Ultime notizie:

Dimitris Papaioannou

    2017 Odissea sopra e sottoterra

    Mai smentisce la sua cultura, le sue origini, il suo essere eccellente artista visivo, tragico e greco. Dopo le fatiche di Sisifo, (in Still Life, 2014), e il duetto-capolavoro Primal Matter (sul sacro e il profano, 2012), l'approdo al mito di Proserpina in The Great Tamer, la sua ultima,

    – di Marinella Guatterini

    Ravello, anno zero: il festival riparte dalla classica (senza grandi nomi pop)

    Chi era abituato agli Herbie Hancock e ai Burt Bacharach, ai Philip Glass, ai John Malkovich e ai Jonathan Coe probabilmente rimarrā deluso. Oggi a Roma si presenta (e finalmente) la 64esima edizione del Ravello Festival, kermesse della Costiera amalfitana che partiva wagneriana ma, nel corso di questi anni, era riuscita a mettere insieme all'insegna del crossover personalitā di ambiti molto diversi dalla musica classica, tutte di livello assoluto. La sensazione, a leggere i dettagli del nuovo c...

    – Francesco Prisco

    Il trasformatore di corpi

    A fine anno i bilanci artistici si stilano volentieri; il 2015 č stato ricco di eventi coreutici indimenticabili, come quel BiT di Maguy Marin, tra i

    – Marinella Guatterini

    Il corpo come campo di battaglia, del greco Dimitris Papaioannou

    Non č classificabile come semplice coreografia. E' teatro-danza, nell'accezione pių vasta del termine, pičce, performance. Ma non importa cercare una definizione di genere. "Primal Matter" - "Argomento primordiale" - del cinquantunenne coreografo greco Dimitris Papaioannou č uno spettacolo icastico,

    – Giuseppe Distefano