Ultime notizie:

Crosby

    Il libro paga di Woodstock: tutti i cachet degli artisti

    Il concetto di soldi si sposa male con i leggendari «Three Days of Peace and Music». Eppure ciascun artista che, dal 15 al 18 agosto 1969, salì sul palco si vice corrispondere un cachet. Da Jimi Hendrix, il più pagato di tutti, ai Quill che portarono a casa poche centinaia di dollari

    – di Francesco Prisco

    Woodstock 50 anni dopo: sembrava la rivoluzione ma era la fine del sogno

    Dal 15 al 17 agosto 1969 si tennero i «tre giorni di pace e musica» che sconvolsero il mondo: 400mila hippie nelle campagne a Nord di New York, una comune temporanea che ebbe come inno «The Star Spangled Banner» nella versione elettrica di Hendrix. Poteva essere l'origine del mondo nuovo, ma era più semplicemente l'estate indiana degli anni Sessanta

    – di Francesco Prisco

    Dai Queen a Bob Dylan: la musica «diversifica» con il cinema. Ecco come

    In principio fu «Bohemian Rhapsody», biopic su Freddie Mercury che incassò un miliardo, poi arrivò «Rocketman». Le vie di discografici e case di produzione convergono sempre di più. Tra documentari da un milione e colossal da 50 milioni di dollari

    – di Francesco Prisco

    Snarky Puppy di rotta sull'Italia: il jazz, quello diverso

    Tornano a esibirsi in Italia per cinque imprevedibili live gli Snarky Puppy, vincitori di tre Grammy Awards in tre anni. Una delle formazioni più interessanti e audaci della scena jazz internazionale, guidata dal bassista e produttore californiano Michael League, già al fianco di David Crosby. Dopo i tour in Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Usa, adesso è il turno dell'Europa dove il collettivo texano con base a Brooklyn è atteso fino a novembre da una  lunga serie di concerti che raggiungera...

    – Francesco Prisco

    Doris Day, addio alla ragazza acqua e sapone che stregò Hitchcock

    Non bisognava lasciarsi ingannare da quel visino dai tratti sottili, la vita esile, il portamento da uccellino. Doris Day, morta quasi centenaria, a 97 anni di polmonite, era una donna tenace. E molto meno eterea di quella figuretta che passava indenne da un fusto all'altro, che fosse Rock Hudson o

    – di Cristina Battocletti

    Le gallerie sostengono Venezia

    Dagli anni '90 non si ferma il processo di biennalizzazione dell'arte, il fenomeno della proliferazione di esposizioni biennali in ogni parte del mondo. Gli ultimi esempi sono Oslo, Riga e addirittura Nolo, il toponimo in uso per indicare il quartiere di Milano a nord di Piazzale Loreto. Eppure la

    – di Silvia Anna Barrilà

    Woodstock 50 verso la cancellazione: «Produzione non all'altezza»

    Woodstock fu uno dei rarissimi casi in cui un disastro produttivo fa la storia. Non sappiamo se il concerto celebrativo per i 50 anni di Woodstock farà mai la storia, in ogni caso già ci sembra ci siano i presupposti per dire che si tratta di uno dei più grandi disastri produttivi di sempre:

    – di Francesco Prisco

    Fuma poco e ascolta i Byrds

    Ci sono band che ami perché sono sempre state composte da quegli stessi quattro/cinque ragazzi, perché non c'è una sola uscita fuori posto lungo l'arco della loro carriera, perché possono essere durati tanto o poco ma quello che hanno fatto resterà per sempre. Poi ci sono band dalla formazione che cambia quasi ogni anno, se non addirittura ogni mese, dalla discografia che contiene qualche pezzo del quale faremmo volentieri a meno, dalla parabola imperfetta, proprio come sa essere imperfetta la v...

    – Francesco Prisco

    A caccia della generazione futura

    Sono nati negli anni '80, hanno percorsi di formazione molto vari, viaggiano, frequentano residenze d'artista, vivono fuori dalla madre patria, partecipano a premi d'arte internazionali, espongono in mostre collettive. Sono gli artisti di domani, da ricercare in ottica rigorosamente globale. Per

    – di Silvia Anna Barrilà e Maria Adelaide Marchesoni

1-10 di 113 risultati