Le nostre Firme

Dino Pesole

Editorialista |  @DinoPesole |

Editorialista del Sole24Ore con competenze sui conti pubblici e le tematiche europee, giornalista professionista dal 1983, giornalista parlamentare, quirinalista. Ha cominciato la sua carriera all'Ansa, poi è passato al quotidiano Italia Oggi. Successivamente è stato per un breve periodo all'Indipendente, ha collaborato con il Corriere della Sera, Il Mondo, Mondo economico, il Giornale Radio Rai. Infine è stato capo ufficio stampa dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.
Per Radio24, conduce il programma settimanale “A conti fatti, la Storia e la memoria dell'economia”. Tiene lezioni di giornalismo economico presso la Scuola di giornalismo di Urbino e presso il Master di giornalismo e informazione multimediale del Sole24Ore. È stato docente a contratto di giornalismo economico e giornalismo politico-parlamentare presso la Facoltà di Lettere, La Sapienza, Roma, Laurea magistrale in Editoria e scrittura. Attualmente ricopre l'incarico di direttore del Master in Management politico, presso la Business School del Sole24Ore.
Pubblicazioni: Giugno 1994 - La vertigine del debito, Editori Riuniti. Aprile 1996 - Il debito degli italiani, Editori Riuniti. Marzo 1997 - L'Artigianato nell'economia italiana dal dopoguerra a oggi Edizioni IlSole24Ore. Maggio 1998 - Guida alla Riforma fiscale, Editori Riuniti. Dicembre 2001: I conti in regola, Edizioni Il Sole24Ore. Ottobre 2005 - Dizionario della democrazia (dagli interventi di Carlo Azeglio Ciampi), Edizioni San Paolo. Dicembre 2008 - Coautore insieme a Francesco Piu de “Il Patto, cittadini e Stato: dal conflitto a una nuova civiltà fiscale”, Edizioni IlSole24Ore. Ottobre 2012 - “Il salasso, come non finire dissanguati dalle tasse. Cinque mosse per cambiare il Fisco”, edizioni Castelvecchi

  • Luogo: Roma
  • Lingue parlate: Italiano, inglese, francese
  • Argomenti: Conti pubblici, Europa, attività politico-parlamentari

Ultimo aggiornamento 02 maggio 2019

Ultimi articoli di Dino Pesole

    Per il ministro Tria accordo con Ue più vicino ma resta in nodo del debito

    Per il responsabile dell'Economia la strada maestra non può che passare attraverso un corposo intervento di revisione strutturale della spesa corrente: obiettivo certamente condivisibile, ma di ardua realizzazione come mostrano le più recenti esperienze di "spending review" condotte a partire dal 2007

    – di Dino Pesole

    Conte e la ricerca di alleati per scongiurare la procedura d'infrazione

    Le nuove stime sull'andamento dei conti pubblici, che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si appresta a presentare al Consiglio europeo d'intesa con il ministro dell'Economia Giovanni Tria (e soprattutto con l'avallo del Quirinale) possono oggettivamente costituire un primo passo per

    – di Dino Pesole

    Rafforzare l'avanzo primario, la possibile strategia del governo

    Presentare a Bruxelles e ai mercati un aggiornamento dei conti pubblici che preveda un incremento dell'avanzo primario, l'indicatore chiave che registra il saldo tra entrate e uscite al netto della spesa per interessi. E' una strada che il Governo potrebbe perseguire per lanciare quanto meno un

    – di Dino Pesole

    L'ambasciatore tedesco in Italia Elbling: «Dialogo politico con l'Ue»

    Così come avvenuto lo scorso autunno, quando è stato possibile raggiungere un'intesa con la Commissione europea che ha evitato l'avvio di una procedura d'infrazione nei confronti dell'Italia, anche ora la linea del dialogo in vista di una possibile soluzione politica dovrà essere perseguita con

    – di Dino Pesole

    Ecco le conseguenze di una procedura sul debito eccessivo (mai applicata finora)

    Quella che la Commissione Ue si appresta a "raccomandare" ai ministri (e dunque alla valutazione politica dei governi) è tecnicamente una procedura per disavanzo eccessivo causato dal mancato rispetto della regola del debito. E le cifre sono queste: nel 2018 il debito è stato pari al 132,2%,

    – di Dino Pesole

    Mini-bot, perché la «moneta parallela» sarebbe un danno per l'Italia

    Se si considera l'effetto già prodotto sullo spread e i rischi connessi, ci si potrebbe chiedere: a chi giova? Già, perché la mozione approvata dalla Camera giovedì scorso con voto bipartisan che impegna il governo a pagare i debiti commerciali della Pubblica amministrazione anche attraverso

    – di Dino Pesole

    Per uscire dalla stagnazione occorre invertire le aspettative

    Uscita dalla recessione "tecnica", la nostra economia è alle prese con una fase di preoccupante stagnazione. Non è questione di un decimale di differenza tra la stima preliminare dell'Istat e quella ora aggiornata relativamente al primo trimestre dell'anno (dallo 0,2 allo 0,1%). Il problema è che

    – di Dino Pesole

    Ora la procedura di infrazione contro Roma diventa una partita tutta politica

    Dal punto di vista della disciplina di bilancio europea, il nostro paese sarebbe già tecnicamente in procedura d'infrazione per disavanzo eccessivo causato dalla violazione della regola del debito. Dal punto di vista politico - dove si gioca la vera partita - tutto dipenderà da un lato

    – di Dino Pesole

    L'Europa batta un colpo, ma nessuna scorciatoia alla riduzione del debito

    Molto dipenderà dalla scelta dei personaggi chiave, a partire dal prossimo presidente della Commissione europea. Tuttavia fin d'ora si può immaginare che con un Parlamento in cui la maggioranza sarà formata dalle due tradizionali famiglie europee (popolari e socialisti) con l'aggiunta dei liberali

    – di Dino Pesole

1-10 di 1396 risultati