Aziende

De Cecco

F.lli De Cecco di Filippo Spa è un'azienda alimentare italiana specializzata nella produzione di pasta, farina, olio d'oliva e salse. Con sede centrale e 2 stabilimenti nel Chiavarese (a Fara San Martino e a Caldari di Ortona), F.lli De Cecco di Filippo Spa è guidata dal Presidente Giuseppe Adolfo De Cecco. L’azienda è stata fondata nel 1886 a Fara San Martino dai fratelli De Cecco.

Nicola De Cecco ha iniziato prima a produrre farina e poi soprattutto la pasta e nel 1950 ha costruito un'industria a Pescara. Nel 1980 è stata inaugurata a Fara San Martino una nuova unità produttiva, mentre nel 1985 l'azienda ha costituito una propria rete di vendita. L’anno successivo è stata realizzata la Società Olearia, primo passo verso la differenziazione nella gamma dei prodotti, che si è ampliata nel 1993. Negli anni ‘90 sono stati realizzati investimenti, come il molino di Fara San Martino e nel 1997 lo stabilimento di Ortona.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Nicola De Cecco | Azienda | Fara San Martino | Giuseppe Adolfo | Ortona | Filippo Spa |

Ultime notizie su De Cecco

    Ma quali investimenti pubblici, nella Legge di Bilancio se ne vedono ben pochi

    Dopo tanto penare, il governo è riuscito a partorire la Legge di Bilancio. C'erano molte attese. E molte paure. I timori erano correttamente riposti perché dal giorno della pubblicazione del contratto di governo (metà maggio), i mercati hanno iniziato a fare il loro lavoro, dare un prezzo alla credibilità del nostro Paese, ai titoli di Stato e alle azioni quotate. Il rischio Paese è cresciuto continuamente, i rendimenti dei titoli di Stato sono saliti sia sulla parte breve che sulla parte lunga ...

    – Beniamino Piccone

    Manovra, Visco: presto per valutare. Ridurre il debito pubblico

    Da Lanciano, dove è venuto a portare il suo ricordo affettuoso di Marcello De Cecco (economista scomparso il 3 marzo del 2016) in un convegno organizzato dall'Amdec, il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco torna a sottolineare, così come... Rievocando De Cecco e il suo bel libro “Moneta e Impero” il governatore parla del fatto che, quando si studiano i fenomeni che governano l'economia internazionale, non ci si deve limitare a un uso meccanicistico dei modelli teorici:...

    – di Rossella Bocciarelli

    L'Italia scelga: Milano o Roma, apertura o chiusura, merito o arretratezza

    Oh Milano, sono contento che ci sei. Vincenzo dice che sei fredda, frenetica senza pietà ma è cretino e poi vive a Roma, che ne sa? Alberto Fortis, "Milano e Vincenzo" Nei giorni scorsi è stato presentato a Milano il rapporto della Banca d'Italia sull'economia della Lombardia. Mentre il direttore della sede milanese Giuseppe Sopranzetti illustrava i buoni dati del 2018 e spiegava le ragioni della vivacità della congiuntura - a fronte del contesto politico nazionale che stiamo vivendo - mi sono ...

    – Beniamino Piccone

    Colombia, vince il conservatore Duque critico sull'accordo con le Farc

    Con il 96,5% delle schede scrutinate il candidato del centrodestra alle elezioni presidenziali in Colombia Ivan Duque vince con il 54% dei voti contro il 42%ottenuto dal suo avversario del centrosinistra, l'ex guerrigliero Gustavo Petro. Lo riportano i media internazionali.

    – di Roberto Da Rin

    Le grandi Ipo slittano al 2019. La Borsa si consola con le Pmi

    Ormai è chiaro: non sarà l'anno delle gradi quotazioni a Piazza Affari. Per quelle bisognerà, si spera, aspettare il 2019. Invece il 2018 non ha mantenuto le promesse che sembrava si potessero leggere a fine dello scorso anno, con un 2017 chiuso con 32 Ipo per un valore complessivo di 5,4 miliardi

    – di Monica D'Ascenzo

    Caffè Borbone: ricavi e utili volano mentre Italmobiliare acquisisce il 60%

    Tanti capitali freschi nella tazzina di caffè. E via sui mercati esteri per Caffè Borbone. Sì perché in Italia i consumi di caffè sono in calo da anni, eccetto quelli delle capsule che crescono del 20% da diversi anni. Tra le mura domestiche, una fetta degli italiani ha abbandonato la vecchia moka

    – di Emanuele Scarci

    La qualità del grano italiano non è un granché, dobbiamo importare da Stati Uniti, Australia e Francia. Il dossier della De Cecco

    "Se in Italia avessimo il grano duro che ci occorre in termini di qualità e quantità, non andremmo a prenderlo all'estero dove ai costi del prodotto si sommano il trasporto, la logistica e le polizze assicurative. Risparmieremmo tempo e denaro. Il grano importato costa mediamente oltre il 30% in più". Comincia così il dossier sulla pasta firmato De Cecco, uno dei marchi di pasta più famoso al mondo per l'alta qualità del prodotto. Continua a leggere su ilFattoAlimentare.it

    – Roberto La Pira

1-10 di 151 risultati