Aziende

Deutsche Telekom

Nata nel 1996 dalla divisione e privatizzazione dell’ex monopolio statale delle poste federali tedesche Deutsche Bundespost, Deutsche Telekom è la più grande azienda di telecomunicazioni della Germania e d’Europa. Con la precedente denominazione di Deutsche Bundespost, la società, fin dal secondo dopoguerra, aveva gestito i servizi postali e di comunicazione della Germania Ovest. Anche se Deutsche Telekom è una public company, lo Stato tedesco ne ha sempre controllato una importante quota azionaria: se nel 2005 il 15,7% delle azioni appartenevano allo Stato tedesco, già nel 2007 la quota si è però ridotta al 14,87%, percentuale valida anche per il 2009, quando il 16,9% appartiene al gruppo bancario Kfw e il 68,3 è invece scambiato sul mercato (Deutsche Telekom è infatti quotata in Germania, a New York e a Tokio). Tutte le società controllate operano nei settori della telefonia fissa e mobile e dell’internet service e sono caratterizzate da un nome-marchio che inizia con “T-“. Si tratta di T-Home, che offre i servizi di telefonia fissa, T-Mobile, che si occupa della telefonia mobile, T-Online, che è un internet service provider, e T-Systems, che si occupa delle grandi utenze aziendali e comprende anche il dipartimento di ricerca e sviluppo.

Presente sul mercato delle telecomunicazioni di circa 50 Paesi nel mondo, servendo un totale di olte 200 milioni di clienti e impiegando circa 260.000 collaboratori, Deutsche Telekom ha anche il controllo delle quote di maggioranza di altre compagnie telefoniche operanti nei Paesi dell’Europa centrale, tra queste ci sono Slovak Telekom (Slovacchia), Magyar Telekom (Ungheria) e T-Hrvatski Telekom (Croazia), mentre possiede il 20% del capitale azionario dell'ex monopolista greco delle telecomunicazioni Hellenic Telecom.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Telecomunicazioni | Deutsche Telekom | Telefonia mobile | Kfw | Germania | T-Online | Deutsche Bundespost |

Ultime notizie su Deutsche Telekom

    There are winners already in the race for the most critical infrastructure

    (L'italiano è qui) 5G and foldable devices took center stage at MWC in Barcelona, ??the must-attend event for the leaders of what a century ago, or so it seems, was "the mobile industry". Like in several other industries, artificial intelligence (AI) is now organic to networks . Like it or not, we have entered the era of "intelligent" hyper-connectivity in which networks are self-managing as to capacity, speed and criticality according to demand and type of demand. The world of production was j...

    – Guiomar Parada

    La corsa all'infrastruttura più critica ha già dei vincitori

    Il 5G e i telefoni pieghevoli sono stati la crème dell'Mwc a Barcellona, l'evento imperdibile di quella che qualche secolo fa era la "telefonia mobile". Anche nelle reti, come in tanti altri settori dell'economia, è arrivata l'intelligenza artificiale (Ai) - intendendo (English here) che è già qui. Che piaccia o meno, siamo entrati nell'era l'iperconnettività "intelligente": le reti che si autogestiscono per capacità, velocità e criticità secondo il fabbisogno. Il mondo produttivo stava appena ...

    – Guiomar Parada

    La Germania chiede garanzie a Huawei per partecipare all'asta 5G

    In Germania è partita l'offensiva contro Huawei, in vista dell'asta 5G in programma nella seconda metà di marzo. Oggi a Berlino è in agenda la prima riunione di Governo per stabilire se l'introduzione di regole più severe a tutela della sicurezza e l'eventuale firma di un patto di non spionaggio

    – di Roberta Miraglia

    Huawei, il furto del robot Tappy e la nuova guerra fredda Usa-Cina sul 5G

    NEW YORK - "La cyberwar è una minaccia per gli Stati Uniti. Da Cina e Russia arrivano i pericoli più grandi. I due paesi sono più allineati di quanto non lo fossero nei decenni passati, nel tentativo di espandere la loro influenza. Per rubare informazioni, influenzare i nostri cittadini,

    – dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

    Davos, 40 Ceo lanciano la «Dichiarazione digitale»

    Dal nostro inviatoDAVOS - Quaranta Chief executive di tutto il mondo, che rappresentano molte delle più grandi aziende tecnologiche e di telecomunicazioni, hanno sottoscritto una "Dichiarazione digitale" al World Economic Forum di Davos, con la quale si impegnano a una leadership responsabile

    – di Stefano Carrer

    Huawei ancora nel mirino degli Usa e Berlino vuole escluderla dall'asta 5G

    La Cina continua i negoziati con gli Stati Uniti. Il capo negoziatore Liu He arriverà a Washington il 30 gennaio per il secondo round di colloqui tra le due delegazioni. Ma in queste ore rispuntano con forza le tensioni tra i due Paesi per le accuse americane a Pechino sullo spionaggio industriale.

    – di Riccardo Barlaam

    La Merkel in Grecia per salvare l'intesa sulla Macedonia, mantenere l'austerity e fare affari

    Agenda ricca di impegni per Angela Merkel ad Atene. Il cancelliere tedesco solleciterà la Grecia a proseguire con le difficili riforme economiche, mantenere una rigida disciplina fiscale, salvare l'accordo con Skopje sul nome di Macedonia del Nord e proseguire con le privatizzazioni nel corso della visita di due giorni ad Atene dal 10 all'11 gennaio per la prima volta in quasi cinque anni. Merkel, la cui insistenza sulle misure di austerità in una fase di recesione durante la crisi del debito g...

    – Vittorio Da Rold

1-10 di 447 risultati