Ultime notizie:

deserto del Negev

    Elia Viviani centra il bis ad Eliat. Si torna in Italia con Dennis in maglia rosa

    Con un guizzo di alta scuola (e anche di coraggio) Elia Viviani fa il bis nella volata di Eliat, terza tappa di un Giro d'Italia che attraversa il deserto del Negev in uno scenario che toglie il respiro per la bellezza. E Il guizzo di Viviani, stretto contro le transenne dall'irlandese Sam Bennet,

    – di Dario Ceccarelli

    Giro d'Italia 2018, terza tappa: Viviani concede il bis in volata

    La terza tappa del Giro d'Italia 2018 vede protagonista ancora Elia Viviani. L'azzurro della Quick-Step Floors taglia per primo il traguardo della Be'er Sheva-Eliat battendo in volata Sacha Modolo e Bennett, con Mareczko quarto. Un successo arrivato nella seconda tappa più lunga di questa 101esima

    – a cura di Datasport

    Il solare a concentrazione più concentrato del mondo

    Si accenderà l'anno prossimo, nel deserto del Negev, la torre solare più alta al mondo, che soddisferà i consumi energetici del 5% della popolazione israeliana. Il grande faro in costruzione, che ha avuto anche l'appoggio di Leonardo Di Caprio con un post sul suo account Instagram, spicca già oggi sullo sfondo del deserto ad Ashalim, una località non lontana dal kibbutz di Sde Boker, noto per aver ospitato il padre della patria Ben Gurion nei suoi ultimi anni. Rivestita in acciaio inox, la torre...

    – Elena Comelli

    Israele d'inverno

    Una settimana di stacco, dalla nebbia e dal freddo. Un viaggio in Israele d'inverno è una sorpresa: non troppo distante dall'Europa, con un clima mite, almeno nelle ore centrali del giorno, e tante cose da fare e da vedere, oltre a quelle solite a cui uno pensa quando si parla della Terra Santa.

    – di Riccardo Barlaam

    La vita è bella

    Israman 113, il mio primo appuntamento "agonistico" dell'anno è saltato. Non perché la gara sia andata male. Semplicemente perché non sono partito: la notte prima dello start forse perché ho dormito poco, forse per la tensione di una gara che non conoscevo, o forse perché banalmente stavo male, ho cominciato a sudare freddo. Mi sentivo la febbre addosso. E non riuscivo a scaldarmi. La sveglia, come al solito, era fissata presto al mattino, per riuscire a fare una buona colazione prima di indo...

    – Riccardo Barlaam

    Israman, l'ironman nel deserto

    Ci siamo. Venerdì prossimo sarò alla partenza dell'Israman 70.3. La prima gara dell'anno, un mezzo ironman nel deserto israeliano. Non so come sarà. Ho deciso di partecipare a questa gara poco più di un mese fa. E la preparazione non è stata facile. Il freddo di questi giorni, il lavoro e tutto il resto... Insomma è stato complicatissimo riuscire a tirare il filo di un minimo di allenamento soprattutto in bici: avrò si è no 300 km nelle gambe in questa stagione che è davvero poca cosa per una ...

    – Riccardo Barlaam

1-10 di 31 risultati