Persone

Dario Franceschini

Dario Franceschini è nato il 19 ottobre del 1958 a Ferrara, già Ministro per i Rapporti con il Parlamento e per il coordinamento dell'attività di Governo (nel Governo Letta) è dal 22 febbraio 2014 Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, prima nel Governo Renzi ed attualmente in quello Gentiloni.

Figlio di Giorgio, partigiano cattolico e deputato per la Democrazia Cristiana tra il 1953 ed il 1958 (II Legilsatura) sì è laureato in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Ferrara ed a partire dal 1985 ha esercitato la libera professione come avvocato civilista.

E' iscritto all'albo dei revisori contabili ed è stato membro effettivo del collegio sindacale dell'Eni.

Già fin dagli anni del Liceo si appassiona all'attività politica, fondando l'Associazione Studentesca Democratica, di ispirazione cattolica e centrista.

Iscrittosi alla Democrazia Cristiana, nel 1980 viene eletto consigliere comunale di Ferrara e nel 1983 diventa capogruppo consiliare.

Nel 1994 diventa Assessore alla Cutura ed al Turismo del comune di Ferrara, dove nel 1995 si candida alla carica di sindaco (sostenuto da Verdi, Cristiano Sociali e Laburisti) non risultando però eletto.

Tra il 1997 ed il 1999 è stato vicesegretario nazionale del Partito Popolare Italiano, successivamente entra a far parte della direzione nazionale e dell'ufficio di segreteria con l'incarico per le politiche della Comunicazione.

Entra nel secondo Governo D'Alema come sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle riforme istituzionali, riconfermato poi dal successivo governo Amato.

Nel 2001 viene eletto, con l'Ulivo, deputato nel collegio maggioritario di Ferrara, diventando componente della giunta delle elezioni e della prima commissione permanente per gli affari costituzionali.

Nel 2006 viene rieletto deputato e diventa presidente del gruppo parlamentare dell'Ulivo alla Camera dei deputati.

Nel 2007 diventa vicesegretario del Partito Democratico sotto la segreteria di Walter Veltroni.

Eletto nuovamente deputato nel 2008, rappresenta fino al 2012 il Parlamento italiano al Consiglio d'Europa ed all'assemblea dell'Unione Europea Occidentale.

Nel 2009, candidatosi segretario alle primarie del PD, pur ottenendo oltre un milione di voti, viene superato da Bersani che diventa il nuovo segretario.

Nel 2013 si ricandida, come capolista del PD nella circoscrizione Emilia Romagna, deputato alle elezioni politiche, eletto ottiene, nel Governo Letta, l'incarico di Ministro per i Rapporti con il Parlamento ed il Coordinamento dell'attività di governo.

Durante il secondo semestre 2014 ha presieduto il Consiglio dei ministri europei della Cultura ed il Forum europeo dei Ministri della Cultura e del Turismo.

Separato e padre di due fliglie, si è recentemente risposato con l'attivista politica del PD Michela Di Biase.

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Giorgio Franceschini | David Sassoli | Deputato | Pd | Dario Franceschini | Unione europea occidentale | Sergio Cofferati | Bompiani | Piero Fassino | Comitato direttivo | Andrea Camilleri | Cesare Damiano | Franco Marini | Marco Minniti | Giovanna Melandri | Marina Sereni | Pierluigi Castagnetti | Tiziano Treu | Primo Mazzolari | Nanni Moretti | Mario Adinolfi | Paolo Gentiloni | Debora Serracchiani | Rita Borsellino | Walter Veltroni | Consiglio d'Europa | Emilia Romagna | Bersani | Lorenzo Jovanotti | Viterbo | Associazione Studentesca Democratica | Udine | Eni | Italiani all'estero | O.S.C.E. | Cristiano Sociali (CS) | Pier Luigi Bersani | DS | Camera dei deputati | La Margherita | Ministro per i Rapporti con il Parlamento | Ignazio Marino | Michela Di Biase | Antonello Soro | PPI | L'Ulivo | Comitato Esecutivo | DC | Renzi | Amato | Enrico Morando |

Ultime notizie su Dario Franceschini

    G20, la cultura entra in modo permanente nel summit

    Nella prima ministeriale dedicata al settore i ministri approvano la Dichiarazione di Roma, un documento che integra in maniera definitiva la cultura tra i temi del G20

    – di Roberta Capozucca e Giuditta Giardini

    "L'anima italiana" di UniCredit e il cambio di rotta sulle opere d'arte

    Non c'è bisogno di essere degli esperti o degli appassionati d'arte per apprezzare la svolta in UniCredit in materia di beni artistici posseduti dalla banca stessa. Le opere d'arte di Unicredit infatti non saranno più vendute da Christie's, la casa d'aste a cui l'ex amministratore delegato francese ed ex parà Jean Pierre Mustier aveva affidato il compito di cedere parte della collezione della banca allo scopo di finanziare, con il ricavato, iniziative di impatto sociale e sostenere i giovani art...

    – Vittorio Da Rold

    Al via il G20 Cultura con un focus sulle professioni

    L'avvio dei lavori nell'Arena del Colosseo giovedì 29 luglio con Mario Draghi, Dario Franceschini, Audrey Azoulay e Christian Greco. I lavori proseguono il 30 luglio

    – di Roberta Capozucca

    «Teatri e musei sostenuti, ora i fondi del Recovery per rilanciare il Cinema»

    Quando immaginiamo uno sviluppo economico che permetta di far uscire il Paese dalla crisi dell'emergenza Covid pensiamo anche alle risorse culturali e alla loro valorizzazione. Il loro contributo per sbloccare il Paese è necessario. Il binomio cultura e sviluppo è stato al centro degli Stati

    – di Marilena Pirrelli

    «Valorizzare le imprese italiane della cultura senza tornare allo statalismo»

    Sulla collaborazione fra pubblico e privato nel mondo della cultura «non sono stati fatti passi avanti, ma solo dei grandi passi indietro». E' durissimo Luigi Abete, presidente di Civita cultura holding e dell'Associazione imprese culturali e creative di Confindustria (Aicc), durante il suo

    – di Andrea Biondi

1-10 di 2320 risultati