Ultime notizie:

Daniel Scioli

    L'Argentina di Macri e la voglia di ripartire

    Ha tenuto a ricordare quel fecondo flusso di energie e competenze che, per lungo tempo, gli immigrati italiani hanno assicurato allo sviluppo dell'Argentina, il neo-presidente Mauricio Macri, nel suo recente incontro a Roma, a fine febbraio, con il nostro presidente della Repubblica Sergio

    – Valerio Castronovo

    Macri, l'ingegnere figlio di italiani con la passione per il calcio

    Mauricio Macri è il nuovo presidente di un'Argentina che ha voltato pagina. Macri ottiene il 51,4% dei voti, staccando di poco il rivale Daniel Scioli che ha incassato il 48,6 per cento.Eppure il segnale è forte e quella attuale può essere definita una svolta storica: si è affermato un partito

    – Roberto Da Rin

    L'Argentina sceglie il presidente con un'unica certezza: la fine dell'era Kirchner

    Due candidati, uno di centrosinistra e uno di centrodestra. L'Argentina sceglie il nuovo presidente in un ballottaggio che si preannuncia serrato. Fossimo in un qualsiasi altro Paese al mondo diremmo che Daniel Scioli, 58 anni, è il candidato progressista, Mauricio Macri, 56 anni, quello

    – Roberto Da Rin

    Argentina, alle presidenziali si va al ballottaggio tra Scioli e Macri

    Buenos Aires - Fumata nera. Sarà necessario il ballottaggio per sapere il nome del nuovo presidente dell'Argentina. Ma il dato di ieri è stato sorprendente. Sono state ribaltate tutte le previsioni degli istituti di sondaggio: il centro destra di Mauricio Macri ottiene il 34,3% mentre Daniel

    – Roberto Da Rin

    Argentina al voto, tre «italiani» per l'eredità di Cristina Kirchner

    BUENOS AIRES - Il volo AZ atterra come una grande mano delicata, dopo aver sorvolato una città sterminata. Buenos Aires non finisce mai. Cristina Fernandez e prima di lei suo marito Nestor Kirchner sono planati sull'Argentina del default (2002) con l'obiettivo di risanare, ricostruire,

    – Roberto Da Rin

    Argentina al voto, aperture su tango bond e richieste imprenditori

    Gli ultimi scampoli di campagna elettorale sprigionano il meglio e il peggio dell'argentinità, di quel comune sentire in cui convivono barbarie e allegria, ironia e pensiero laterale. Rodolfo, manager di Aerolineas Argentinas, non si esime dal piacere di scambiare le ultime impressioni con Marcelo,

    – Roberto Da Rin

    Anche se in default, l'Argentina vede calare il proprio "rischio paese"

    Mi Buenos Aires querido - mia cara Buenos Aires, dice un tango di Carlos Gardel - torna a sorprendere. Sì perché mai era successo che un Paese in default (il 31 luglio 2014 l'Argentina è scivolata in un default selettivo) interessasse i mercati finanziari per ragioni non puramente speculative.

    – Roberto Da Rin