Classe 1995, secondo Forbes tra i top Under 30 Italiani, è coach di social media marketing e fondatore della no-profit sulle potenzialità e i rischi del web ” Social Warning – Movimento Etico Digitale “ che conta 200 formatori-volontari e 20.000 studenti incontrati all'anno.Insegna da più di 3 anni in un istituto superiore una materia sperimentale da lui introdotta “educazione civica digitale” che attualmente viene insegnata in altre 8 scuole superiori italiane.Collabora con le aziende per creare strategie e progetti di marketing e employer branding efficaci verso la Generazione Z.Sogna di creare un ponte tra le generazioni grazie al digitale e il suo motto è “Prendi il meglio dal Passato, Vivi il Presente, Pensa al futuro”

Luogo: Vicenza

Lingue parlate: italiano, inglese, francese, spagnolo, cinese (in apprendimento)

Argomenti: digitale per PMI, employer branding, Generazione Z, nuovi social network, social media per export

Premi: Premio Italia Giovane (2018), Forbes Top 100 Under30 (2019)

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 19 novembre 2021
    Formazione, ecco come parlare ai più giovani
  • 22 ottobre 2021
    Orafo, vince chi si distingue e punta anche sull’offline

    Economia

    Orafo, vince chi si distingue e punta anche sull’offline

    Il biennio 2020-2021 ha portato con sé una notevole accelerazione nel campo digitale. Motivo per cui anche i settori più tradizionali, che non vedevano questo aspetto come prioritario, sono stati coinvolti, spingendoli ad un’evoluzione che altrimenti avrebbe impiegato indicativamente una decina

  • 24 settembre 2021
    Brand, istruzioni per conquistare i cuori cinesi

    Economia

    Brand, istruzioni per conquistare i cuori cinesi

    Con 940 milioni di persone connesse ogni giorno, la Cina vanta una rapida ripresa post-Covid. Si stima che entro il 2025, il 50% dei beni di lusso siano comprati dai cinesi. Il paese del dragone ha aumentato del 46% le importazioni di articoli di tessile-moda dal mondo. Per la prima volta, l’Italia

  • 02 agosto 2021
    Ambiente e valori, così si attirano i giovani

    Economia

    Ambiente e valori, così si attirano i giovani

    A parità di condizioni contrattuali, preferireste lavorare in una multinazionale del petrolio o in una startup innovativa che sviluppa tecnologie sostenibili? In passato per la maggior parte delle persone la scelta sarebbe stata quasi scontata, ma non lo è più, in particolare per i giovani. È vero

  • 12 luglio 2021
    I giovani talenti cercano flessibilità e etica

    Economia

    I giovani talenti cercano flessibilità e etica

    Nativi digitali con un livello d’istruzione tra i più alti di sempre raggiungeranno un terzo della popolazione mondiale e un quarto delle risorse umane aziendali entro il 2025.

  • 07 giugno 2021
    Viaggi, quattro consigli per attirare i giovani

    Economia

    Viaggi, quattro consigli per attirare i giovani

    Per il 65% dei giovani della generazione zeta, viaggiare è il modo migliore di spendere i soldi. E apprezza i consigli sui social

  • 10 maggio 2021
    Servizi smart e valori: così la banca parla ai nativi digitali

    Economia

    Servizi smart e valori: così la banca parla ai nativi digitali

    La generazione Z è interessata al fintech e agli investimenti che rispettano l’ambiente: ecco come le banche possono attirare i più giovani

  • 12 aprile 2021
    Aziende, come rendersi attrattive per i giovani talenti

    Economia

    Aziende, come rendersi attrattive per i giovani talenti

    La gen Z è attenta ai valori, è curiosa verso esperienze internazionali, prediligono trasporto pubblico e car sharing, ha bisogno di interazioni

  • 12 marzo 2021
    Aziende, così si parla ai nativi digitali

    Economia

    Aziende, così si parla ai nativi digitali

    Intraprendenti e attenti al sociale e all'ambiente, i consumatori nati dopo il 1995 chiedono alle aziende chiarezza e interazione. Ecco i consigli per raggiungerli

  • 12 febbraio 2021
    Il decalogo per il rilancio digitale delle Pmi

    Economia

    Il decalogo per il rilancio digitale delle Pmi

    Il Covid ha rimescolato le carte del business. Inizialmente una gran parte delle imprese ha tentato di non guardare al cambiamento digitale che era alla loro porta, sperando che il problema si risolvesse subito. Ora, a un anno dall’inizio della pandemia, le aziende si stanno ripensando e stanno