Le nostre Firme

Dino Pesole

Editorialista |  @DinoPesole |

Editorialista del Sole24Ore con competenze sui conti pubblici e le tematiche europee, giornalista professionista dal 1983, giornalista parlamentare, quirinalista. Ha cominciato la sua carriera all'Ansa, poi è passato al quotidiano Italia Oggi. Successivamente è stato per un breve periodo all'Indipendente, ha collaborato con il Corriere della Sera, Il Mondo, Mondo economico, il Giornale Radio Rai. Infine è stato capo ufficio stampa dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.
Per Radio24, conduce il programma settimanale “A conti fatti, la Storia e la memoria dell'economia”. Tiene lezioni di giornalismo economico presso la Scuola di giornalismo di Urbino e presso il Master di giornalismo e informazione multimediale del Sole24Ore. È stato docente a contratto di giornalismo economico e giornalismo politico-parlamentare presso la Facoltà di Lettere, La Sapienza, Roma, Laurea magistrale in Editoria e scrittura. Attualmente ricopre l'incarico di direttore del Master in Management politico, presso la Business School del Sole24Ore.
Pubblicazioni: Giugno 1994 - La vertigine del debito, Editori Riuniti. Aprile 1996 - Il debito degli italiani, Editori Riuniti. Marzo 1997 - L'Artigianato nell'economia italiana dal dopoguerra a oggi Edizioni IlSole24Ore. Maggio 1998 - Guida alla Riforma fiscale, Editori Riuniti. Dicembre 2001: I conti in regola, Edizioni Il Sole24Ore. Ottobre 2005 - Dizionario della democrazia (dagli interventi di Carlo Azeglio Ciampi), Edizioni San Paolo. Dicembre 2008 - Coautore insieme a Francesco Piu de “Il Patto, cittadini e Stato: dal conflitto a una nuova civiltà fiscale”, Edizioni IlSole24Ore. Ottobre 2012 - “Il salasso, come non finire dissanguati dalle tasse. Cinque mosse per cambiare il Fisco”, edizioni Castelvecchi

  • Luogo: Roma
  • Lingue parlate: Italiano, inglese, francese
  • Argomenti: Conti pubblici, Europa, attività politico-parlamentari

Ultimo aggiornamento 11 ottobre 2018

Ultimi articoli di Dino Pesole

    Per Tria spazio di mediazione ridotto. Procedura d'infrazione vicina, ecco le tappe

    Con la replica di Giovanni Tria alle stime sul deficit della commissione, si riduce al minimo lo spazio di mediazione che il ministro dell'Economia aveva mantenuto finora per evitare o ammorbidire la procedura d'infrazione. Ora si procede secondo il calendario. Una volta ricevuta la risposta entro

    – di Dino Pesole

    Le manovre fatte a partire dai tagli di spesa

    Da decenni si prova ad affrontare nel nostro Paese il nodo della riqualificazione della spesa pubblica. I tentativi finora messi in campo per rendere effettiva e strutturale una vera e incisiva spending review non hanno prodotto i risultati sperati. Il motivo? Tagliare la spesa costa in termini di

    – di Mario Baldassarri e Dino Pesole

    La sfida di formare politici nuovi e attrezzati

    Puntare sulla formazione, sulla specializzazione è un asset fondamentale in un contesto storico e politico attraversato da molteplici e spesso contrastanti spinte e da pulsioni che richiedono di essere interpretate e ben governate. E lo è a partire dalla politica, per accrescere il livello delle

    – di Sergio Fabbrini e Dino Pesole

    Manovra: ecco cosa deve cambiare il governo per avere l'ok di Bruxelles

    Vista da Bruxelles, nella fase attuale del confronto/scontro sulla manovra presentata dal governo Conte, l'unica strada percorribile per evitare la bocciatura della legge di Bilancio e l'apertura di una procedura d'infrazione per violazione della regola del debito è mettere mano prima di tutto alla

    – di Dino Pesole

    Legge bilancio 2019, le sanzioni Ue che rischia l'Italia

    Prima una lettera con la richiesta di chiarimenti, in cui verranno condensati tutti i punti contestati. Poi la richiesta formale di correttivi alla manovra da adottare entro due settimane. Infine l'eventuale bocciatura della manovra. Questi i passaggi pressoché certi del confronto/scontro in atto

    – di Dino Pesole

    La scommessa della crescita senza alternative, ma ora misure per fare Pil

    Nessuna modifica al quadro macroeconomico definito dal Governo, annuncia il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, all'indomani della mancata validazione da parte dell'Ufficio Parlamentare di Bilancio. Scelta legittima se sostenuta da una modifica degli addendi della manovra.

    – di Dino Pesole

    Tagli alla spesa sì, ma non lineari

    Va bene spedire in soffitta le vecchie "clausole di salvaguardia" sull'Iva, pesante zavorra che dal 2011 incombe sui nostri conti pubblici. Aumenti automatici finora disinnescati in gran parte aumentando il deficit. La stessa strada che il governo si accinge a percorrere per neutralizzare 12,4

    – di Dino Pesole

    Deficit, il rischio potenziale di superare l'asticella del 2%

    Rispettare le regole, nel linguaggio e nella prassi europea, significa per il Governo dare un segnale con la prossima legge di Bilancio su due fronti: la riduzione del debito e il contenimento del deficit strutturale. Se il ministro dell'Economia, Giovanni Tria nella riunione informale

    – di Dino Pesole

1-10 di 1362 risultati