Persone

Diana Bracco

Diana Bracco è nata il 3 luglio del 1941 a Milano ed è un'imprenditrice italiana, amministratore delegato e presidente del gruppo Bracco, multinazionale della salute leader mondiale nella diagnostica per immagini.
Laureatasi in chimica presso l'Università di Pavia, nel 1966 è entrata nell'azienda di famiglia facendo diverse esperienze fino a diventare nel 1977 direttore generale e dal 1999 amministratore delegato e presidente, prendendo il timone del gruppo dal padre Fulvio.
Diana Bracco è oggi anche presidente e amministratore delegato del Centro Diagnostico Italiano, struttura poliambulatoriale a servizio completo orientata alla prevenzione nata nel 1975.
Diana Bracco ha ricoperto numerosi incarichi nel sistema confindustriale. Attualmente è vice presidente per la ricerca e innovazione di Confindustria. Dal 2005 al 2009 è stata il primo presidente donna nella storia di Assolombarda e prima ancora di Federchimica.
Nel progetto Expo Milano 2015 ha rivestito il ruolo di presidente di Expo 2015 Spa e di commissario generale di sezione per il Padiglione Italia.
E' stata vicepresidente della Camera di Commercio di Milano di cui fa ancora parte del Consiglio e attualmente siede anche nel Consiglio di Amministrazione dell'Università Bocconi di Milano.
Diana Bracco è impegnata in numerose iniziative sociali e filantropiche: è presidente della Fondazione Bracco, nata nel 2010, mentre dal 2007 è presidente della Fondazione Sodalitas per lo sviluppo dell'imprenditoria nel sociale.
Dal 2012 è nel consiglio di amministrazione dell'Accademia della Scala.
Tra le onorificenze e i titoli ricevuti vi sono quelle di Cavaliere del Lavoro (2002), Medaglia doro del Comune di Milano (2002), Dama di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (2004) e le lauree honoris causa in Farmacia presso l'Università di Pavia e in medicina presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E' stata sposata con Roberto De Silva, scomparso all'età di 73 anni nel 2012.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Sanità | Assistenza medica | Diana Bracco | Amministratore delegato | Milano | Camera di Commercio | Assonime | Consiglio nazionale delle ricerche | Expo 2015 Spa | Fondazione Mercuriale | Centro Diagnostico Italiano S.p.A. | Università Cattolica del Sacro Cuore | Fondazione Sodalitas | Confindustria | Fondazione Bracco | Italia | Federchimica | Assolombarda | Bocconi | Roberto De Silva | Roma.È | Humanitas S.p.A. | Fondazione Floriani | Sodalitas |

Ultime notizie su Diana Bracco

    Ema ad Amsterdam per Brexit, Canary Wharf chiede 320 milioni di danni

    «Le criticità emerse dall'interessante e approfondita inchiesta del Sole 24 Ore non mi sorprendono - afferma Diana Bracco, che nella lunga campagna a sostegno della candidatura di Milano come sede dell'Ema rappresentava nella cabina di regia il sistema camerale e l'intero mondo dell'industria -.

    – di R. Galullo e A. Mincuzzi

    Life sciences, un treno in corsa che l'Italia non deve perdere

    Per Diana Bracco, presidente del Cluster tecnologico nazionale Scienze della Vita Alisei: «Le Life Sciences in Italia sono un settore in grande espansione e in questo quadro e visti alcuni primati che il settore sta registrando a livello... «I Cluster – contnua Bracco – sono uno strumento fondamentale anche per superare le tante nostre debolezze strutturali.

    – di Francesca Cerati

    Ema, parla Diana Bracco: dossier di Amsterdam non veritiero. Rivedere la scelta

    «Bisogna crederci. Noi ci abbiamo creduto moltissimo fin da subito. E ci crediamo ancora». Diana Bracco, imprenditrice del settore farmaceutico, già presidente di Expo 2015 spa, è sempre stata convinta che Milano fosse la destinazione più giusta per l'Ema. Non solo per Milano e l'Italia, ma anche

    – di Marco Morino

    Bracco: «Ema, scelta inadeguata sarebbe una sconfitta per la Ue»

    «Le imprese hanno capito già un anno fa l'importanza di questa partita che porterebbe all'Italia un importante contributo al Pil». A poche ore dal voto che sancirà la nuova sede dell'Ema, l'Agenzia europea del farmaco costretta a cercare una nuova casa in Europa dopo la Brexit e l'addio a Londra,

    – di Marco Morino

    «Ema, una scelta europeista»

    «Le imprese hanno capito già un anno fa l'importanza di questa partita che porterebbe all'Italia un importante contributo al Pil». A poche ore dal voto del Consiglio Affari generali della Ue che lunedì sceglierà la nuova sede dell'Ema (l'Agenzia europea del farmaco)Diana Bracco, che nel

    Le imprese della chimica tagliano le emissioni del 55%

    Nel 2020 le emissioni di gas serra in Europa dovranno essere ridotte del 20% rispetto ai livelli del 1990, nel 2030 del 40%. Se questi sono gli obiettivi della Ue per tutti, ci sono però alcune eccezioni. Nell'emisfero positivo, la chimica possiamo considerarla una di queste. Rispetto al 1990 ha

    – di Cristina Casadei

    Ema, la Germania con Milano: «Sede eccellente, ha buone chance»

    In vista del 20 novembre, quando si riunirà il Consiglio affari generali Ue che deciderà la nuova sede dell'Ema, agenzia europea dei medicinali, e dell'Eba (L'authority bancaria), il ministro degli Affari esteri tedesco, Sigmar Gabriel è personalmente favorevole a scegliere Milano. Gabriel,

    Quel patto necessario tra pubblico e privato per valorizzare la cultura

    Un rapporto non sempre facile ma imprescindibile, in un Paese dal patrimonio artistico e culturale tra più ricchi al mondo, che necessita di manutenzione e cura costanti, ma che le istituzioni pubbliche, da sole, non sono più in grado di garantire. La solidarietà tra impresa e cultura in Italia

    – di Giovanna Mancini

    Ema, diplomazia in campo per Milano

    I consoli a Milano spingono perché l'Ema venga trasferita da Londra al capoluogo lombardo, dopo la Brexit. Ieri durante l'incontro con il Corpo consolare alla Camera di commercio hanno partecipato circa 45 consoli provenienti da tutto il mondo, quindi non solo europei. Nonostante non abbiano in

    – di Sara Monaci

1-10 di 353 risultati