Le nostre Firme

Dino Pesole

Editorialista |  @DinoPesole |

Editorialista del Sole24Ore con competenze sui conti pubblici e le tematiche europee, giornalista professionista dal 1983, giornalista parlamentare, quirinalista. Ha cominciato la sua carriera all'Ansa, poi è passato al quotidiano Italia Oggi. Successivamente è stato per un breve periodo all'Indipendente, ha collaborato con il Corriere della Sera, Il Mondo, Mondo economico, il Giornale Radio Rai. Infine è stato capo ufficio stampa dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.
Per Radio24, conduce il programma settimanale “A conti fatti, la Storia e la memoria dell'economia”. Tiene lezioni di giornalismo economico presso la Scuola di giornalismo di Urbino e presso il Master di giornalismo e informazione multimediale del Sole24Ore. È stato docente a contratto di giornalismo economico e giornalismo politico-parlamentare presso la Facoltà di Lettere, La Sapienza, Roma, Laurea magistrale in Editoria e scrittura. Attualmente ricopre l'incarico di direttore del Master in Management politico, presso la Business School del Sole24Ore.
Pubblicazioni: Giugno 1994 - La vertigine del debito, Editori Riuniti. Aprile 1996 - Il debito degli italiani, Editori Riuniti. Marzo 1997 - L'Artigianato nell'economia italiana dal dopoguerra a oggi Edizioni IlSole24Ore. Maggio 1998 - Guida alla Riforma fiscale, Editori Riuniti. Dicembre 2001: I conti in regola, Edizioni Il Sole24Ore. Ottobre 2005 - Dizionario della democrazia (dagli interventi di Carlo Azeglio Ciampi), Edizioni San Paolo. Dicembre 2008 - Coautore insieme a Francesco Piu de “Il Patto, cittadini e Stato: dal conflitto a una nuova civiltà fiscale”, Edizioni IlSole24Ore. Ottobre 2012 - “Il salasso, come non finire dissanguati dalle tasse. Cinque mosse per cambiare il Fisco”, edizioni Castelvecchi

  • Luogo: Roma
  • Lingue parlate: Italiano, inglese, francese
  • Argomenti: Conti pubblici, Europa, attività politico-parlamentari

Ultimo aggiornamento 16 settembre 2019

Ultimi articoli di Dino Pesole

    Verso il disco verde alla nuova flessibilità Ue ma con diverse condizioni da rispettare

    Prima fra tutte, il nodo fondamentale della riduzione del debito che dovrà essere avviato con maggiore vigore su un sentiero di riduzione. Contestuale la richiesta di non recedere dal percorso di attuazione delle riforme strutturali e di consolidare gli interventi per accrescere la produttività e combattere l'evasione fiscale

    – di Dino Pesole

    Dal dividendo dello spread spazi per sostenere la crescita

    Taglio del cuneo fiscale e contributivo e contestuale avvio di una riforma fiscale più complessiva potrebbero essere le scelte più giuste, avendo più coraggio sulla spending review per sostenere il costo dell'operazione

    – di Dino Pesole

    La doppia scommessa su flessibilità e lotta all'evasione

    La manovra da 29-30 miliardi che il Governo si accinge a mettere a punto, all'interno della nuova cornice macroeconomica e di finanza pubblica contenuta nella Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza (con un Pil 2020 a quota 0,6% e un deficit programmatico al 2,2% del Pil) poggia

    – di Dino Pesole

    Sì alla flessibilità Ue ma ora occorre ridurre il debito

    Il percorso verso il raggiungimento del pareggio di bilancio si allunga ulteriormente. Ma oggettivamente si tratta di un obiettivo che ora viene posto in discussione dalla stessa Germania, vale a dire dal paese che ha sostanzialmente imposto negli anni della crisi una maggiore e più stringente vigilanza e controllo sui bilanci pubblici dell'eurozona

    – di Dino Pesole

    Pil intorno allo 0,4% nel 2020 e incognita debito, in arrivo l'aggiornamento del Def

    La corsa al ribasso delle stime di crescita per l'economia italiana vede ora l'Ocse fermarsi a zero per l'anno in corso e allo 0,4% nel 2020. Decimale in più o in meno, la Nota di aggiornamento al Def (Nadef) che il Governo approverà entro il 27 settembre non potrà che allinearsi alle stime di consenso dei principali previsori interni e internazionali

    – di Dino Pesole

    Manovra, negli ultimi 4 anni l'Ue ha concesso all'Italia 30 miliardi di flessibilità

    L'Ue ha concesso all'Italia 29,7 miliardi di flessibilità nel quadriennio 2015-2018. Si può aprire una discussione su come questo spazio aggiuntivo di bilancio sia stato utilizzato (si è finanziata spesa corrente e si è evitato l'aumento dell'Iva). Fatto sta che l'Italia è il paese che ne ha maggiormente beneficiato

    – di Dino Pesole

1-10 di 1415 risultati