Persone

Diego Piacentini

Diego Piacentini è un manager italiano nato a Milano nel 1960. Dal 17 agosto 2016 ricopre la carica biennale di commissario governativo per il digitale e l'innovazione a capo dell'Agenzia per l'Italia digitale.

Il manager in aspettativa da Amazon, in questo ruolo lavorerà pro bono, senza compenso.

Dopo la laurea in economia politica all'Università Bocconi di Milano Piacentini si è occupato di gestione finanziaria in Fiatimpresit in Italia. È entrato in Apple Computer nel 1987 ed è stato promosso alla posizione di Vice President e general manager di Apple Europe nel 1997. Nel 2000 è entrato in Amazon con la posizione di Senior Vice President International e membro dell'executive team. E' stato responsabile di tutte le operazioni di distribuzione nei cinque paesi al di fuori del Nord America: Regno Unito, Germania, Francia, Giappone e Cina.

Piacentini fa parte degli advisory board della Foster School of Business della University of Washington e di Endeavor, un'organizzazione non-profit globale che aiuta gli imprenditori nei paesi in via di sviluppo. Diego fa anche parte del board della Maasai Association e ne sostiene le iniziative di formazione e sanità in Kenya.

E' sposato e ha due figli.

Ultimo aggiornamento 07 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Management | Diego Piacentini | Board | Manager | Bocconi | Europe | Maasai Association | Apple | Milano | Endeavor | Amazon | Vice President International |

Ultime notizie su Diego Piacentini

    Che fine fanno i quasi 6 miliardi per la trasformazione digitale della PA?

    L'autrice di questo post è Maria Elena Viggiano. Giornalista, segue progetti di internazionalizzazione per le Pmi e di innovazione - Trentacinque miliardi di euro per la PA e venticinque miliardi di euro per le imprese. Tanto vale l'impatto economico della trasformazione digitale nella Pubblica Amministrazione secondo le stime del Politecnico di Milano, con ricadute positive per i cittadini e le aziende che avrebbero dei benefici grazie allo snellimento e alla semplificazione della burocrazia. ...

    – Econopoly

    Perché 18 milioni di italiani non usano Internet?

    La principale sfida è quella di riuscire a introdurre in pianta stabile il digitale nella scuola italiana attraverso le giuste competenze digitali di docenti specializzati per fascia d'età

    – di Guido Romeo

    Il ministro Pisano: «Lotta a burocrazia e digital divide»

    Capri - Lotta al digital divide, spinta sulle partnership pubblico-privato, lotta contro tutte quelle zavorre burocratiche che rallentano lo sviluppo digitale dell'Italia. Sono questi i tre capisaldi ai quali andrà agganciata l'azione per la digitalizzazione del Paese. E saranno questi i punti

    – di Andrea Biondi

    Bcg rilancia sui giovani talenti

    Media alta, anzi altissima, E poi padronanza delle lingue, oltre naturalmente ad una forte motivazione. Sono le caratteristiche chiave dei 100 "talenti" a cui Bcg offre un percorso ad hoc di alta formazione che prende il via a Milano per la quarta edizione.

    – di Luca Orlando

    Competitività, tutto passa dalla governance del digitale

    La governance della trasformazione digitale del Paese e della Pubblica Amministrazione è il passaggio ineludibile se vogliamo recuperare competitività. E' in capo a due figure diverse, con una gestione duale ancora non definita esattamente. Si tratta di Luca Attias, il Commissario straordinario che

    – di Carlo Mochi Sismondi *

    Il Pil Usa non scalda i listini. Petroliferi giù con calo del greggio

    Chiusura abbastanza stabile per le Borse europee, nonostante un'ottima lettura preliminare del Pil Usa del primo trimestre del 2019. Tra gennaio e marzo c'è stata un'espansione del 3,2% contro attese per un +2,5%. Tuttavia nel rapporto diffuso dal Dipartimento americano del Commercio è inclusa

    – di Eleonora Micheli

    Piazza Affari paga le tensioni politiche e chiude a -0,8, si salva St

    Chiusura debole per le Borse europee (segui qui l'andamento dei listini) fatta eccezione di Francoforte, in rialzo a dispetto del deludente indice Ifo sulla fiducia delle imprese tedesche. Madrid e Milano sono state le piazze peggiori. Il FTSE MIB ha lasciato sul parterre lo 0,79%, risentendo delle

    – di Eleonora Micheli

1-10 di 91 risultati