Le nostre Firme

Davide Tabarelli

    La prova di forza dei sauditi prima del rimbalzo

    Una caduta di simile intensità, 9 dollari in un giorno, non si vedeva dal gennaio 1991 quando fu chiaro che la liberazione del Kuwait, dopo l'invasione di Saddam Hussein, sarebbe stata molto più facile del previsto. La decisione dell'Arabia Saudita di puntare alla quota di mercato, dopo la rottura

    – di Davide Tabarelli

    Usa-Iran, venti di guerra sulle rotte dell'energia

    Il bersaglio più facile, quello dove meno forte è lo strapotere militare americano, è il mercato petrolifero, che dipende per un terzo del suo volume di scambi internazionali dai flussi via stretto di Hormuz

    – di Davide Tabarelli

    Le mosse di Ankara tra oleodotti, muri e trivelle

    Non tutti se lo ricordano, ma nell'Unione Europea c'è ancora un muro che divide una capitale, quello di Nicosia a Cipro, con la parte a nord abitata dai turchi divisa dal 1974 da quella del sud, europea, dove si parla greco, area che fa parte dell'Ue dal 2004. In centro, in mezzo ai tanti

    – di Davide Tabarelli

    Lotta al climate change: molti annunci, risultati sconfortanti

    Da quando questo gas è diventato il responsabile dei cambiamenti climatici, anche l'uso delle fonti fossili, petrolio, gas e carbone, è nel mirino delle politiche. Tuttavia i risultati sono sconfortanti

    – di Davide Tabarelli

    Perché ora il prezzo del greggio rischia di schizzare

    Le scorte mondiali di petrolio rimangono abbondanti, ma il doppio attacco in Arabia Saudita rischia di provocare un taglio comparabile a quello dello dello Yom Kippur dell'ottobre del 1973. Con conseguenze su esportazioni e prezzi del greggio

    – di Davide Tabarelli

    Petrolio, consumi record: di nuovo possibile quota 100 dollari

    Ormai si ricomincia a parlare di 100 dollari per barile, soglia abbandonata improvvisamente 4 anni fa, quando Obama si diede da fare per togliere le sanzioni contro l'Iran; ne aveva urgente bisogno nella guerra in Iraq. I sauditi non gradirono e decisero di inondare il mercato, con prezzi che

    – di Davide Tabarelli

    Sfida climatica per l'energia globale

    Tutta la struttura dei prezzi dell'energia muoverà al rialzo nel 2018, grazie alla ripresa dei consumi, spinti dalla positiva congiuntura economica, con qualche difficoltà sui singoli mercati e con un rinnovato interesse da parte della finanza. Il leader petrolio, prima fonte dei consumi globali,

    – di Davide Tabarelli

    I sauditi «spingono» ma se il prezzo sale ci guadagnano tutti

    Esattamente un anno dopo averlo siglato, l'Opec ha deciso ieri di estendere l'accordo sul controllo della produzione a tutto il 2018, contro una scadenza prevista inizialmente di fine marzo 2018. Prevede che la produzione rimanga sotto di 1,2 milioni barili al giorno rispetto al picco dell'ottobre

    – di Davide Tabarelli

    Energia: la debolezza di un sistema dipendente dall'import

    Nel 2016 l'Italia ha consumato 169 milioni di tonnellate di petrolio equivalenti di energia (Mtep), soglia intorno alla quale si oscilla da quattro anni, 30 in meno del picco di 200 Mtep del 2005; siamo al quarto posto in Europa per consumi di energia. Deindustrializzazione, efficienza e più

    – di Davide Tabarelli

    Le nuove tecnologie vanificano i tagli Opec

    Il Brent è sotto la soglia psicologica dei 50 dollari, circa 5 dollari in meno dei massimi del 2017 e solo un paio di dollari sopra i valori di un anno fa. Il prevalere di debolezza degli ultimi giorni è dovuto alla lentezza con la quale si sta riassorbendo l'eccesso di offerta accumulato fra metà

    – di Davide Tabarelli

1-10 di 60 risultati