Persone

David Cameron

David Cameron è nato il 9 ottobre del 1966 a Londra ed è stato Primo Ministro britannico dall'11 maggio 2010 al 13 luglio 2016, giorno delle sue dimissioni. Al suo posto Theresa May (leader del partito conservatore).

Le dimissioni da premier sono maturate in seguito all'esito del refendum britannico del 23 giugno del 2016 sulla "brexit". La vittoria dei si ha rappresentato un chiaro segno di sfiducia popolare al suo governo, tanto che Cameron, europeista e favorevole al no, ha volontariamente abbandonato l'incarico. Il 12 settembre 2016 dopo 15 anni l'ex premier ha deciso di abbandonare anche il suo ruolo da deputato e ha presentato le dimissioni con effetto immediato.

Diplomatosi a Eaton e laureatosi ad Oxford; dopo una brillante carriera nel partito conservatore David Cameron divenne parlamentare nel 2001 come rappresentante del collegio di Witney.

Nel 2005, con le dimissioni di Michael Howard da leader del partito conservatore, si aprì la successione e David Cameron fu eletto a capo dell'opposizione parlamentare britannica.

David Cameron è considerato un conservatore moderato, capace di attrarre consensi anche al di fuori dal bacino elettorale tradizionale del suo partito. Dopo le dimissioni di Tony Blair da Primo Ministro nel 2007 e con la progressiva erosione del consenso del partito laburista, ha conquistato il ruolo di favorito per le elezioni generali del 2010. In quelle elezioni il suo partito ha ottenuto la maggioranza realtiva dei voti ma non quella assoluta dei seggi nella Camera dei Comuni; egli è tuttavia divenuto ugualmente primo ministro grazie all'alleanza con i Liberal Democratici di Nick Clegg.

Nel 2015 è stato riconfermato in carica nelle nuove elezioni generali. La piattaforma elettorale dei Tories prevedeva di indire un referendum per chiedere ai cittadini britannici se volessero o meno che il Regno Unito rimanesse paese membro dell'Unione Europea. L'esito del referendum sulla "Brexit" del 23 giugno 2016 ha indotto Cameron alle dimissioni per via dello scollamento tra la propria visione europeista e le idee del popolo.

E' sposato con Samantha Sheffield, con cui ha avuto tre figli; putroppo il primogenito, Ivan, affetto da una grave malattia dalla nascita, è deceduto nel 2009.

Ultimo aggiornamento 13 settembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Partiti politici | Elezioni | Primo ministro | David Cameron | Elezione | Michael Howard | Partito conservatore | Tony Blair | Stati Membri | Camera dei Comuni | Samantha Sheffield | Gran Bretagna | Partito Conservatore inglese | Nick Clegg | Theresa May |

Ultime notizie su David Cameron

    Brexit incompiuta, partito e Paese divisi: l'eredità «avvelenata» di Theresa May

    Non c'è tregua per Theresa May: anche nel giorno delle sue dimissioni ufficiali la cronaca le ricorda quanto la mancata Brexit abbia danneggiato il partito conservatore. La premier britannica lascia l'incarico in anticipo, come annunciato due settimane fa, con una lettera inviata al presidente del

    – di Nicol Degli Innocenti

    Regno Unito più diviso che mai e il percorso della Brexit si complica

    LONDRA- La Gran Bretagna si è svegliata più divisa che mai. I risultati delle elezioni europee hanno solo aggravato il problema di Brexit, rivelando la profonda spaccatura tra chi vuole uscire dall'Unione Europea anche senza un accordo e chi invece vuole restare. La polarizzazione della politica si

    – di Nicol Degli Innocenti

    Brexit, il lungo addio di May: tutti gli errori della premier incompiuta

    LONDRA - E' stato il lungo addio. Dopo aver resistito per mesi sull'orlo del precipizio, Theresa May oggi si è arresa e ha annunciato le dimissioni. Lascerà l'incarico il 7 giugno. Il suo ultimo atto da premier sarà accogliere il presidente americano Donald Trump in visita di Stato in Gran Bretagna

    – di Nicol Degli Innocenti

    Europee: socialdemocratici avanti in Olanda, non sfonda la destra populista

    Socialisti primo partito, conservatori e liberali alle spalle, populisti di destra e Sinistra verde appaiati in terza posizione. Sono i primi risultati che arrivano dal voto nei Paesi Bassi, secondo gli exit poll delle 21:30. Nel dettaglio, il PvdA (Partito del Lavoro) dello spitzenkandidat Frans

    – di Alb.Ma.

    Francia, da Macron sgravi per le famiglie senza cedere ai Gilet gialli

    E' stata una doverosa correzione di rotta. Gli obiettivi finali, però, non cambiano. Le riforme varate il 25 aprile da Emmanuel Macron confermano l'orientamento del presidente. Sono scomparsi i toni da "Giove dell'Eliseo" ma la sostanza resta invariata.

    – di Riccardo Sorrentino

    Brexit, rischio stangata per gli studenti europei: le rette potrebbero triplicare

    Nuova vittima della Brexit in arrivo: gli studenti europei. Dall'anno accademico 2021-2022, secondo una proposta svelata dalla testata Buzzfeed, il governo potrebbe incrementare le rette universitarie per le decine di migliaia di iscritti che si trasferiscono dal Vecchio Continente. Oggi gli

    – di Alberto Magnani

    La paradossale corsa alle europee in Gran Bretagna ai tempi della Brexit

    L'autrice del post, Costanza de Toma, si occupa di cooperazione allo sviluppo, relazioni internazionali e Unione Europea. Milanese di nascita, ha vissuto gli ultimi 27 anni all'estero, tra il Regno Unito e il Belgio. Negli ultimi due anni ha coordinato e condotto la lobby verso l'Unione europea della campagna per la tutela dei diritti dei cittadini dell'Ue che vivono nel Regno Unito. Questo l'ha portata a seguire da vicino i negoziati sulla Brexit. Costanza ha deciso di tornare in Italia, a Tori...

    – Econopoly

    Il partito dei Tory è entrato in convulsione

    La decisione tardiva di Theresa May di aprire il negoziato sulla Brexit ai laburisti di Jeremy Corbyn ha aperto le porte dell'inferno nel partito di Governo. La casa dei Tory è scossa dalle fondamenta. Non solo la destra eurofoba, che vuole la Brexit pura e dura, grida al tradimento di una premier che si è messa a negoziare con un "marxista", ma anche buona parte della base del partito, che è in netta maggioranza (oltre il 60%) a favore di una uscita rapida dalla UE, al limite anche brutale, sta...

    – Marco Niada

    Perché la Brexit è stata uno tsunami di scelte sbagliate

    Come si è potuti finire così male, con il rischio di un'uscita dalla UE il 12 aprile con un tuffo doppio carpiato dalle scogliere di Dover? Col senno di poi non poteva essere diversamente, anche se per poterlo affermare abbiamo dovuto aspettare venerdì l'ultima puntata della saga, per assistere all'ultima mossa sbagliata nel momento sbagliato con la terza bocciatura della proposta del Governo May. Ora che siamo davanti al precipizio, possiamo concederci uno sguardo all'indietro e accorgerci che ...

    – Marco Niada

1-10 di 2358 risultati