Ultime notizie:

DB5

    Peste suina in Asia: per la Fao "la più grande epidemia animale della storia"

    L'epidemia di peste suina africana che ha colpito la regione asiatica è la più grande malattia animale della storia, secondo la Fao. Sarebbero già oltre 3,7 i milioni di maiali soppressi dalle autorità di Vietnam e Cina. Il Vietnam è il paese più colpito e ha dovuto sacrificare, secondo le stime della Food and Agricultural Organization dell'Onu sui dati forniti dai singoli governi, almeno 2,6 milioni di suini. Segue la Cina con 1,1 milioni di suini abbattuti mentre piccoli focolai - e relativi "...

    – Guido Minciotti

    La copertura sanitaria universale non interessare a nessuno (purtroppo)

    Copy: SSN - Il Sole 24 Ore - Cristina Da Rold Infogram Stando ai dati di tre recenti rapporti sulla spesa sanitaria globale, è evidente che i Governi non stanno ancora mettendo la salute al centro delle priorità delle proprie politiche. Se in termini di Pil pro capite sembra che quasi tutti i paesi del mondo stiano "progredendo", la maggior parte dei paesi a basso e a medio reddito non è ancora in grado di finanziare un pacchetto base di servizi sanitari. La spesa pubblica per la salute è in au...

    – Infodata

    La copertura sanitaria universale continua a non interessare a nessuno

    Copy: SSN - Il Sole 24 Ore - Cristina Da Rold Infogram Stando ai dati di tre recenti rapporti sulla spesa sanitaria globale, è evidente che i Governi non stanno ancora mettendo la salute al centro delle priorità delle proprie politiche. Se in termini di Pil pro capite sembra che quasi tutti i paesi del mondo stiano "progredendo", la maggior parte dei paesi a basso e a medio reddito non è ancora in grado di finanziare un pacchetto base di servizi sanitari. La spesa pubblica per la salute è in au...

    – Cristina Da Rold

    Nel 2060 il Pil pro capite sarà di 40mila dollari l'anno

    Un Pil pro capite di 40mila dollari l'anno: oggi è così solo nei Paesi Ocse, nel 2060 lo sarà in tutto il mondo. Crescita economica che si accompagnerà a quella demografica e, di conseguenza, anche a quella dei consumi. Da qui a quarant'anni le risorse utilizzate raggiungeranno i 167 petagrammi, più che raddoppiando i 79 registrati nel 2011. Questo avrà delle conseguenze innanzitutto sull'ambiente, dato che più della metà delle emissioni di CO2 derivano dall'estrazione e dalla lavorazione delle...

    – Infodata

    Nel 2060 il Pil pro capite sarà di 40mila dollari l'anno

    Un Pil pro capite di 40mila dollari l'anno: oggi è così solo nei Paesi Ocse, nel 2060 lo sarà in tutto il mondo. Crescita economica che si accompagnerà a quella demografica e, di conseguenza, anche a quella dei consumi. Da qui a quarant'anni le risorse utilizzate raggiungeranno i 167 petagrammi, più che raddoppiando i 79 registrati nel 2011. Questo avrà delle conseguenze innanzitutto sull'ambiente, dato che più della metà delle emissioni di CO2 derivano dall'estrazione e dalla lavorazione delle...

    – Infodata

    Ambiente: nel 2060 le risorse utilizzate raggiungeranno 167 petagrammi

    Un Pil pro capite di 40mila dollari l'anno: oggi è così solo nei Paesi Ocse, nel 2060 lo sarà in tutto il mondo. Crescita economica che si accompagnerà a quella demografica e, di conseguenza, anche a quella dei consumi. Da qui a quarant'anni le risorse utilizzate raggiungeranno i 167 petagrammi, più che raddoppiando i 79 registrati nel 2011. Questo avrà delle conseguenze innanzitutto sull'ambiente, dato che più della metà delle emissioni di CO2 derivano dall'estrazione e dalla lavorazione delle...

    – Infodata

    Nel 2060 il Pil pro capite sarà di 40mila dollari l'anno (in tutto il mondo)

    Un Pil pro capite di 40mila dollari l'anno: oggi è così solo nei Paesi Ocse, nel 2060 lo sarà in tutto il mondo. Crescita economica che si accompagnerà a quella demografica e, di conseguenza, anche a quella dei consumi. Da qui a quarant'anni le risorse utilizzate raggiungeranno i 167 petagrammi, più che raddoppiando i 79 registrati nel 2011. Questo avrà delle conseguenze innanzitutto sull'ambiente, dato che più della metà delle emissioni di CO2 derivano dall'estrazione e dalla lavorazione delle...

    – Riccardo Saporiti

    Da 007 a «Cars». E l'auto si fece star del cinema

    La Chevrolet Corvette C1 non muore mai. E' un grande classico per la sua categoria, prodotto maturo ma sempre attuale, ci hanno provato in tanti a lasciarsela dietro, ma alla fine la prima a passare sotto la bandiera a scacchi è sempre lei.

    – di Francesco Prisco

    Le formidabili «Superleggera» nascono con un brevetto che compie ottant'anni

    E' noto a tutti gli appassionati come l'attività della Touring, una delle Carrozzerie più note e prestigiose della storia dell'automobile, non sia da ricondursi solamente al brevetto "Superleggera" (e basta citare le «Flying Star» degli Anni 30 del '900 oppure le quattro vittorie consecutive delle

    – di Vittorio Falzoni Gallerani

    Cinque miliardi di cellulari, ormai ci siamo!

    Il contatore di Gsma procede inesorabilmente, con un ritmo che è più veloce di quello dei secondi sull'orologio. L'associazione che raggruppa gli operatori mobili a livello globale fa i conti in diretta: a tutt'oggi mancano meno di 50 milioni di unità e il totale degli utenti di telefonia mobile arriverà a sfondare la soglia dei cinque miliardi. Una quota che il Mobility Report di Ericsson dà già per scavallata: secondo l'ultimo rapporto gli utenti "unici" erano già 5,2 miliardi a fin e 2016. Un...

    – Pierangelo Soldavini

1-10 di 206 risultati