Persone

David Cameron

David Cameron è nato il 9 ottobre del 1966 a Londra ed è stato Primo Ministro britannico dall'11 maggio 2010 al 13 luglio 2016, giorno delle sue dimissioni. Al suo posto Theresa May (leader del partito conservatore).

Le dimissioni da premier sono maturate in seguito all'esito del refendum britannico del 23 giugno del 2016 sulla "brexit". La vittoria dei si ha rappresentato un chiaro segno di sfiducia popolare al suo governo, tanto che Cameron, europeista e favorevole al no, ha volontariamente abbandonato l'incarico. Il 12 settembre 2016 dopo 15 anni l'ex premier ha deciso di abbandonare anche il suo ruolo da deputato e ha presentato le dimissioni con effetto immediato.

Diplomatosi a Eaton e laureatosi ad Oxford; dopo una brillante carriera nel partito conservatore David Cameron divenne parlamentare nel 2001 come rappresentante del collegio di Witney.

Nel 2005, con le dimissioni di Michael Howard da leader del partito conservatore, si aprì la successione e David Cameron fu eletto a capo dell'opposizione parlamentare britannica.

David Cameron è considerato un conservatore moderato, capace di attrarre consensi anche al di fuori dal bacino elettorale tradizionale del suo partito. Dopo le dimissioni di Tony Blair da Primo Ministro nel 2007 e con la progressiva erosione del consenso del partito laburista, ha conquistato il ruolo di favorito per le elezioni generali del 2010. In quelle elezioni il suo partito ha ottenuto la maggioranza realtiva dei voti ma non quella assoluta dei seggi nella Camera dei Comuni; egli è tuttavia divenuto ugualmente primo ministro grazie all'alleanza con i Liberal Democratici di Nick Clegg.

Nel 2015 è stato riconfermato in carica nelle nuove elezioni generali. La piattaforma elettorale dei Tories prevedeva di indire un referendum per chiedere ai cittadini britannici se volessero o meno che il Regno Unito rimanesse paese membro dell'Unione Europea. L'esito del referendum sulla "Brexit" del 23 giugno 2016 ha indotto Cameron alle dimissioni per via dello scollamento tra la propria visione europeista e le idee del popolo.

E' sposato con Samantha Sheffield, con cui ha avuto tre figli; putroppo il primogenito, Ivan, affetto da una grave malattia dalla nascita, è deceduto nel 2009.

Ultimo aggiornamento 13 settembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Partiti politici | Elezioni | Primo ministro | David Cameron | Elezione | Michael Howard | Partito conservatore | Tony Blair | Stati Membri | Camera dei Comuni | Samantha Sheffield | Gran Bretagna | Partito Conservatore inglese | Nick Clegg | Theresa May |

Ultime notizie su David Cameron

    Tasse e nazionalizzazioni. Corbyn e il Labour più a sinistra dai tempi della Thatcher

    Alle elezioni del prossimo 12 dicembre i laburisti si presentano contro i Tories di Boris Johnson con un piano di aumenti fiscali per cittadini e imprese, spesa pubblica e marcia indietro sulle privatizzazioni. Nel mirino anche le multinazionali, a cui il leader Labour intende far pagare le imposte in Gran Bretagna per finanziare i servizi pubblici

    – di Nicol Degli Innocenti

    Brexit, Bercow: «Stare da soli danneggia il Regno Unito»

    Famoso per i suoi «Ordeeer», l'ex presidente dei Commons si è ritirato a vita privata, convinto della assoluta «imparzialità» del suo operato. Tranne in un caso: nella reazione all'«oltraggio» di Boris Johnson, quando tentò di chiudere il Parlamento

    – di Simone Filippetti

    Il futuro dei parlamenti tra riforma e continuità

    Nel suo editoriale domenicale (Da Roma a Bruxelles, i dilemmi dei Parlamenti, 13 ottobre 2019) puntuale e acuto come sempre, Sergio Fabbrini si riferisce alle vicende della settimana appena trascorsa a Bruxelles e a Roma - la bocciatura di Sylvie Goulard da parte del Parlamento europeo e

    – di Nicola Lupo

    Brexit e il successo dell'Europa - Perché il caso inglese ricorda quello sovietico

    Questa settimana potrebbe essere cruciale per il futuro del Regno Unito nell'Unione. Londra e Bruxelles stanno negoziando alacremente l'accordo di divorzio prima di una uscita fissata per il 31 ottobre. L'esito del negoziato rimane incerto, ma il momento è certamente critico, e vale la pena tornare sui motivi per cui la Gran Bretagna ha scelto la strada di Brexit. Conosciamo quelli più evidenti. Sempre presente nel paese, il sentimento euroscettico è diventato irrefrenabile per via della crisi e...

    – Beda Romano

    Una martellata sull'economia britannica

    Se c'era ancora un dubbio sui danni che una hard Brexit , ossia un'uscita dalla UE senza un accordo, potrebbe causare all'economia britannica, questo e' stato dissipato nelle ultime 24 ore, quando sono emersi i dettagli, richiesti da una ingiunzione del Parlamento, di un documento preparato dallo stesso Governo il 2 agosto, 9 giorni dopo la nomina di Boris Johnson a premier, da cui emergono non solo forti costi materiali ma anche umani causati da una uscita brusca dalla UE. Secondo il documento,...

    – Marco Niada

    Johnson vuole un cane insieme a Larry the cat: un "no deal" assicurato

    Cane e gatto: quello della Brexit potrebbe non essere l'unico "no deal" nel futuro di Boris Johnson. Il neo primo ministro britannico avrebbe, infatti, chiesto al proprio staff di avere un cane a Downing Street, insieme all'attuale gatto Larry, un civil servant (dipendente pubblico) "assunto" per dare la caccia ai topi. La porta nera del numero 10 di Downing Street a Londra potrebbe presto divenire lo sfondo del primo accordo difficile dell'era Johnson se, insieme al "chief mouser" Larry the cat...

    – Guido Minciotti

1-10 di 2369 risultati