Aziende

De Cecco

F.lli De Cecco di Filippo Spa è un'azienda alimentare italiana specializzata nella produzione di pasta, farina, olio d'oliva e salse. Con sede centrale e 2 stabilimenti in Abruzzo (a Fara San Martino e a Caldari di Ortona), F.lli De Cecco di Filippo Spa è guidata dal Presidente Filippo Antonio De Cecco. L’azienda è stata fondata nel 1886 a Fara San Martino dai fratelli De Cecco.

Nicola De Cecco ha iniziato prima a produrre farina e poi soprattutto la pasta e nel 1950 ha costruito un'industria a Pescara. Nel 1980 è stata inaugurata a Fara San Martino una nuova unità produttiva, mentre nel 1985 l'azienda ha costituito una propria rete di vendita. L’anno successivo è stata realizzata la Società Olearia, primo passo verso la differenziazione nella gamma dei prodotti, che si è ampliata nel 1993. Negli anni ‘90 sono stati realizzati investimenti, come il molino di Fara San Martino e nel 1997 lo stabilimento di Ortona.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su De Cecco

    Tamponi, braccia robotiche e blockchain: l'innovazione a Nordest contro Covid-19

    C'è una startup di Pergine, Trento, che nell'ultimo mese ha raddoppiato la produzione dei software che integrano e velocizzano i sistemi di lettura dei test tampone. Così nella lotta al Coronavirus entrano i sistemi di automazione e gestione robotica messi a punto da Robosense, insediata a Pergine, nel BIC di Trentino Sviluppo. La tecnologia è stata sviluppata per l'azienda medicale AB Analitica di Padova, che in questo periodo di emergenza è in prima linea nella fornitura di reagenti e strumen...

    – Barbara Ganz

    In ricordo di Guido Roberto Vitale, finanziere alieno e italiano anomalo

    Quando l'Italia del maestro Manzi leggeva la Gazzetta dello Sport per familiarizzare con la lingua italiana, Guido Roberto Vitale leggeva il Financial Times. Laureato brillantemente in economia - senza lode perché il barone di turno scoprì di non essere citato nella tesi sulle operazioni di mercato aperto della Federal Reserve - all'Università di Torino, Vitale partì per Londra e New York (specializzato alla Columbia University), per poi lavorare a Mediobanca. Possiamo dire che abbia portato il ...

    – Beniamino Piccone

    Isveimer e Ventriglia, alcune utili note prima di parlare di banca pubblica

    Per mascherare agli occhi dell'Unione Europea il salvataggio della Banca Popolare di Bari, il governo ha messo all'ordine del giorno del Consiglio dei ministri la costituzione di una Banca Pubblica di Investimento. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha puntualizzato al Sole 24 Ore che i margini per destinare parte dei 900 milioni destinati alla Popolare di Bari alla "Banca del Sud" "ci devono essere". E ha proseguito: "In ogni caso una cifra importante sarà destinata alla nuova banca pubblic...

    – Beniamino Piccone

    Visco e la «voce sola» della Bce

    Per il governatore le critiche estemporanee e postume dei membri del board rischiano di far prevale logiche nazionalistiche

    – di Rossella Bocciarelli

    Buone idee. Ecco i 7 imballaggi più ecologici dell'anno

    Non è vero che «non si fa niente contro l'eccesso di imballaggi». Ecco i magnifici sette che l'altro giorno hanno vinto il premio del Conai sulla "prevenzione", cioè contro l'eccesso di rifiuti. Whitford con i fusti di vernice che possono essere riutilizzati. Le vaschette d'alluminio a basso

    – di Jacopo Giliberto

    E' il tasso di interesse, bellezza!

    Pubblichiamo un post di Sergio Cesaratto, professore ordinario di Politica monetaria e fiscale nell'Unione Monetaria Europea, Università di Siena, e Antonino Iero, staff Direzione Regolamentazione e Studi Economici gruppo Unipol* -  Nel pieno della polemica di queste settimane, il commissario europeo Pierre Moscovici ha affermato: "Una manovra che aumenta il debito pubblico che è già 132%, il cui rimborso annuale ammonta a 65 miliardi l'equivalente del bilancio per l'istruzione, e che pesa 1.00...

    – Econopoly

    Ma quali investimenti pubblici, nella Legge di Bilancio se ne vedono ben pochi

    Dopo tanto penare, il governo è riuscito a partorire la Legge di Bilancio. C'erano molte attese. E molte paure. I timori erano correttamente riposti perché dal giorno della pubblicazione del contratto di governo (metà maggio), i mercati hanno iniziato a fare il loro lavoro, dare un prezzo alla credibilità del nostro Paese, ai titoli di Stato e alle azioni quotate. Il rischio Paese è cresciuto continuamente, i rendimenti dei titoli di Stato sono saliti sia sulla parte breve che sulla parte lunga ...

    – Beniamino Piccone

1-10 di 160 risultati