla Ue nessun ultimatum

    Se si guarda al rispetto formale e puntuale delle regole europee, il rischio di "deviazione significativa" paventato dalla Commissione europea nella lettera inviata al ministro dell'Economia Roberto Gualtieri Ŕ tutt'altro che scongiurato

    – di Dino Pesole

    Non va disperso il "dividendo" dello spread

    Come mostra con assoluta evidenza quel che Ŕ accaduto negli ultimi mesi, Ŕ la variabile politica a condizionare (in positivo o in negativo) una parte tutt'altro che secondaria dello spread. In sostanza, se i mercati percepiscono che le fibrillazioni politiche della scorsa come dell'attuale maggioranza possano mettere a repentaglio la stabilitÓ del governo, chiedono al nostro paese un "extra" in termini di rendimento per compensare il rischio

    – di Dino Pesole

1-10 di 1424 risultati