Le nostre Firme

Dino Pesole

Editorialista |  @DinoPesole |

Editorialista del Sole24Ore con competenze sui conti pubblici e le tematiche europee, giornalista professionista dal 1983, giornalista parlamentare, quirinalista. Ha cominciato la sua carriera all'Ansa, poi è passato al quotidiano Italia Oggi. Successivamente è stato per un breve periodo all'Indipendente, ha collaborato con il Corriere della Sera, Il Mondo, Mondo economico, il Giornale Radio Rai. Infine è stato capo ufficio stampa dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.
Per Radio24, conduce il programma settimanale “A conti fatti, la Storia e la memoria dell'economia”. Tiene lezioni di giornalismo economico presso la Scuola di giornalismo di Urbino e presso il Master di giornalismo e informazione multimediale del Sole24Ore. È stato docente a contratto di giornalismo economico e giornalismo politico-parlamentar e presso la Facoltà di Lettere, La Sapienza, Roma, Laurea magistrale in Editoria e scrittura. Attualmente ricopre l'incarico di direttore del Master in Management politico, presso la Business School del Sole24Ore.
Pubblicazioni: Giugno 1994 - La vertigine del debito, Editori Riuniti. Aprile 1996 - Il debito degli italiani, Editori Riuniti. Marzo 1997 - L'Artigianato nell'economia italiana dal dopoguerra a oggi Edizioni IlSole24Ore. Maggio 1998 - Guida alla Riforma fiscale, Editori Riuniti. Dicembre 2001: I conti in regola, Edizioni Il Sole24Ore. Ottobre 2005 - Dizionario della democrazia (dagli interventi di Carlo Azeglio Ciampi), Edizioni San Paolo. Dicembre 2008 - Coautore insieme a Francesco Piu de “Il Patto, cittadini e Stato: dal conflitto a una nuova civiltà fiscale”, Edizioni IlSole24Ore. Ottobre 2012 - “Il salasso, come non finire dissanguati dalle tasse. Cinque mosse per cambiare il Fisco”, edizioni Castelvecchi. Febbraio 2019 – “Il sentiero stretto e oltre”, conversazione con Pier Carlo Padoan (Il Mulino). Aprile 2019 – Coautore insieme a Roberto Basso de “L'economia percepita, dati, comunicazione e consenso nell'era digitale” (Donzelli).

  • Luogo: Roma
  • Lingue parlate: Italiano, inglese, francese
  • Argomenti: Conti pubblici, Europa, attività politico-parlamentari

Ultimo aggiornamento 30 gennaio 2020

Ultimi articoli di Dino Pesole

    In Italia deficit e debito alle stelle. Come fare per invertire il trend?

    La pesante eredità per i conti pubblici del 2021: deficit all'8,8% e debito verso quota 157,1% del Pil. La possibilità di conseguire sostenuti tassi di crescita è in buona parte affidata al piano di riforme e investimenti da realizzare entro il 2026

    – di Dino Pesole

    A quali condizioni è possibile il rimbalzo del Pil dopo l'estate?

    Capacità di somministrare fino a 500mila dosi al giorno di vaccino, effetto anticipatore del piano di riforme strutturali all'interno del Recovery plan e traino degli investimenti possono garantire una crescita sostenuta nella seconda parte dell'anno per poi centrare la stima del 5% per il 2021

    – di Dino Pesole

    Decreto ristori, arriva un altro scostamento di bilancio

    Dall'inizio della pandemia, su richiesta del precedente governo, il ricorso al maggior deficit (reso possibile dalla sospensione dei vincoli di bilancio europei) ha comportato nel totale stanziamenti diretti a far fronte alla crisi per 108,3 miliardi

    – di Dino Pesole

    Le élite deboli di un Paese inefficiente

    Già prima che esplodesse la doppia crisi finanziaria del 2008-2009 e del 2011-2013, si è discusso a lungo dei "colli di bottiglia", i nodi di natura strutturale alla base del rallentamento dell'economia italiana: rigidità del mercato del lavoro; produttività stagnante; giustizia civile dai tempi

    – di Dino Pesole

    Riuscirà il piano vaccini di Draghi a far crescere il Pil del 4%?

    La partita è ora tutta da giocare sul piano della massima accelerazione della campagna vaccinale che rappresenta la chance maggiore per avviare già nel terzo trimestre dell'anno un percorso di crescita che si aggiri attorno alla nuova stima messa a punto dall'Ocse

    – di Dino Pesole

    Debito e crescita, quale impatto dalla sospensione dei vincoli Ue fino al 2023?

    Se nella fase attuale il costo di finanziamento del debito avviene a tassi molto contenuti grazie agli interventi della Bce, non si può ignorare che nel medio-lungo periodo, quando la politica monetaria tornerà nei binari della "normalità", occorrerà far fronte a emissioni non inferiori ai 500 miliardi l'anno

    – di Dino Pesole

1-10 di 1563 risultati