Aziende

De Cecco

F.lli De Cecco di Filippo Spa è un'azienda alimentare italiana specializzata nella produzione di pasta, farina, olio d'oliva e salse. Con sede centrale e 2 stabilimenti in Abruzzo (a Fara San Martino e a Caldari di Ortona), F.lli De Cecco di Filippo Spa è guidata dal Presidente Filippo Antonio De Cecco. L’azienda è stata fondata nel 1886 a Fara San Martino dai fratelli De Cecco.

Nicola De Cecco ha iniziato prima a produrre farina e poi soprattutto la pasta e nel 1950 ha costruito un'industria a Pescara. Nel 1980 è stata inaugurata a Fara San Martino una nuova unità produttiva, mentre nel 1985 l'azienda ha costituito una propria rete di vendita. L’anno successivo è stata realizzata la Società Olearia, primo passo verso la differenziazione nella gamma dei prodotti, che si è ampliata nel 1993. Negli anni ‘90 sono stati realizzati investimenti, come il molino di Fara San Martino e nel 1997 lo stabilimento di Ortona.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su De Cecco

    Bankitalia: memoria, identità e programmi in 26mila pagine

    Una quarantena di tempi remoti ed echi di polemiche sui vaccini: c'è anche questo tra i quasi cinquanta libri e le oltre 26mila pagine della «Collana storica» della Banca d'Italia, che da qualche settimana è a disposizione degli studiosi (e dei curiosi) interamente online. Le "misure quarantenarie"

    – di Luigi Federico Signorini

    Il gusto e il mercato della pasta italiana, in Francia

    La pasta è parte integrante della cultura italiana, ed è uno dei cibi più apprezzati nel mondo. Frutto di un'antichissima tradizione, la pasta (un impasto di farina e acqua) era, fin dall'antichità, un alimento ampiamente utilizzato in varie regioni del bacino del Mediterraneo e in Estremo Oriente. Tracce di produzione e consumo di pasta si trovano già tra gli Etruschi, i Greci, i Romani e altri popoli italici, in molte varianti locali (molte delle quali sono scomparse o non si sono evolute). ...

    – Gabriele Caramellino

    Cibo Halal tra crescita e sfide globali, il webinar sul mercato alimentare dei paesi islamici

    Per diventare fornitori Halal e operare in queste area serve una certificazione che garantisce la produzione in conformità alle regole dell'Islam, all'igiene a alla sicurezza -già ottenuta da un migliaio di pmi e da grandi aziende come Parmalat, Granarolo, Mutti, Pomì, Bunge, La Molisana, De Cecco, Le Due Valli e Biscopan - e che viene concessa dalla World Halal Authority, uno degli enti accreditati con sedi a Milano, Gran Bretagna e Spagna.

    Grandi imprese e Mezzogiorno, ruolo trainante da valorizzare

    Le grandi imprese in Italia sono circa 3.400 e, pur rappresentando solo lo 0,1% delle sue aziende, occupano il 20,7% dei loro addetti, generano il 31,7% del valore aggiunto e realizzano il 41,3% degli investimenti, trainando nei comparti strategici - siderurgia, automotive, aerospazio, chimica,

    – di Angelo Guarini e Federico Pirro

    Tamponi, braccia robotiche e blockchain: l'innovazione a Nordest contro Covid-19

    C'è una startup di Pergine, Trento, che nell'ultimo mese ha raddoppiato la produzione dei software che integrano e velocizzano i sistemi di lettura dei test tampone. Così nella lotta al Coronavirus entrano i sistemi di automazione e gestione robotica messi a punto da Robosense, insediata a Pergine, nel BIC di Trentino Sviluppo. La tecnologia è stata sviluppata per l'azienda medicale AB Analitica di Padova, che in questo periodo di emergenza è in prima linea nella fornitura di reagenti e strumen...

    – Barbara Ganz

    In ricordo di Guido Roberto Vitale, finanziere alieno e italiano anomalo

    Quando l'Italia del maestro Manzi leggeva la Gazzetta dello Sport per familiarizzare con la lingua italiana, Guido Roberto Vitale leggeva il Financial Times. Laureato brillantemente in economia - senza lode perché il barone di turno scoprì di non essere citato nella tesi sulle operazioni di mercato aperto della Federal Reserve - all'Università di Torino, Vitale partì per Londra e New York (specializzato alla Columbia University), per poi lavorare a Mediobanca. Possiamo dire che abbia portato il ...

    – Beniamino Piccone

    Isveimer e Ventriglia, alcune utili note prima di parlare di banca pubblica

    Per mascherare agli occhi dell'Unione Europea il salvataggio della Banca Popolare di Bari, il governo ha messo all'ordine del giorno del Consiglio dei ministri la costituzione di una Banca Pubblica di Investimento. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha puntualizzato al Sole 24 Ore che i margini per destinare parte dei 900 milioni destinati alla Popolare di Bari alla "Banca del Sud" "ci devono essere". E ha proseguito: "In ogni caso una cifra importante sarà destinata alla nuova banca pubblic...

    – Beniamino Piccone

1-10 di 167 risultati