Aziende

De Agostini

De Agostini Spa è un gruppo editoriale italiano. La società è controllata dalle famiglie Drago e Boroli tramite la finanziaria B&D Holding di Marco Drago e C. Sapa, che detiene anche il 2,3% di Generali. De Agostini Spa basa il suo core business nell’editoria (attraverso Utet, De Agostini Edizioni Scolastiche, Editions Atlas, Pianeti De Agostini, Editorial Planeta De Agostini); Media e communication (De Agostini Communication, l’80% di Zodiak Entertainment e il 66,7% di Antena 3); Giochi e servizi (Lottomatica al 59,8%); e Finanza (Dea Capital al 58,3). Il gruppo è attivo sia all’Italia che all’estero.

La società è nata a Roma nel 1901 come Istituto Geografico De Agostini. Nel 1919 è stata rilevata da Marco Adolfo Boroli e Cesare Angelo Rossi, che hanno potenziato l’attività cartografica. Diventata di proprietà esclusivamente della famiglia Borioli, nel 1971 De Agostini ha diversificato l’attività grafica da quella editoriale, dando vita al gruppo internazionale. Nel 1997 la presidenza è passata a Marco Drago, che ha contribuito alla privatizzazione di Seat. Nel 2003 l’azienda ha rilevato Toro Assicurazioni Spa (ceduta poi nel 2006) e una quota della spagnola Antena 3 Television. L’anno successivo è nata la sub-holding De Agostini Editore Spa e nel 2006 DeA Capital Spa. Nel 2007 De Agostini ha acquisito il controllo di Magnolia Spa e il capitale della francese Marathon Group. Successivamente è nato Zodiak Entertainment, che ha comprato Rdf Media Group.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Marco Drago | Toro Assicurazioni | Borioli | Cesare Angelo Rossi | Television | Italia | De Agostini Editore Spa | B&D Holding | C. Sapa | Rdf Media Group | Lottomatica | SEAT | Marco Adolfo Boroli | Magnolia Spa | Marathon Group | Zodiak Entertainment | Antena |

Ultime notizie su De Agostini

    Cessione immobili Mps ai tempi supplementari: entra in campo Hines-Ardian

    La cessione degli immobili di Montepaschi va ai tempi supplementari. Il board del gruppo bancario senese, guidato da Marco Morelli, avrebbe deciso di rimandare intorno al 20 gennaio la scelta del compratore del patrimonio immobiliare messo in vendita. Ad oggi per il portafoglio è arrivata un'unica offerta vincolante: quella di Blackstone (affiancato dagli advisor Mediobanca e Lazard). Il fondo Usa valuterebbe i palazzi di Mps circa 300 milioni. Questa tempistica permetterà anche ad altri potenzi...

    – Carlo Festa

    Next14, la scale-up del marketing digitale cresce a doppia cifra

    Next 14 è tra le aziende digitali italiane a più alto tasso di crescita, con un fatturato 2019 di circa 28 milioni di euro (+ 11% rispetto al 2018) di cui 3 milioni in Spagna, un Ebitda di circa 3 milioni di euro (+20% rispetto al 2018). Ed è pienamente profittevole dal 2017

    – di Alberto Annicchiarico

    Un'unica offerta vincolante giunta per gli immobili Mps: quella di Blackstone

    Un'unica offerta vincolante giunta per gli immobili che Mps sta vendendo. E' quella arrivata lo scorso 18 novembre da parte del fondo statunitense Blackstone. Partita con oltre 92 manifestazioni d'interesse, la gara sui palazzi Mps è arrivata alla Zona Cesarini. Questa settimana ci potrebbe essere un incontro decisivo con i potenziali acquirenti. In realtà di offerta vincolante c'è soltanto quella di Blackstone. Assistito da Lazard e Mediobanca, il fondo Usa valuterebbe i palazzi Mps circa 300 ...

    – Carlo Festa

    Bassetti: «Banijay-Endemol, sfida ai colossi Usa. Non temo Antitrust»

    L'ad del produttore indipendente franco-italiano: «Mi sembra lunare che ci si voglia tagliare le gambe parlando di concentrazione. La quota di consumo di prodotto americano in Europa è al 30% e la quota di prodotto europeo in Usa è del 4%»

    – di Andrea Biondi

    L'Umano e l'Errore. Che ne è/sarà della libertà nella civiltà ipertecnologica?

    L'Umano, l'Errore, l'Imprevedibilità? Un approccio e percorsi di ricerca dal'95 Come sempre, senza "tempi di lettura". Al termine del contributo, collegamenti ad altri testi (divulgativi e scientifici) e riferimenti bibliografici. Buon lavoro e buona ricerca! Una ipercomplessità che non è un'opzione Una (iper)complessità che non è un'opzione, è un "dato di fatto": il vero problema è che non siamo educati e formati a riconoscerla e, in ogni caso, non con la nostra testa. Di fatto, non da ...

    – Piero Dominici

    Il Grande fratello in sposo a Survivor, Banijay acquisisce Endemol Shine

    Banijay acquisisce Endemol Shine e nasce un gigante della produzione televisiva dal fatturato pro-forma di 3 miliardi di euro a fine 2019. Un matrimonio in cui c'è anche una parte d'Italia con De Agostini azionista nella società di controllo e la francese Vivendi al 32,9 per cento

    – di Andrea Biondi

    No, il vinile non ha superato il cd

    A volte abbiamo come la sensazione di scrivere sempre lo stesso pezzo. Prendete la faccenda del vinile, per esempio: che ci sia rinnovato interesse verso questo antico, glorioso supporto è fuori discussione. Immaginare, però, che tutto questo entusiasmo possa ricollocare il vinile al centro della scena è una pia illusione, perché i cosiddetti «vinyl lovers» rappresentano una minoranza di ascoltatori. Esigente, certo, ma in termini di mercato si parla di una nicchia. Stop. Eppure. Eppure continu...

    – Francesco Prisco

1-10 di 485 risultati