Le nostre Firme

Cristina Battocletti

Caposervizio |  @CriBattocletti |  cristina.battocletti@ilsole24ore.com |

Cristina Battocletti lavora alla “Domenica” del Sole 24 Ore dal 2006. Ha lavorato sei anni a Radio 24, dagli albori dell’emittente, il 1999, al 2005, e un anno al “Lunedì” del Sole 24 Ore.

Critica cinematografica, è inviata per il Sole 24 Ore ai principali festival cinematografici, Venezia, Cannes, Berlino. Recensisce i libri dell’area balcanica e mitteleuropea, che la appassiona e che studia. È caposervizio e vive a Milano.

Ha scritto “Figlio di nessuno” (Rizzoli, 2012), biografia dello scrittore Boris Pahor, scritta a quattro mani con l’autore sloveno, candidato al Nobel. Il libro ha vinto il premio Manzoni come miglior romanzo storico; “La mantella del diavolo” (Bompiani, 2015), vincitore del premio Latisana e finalista ai premio Bergamo, Rapallo e Asti; “Bobi Bazlen. L’ombra di Trieste” (La nave di Teseo, 2017), vincitore del premio Martoglio e Comisso.

Commenta i film nel ciclo di trasmissioni televisive “L’altro Novecento” di Isabella Donfrancesco e Alessandra Urbani, in onda dal 22 ottobre 2018 su Rai 5.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: inglese, francese
  • Argomenti: cinema, mitteleuropa, balcani, Milano, Vienna, Trieste, Udine, Berlino, Cannes, Venezia
  • Premi: Comisso, Latisana, Manzoni, Martoglio

Ultimo aggiornamento 30 gennaio 2020

Ultimi articoli di Cristina Battocletti

    Le peggio periferie degli altri

    Il racconto dei sobborghi francesi e americani è più urgente di quello dei quartieri dormitorio italiani, perché ad armarsi di macchina da presa sono le seconde generazioni di immigrati. Come Ladj Ly Si esce con la tachicardia dalle corse nelle banlieue di Ladj Ly. Lo spettatore è braccato come i Miserabili del quartiere Montfermeil, in cui Victor Hugo ha ambientato due secoli fa il suo capolavoro e in cui oggi il regista francese di origini maliane ha cercato i tanti Jean Valjean per restitui...

    – Cristina Battocletti

    Che tempo fa al cinema? Riflessioni in tempo di sospensione

    Nuove frontiere. La tecnologia ha dato la possibilità ai registi di creare finti piani sequenza, le serie tivù hanno liberato i film dalla durata standard, permettendo la sperimentazione L'America dello showbiz ai tempi del Covid non ha perso un minuto. Visto che il cinema e la televisione sono arti collettive, il rifugio è stato internet. Così gli stand-up comedians hanno cominciato a riprodurre gag nel perimetro del salotto: Jim Gaffigan ha traslocato su Youtube le cene di famiglia; Sam Morri...

    – Cristina Battocletti

    I trucchi geniali dei maestri del cinema per fuggire dal mondo: ecco cosa facevano Buñuel, Bergman, Fellini e Welles

    In questi giorni sul web gira un video surrealista e assai spassoso: un papà in "clausura" da coronavirus, per sottrarsi alla propria figlioletta, si mimetizza dietro a un quadro portatile, dove sono dipinti i cuscini del divano su cui è disteso a leggere. Fuggire dal mondo è un richiamo istintivo, sul quale si sono esercitate le migliori menti escogitando bolle di sospensione, che sono un precedente consolatorio alla nostra "quarantena" quotidiana. Maestri del cinema come Federico Fellini e In...

    – Cristina Battocletti

    Jia Zhangke: "Il coronavirus può diventare l'anticorpo della dittatura"

    Il Leone d'oro cinese: «Usiamo questo momento per rafforzare la nostra indipendenza di pensiero e immunizzarci contro i mali sociali» Alla domanda «Come sta?», Jia Zhangke risponde «Fine, fine!» e ride divertito. Sa bene che su di lui, come cinese, grava il sospetto di passare per untore. «E' interessante la reazione dell'Occidente nei confronti dell'epidemia di coronavirus che ha colpito il mio Paese». In effetti anche nella saletta messa a disposizione dalla Berlinale, dove il regista, sceneg...

    – Cristina Battocletti

    Berlinale: sedia vuota per il Leone d'oro "There is no evil" dell'iraniano Mohammad Rasoulov. Elio Germano ha vinto l'Orso come migliore interprete alla Berlinale. Evviva!

    W la giuria della Berlinale guidata da Jeremy Irons. L'oro va all'iraniano che non è potuto venire, un bel segno di protesta contro il regime con un bel film. Il migliore attore va a Elio Germano per Ligabue. L'intervista a Elio Germano e Giorgio Diritti Questo è un film sulla diversità e sull'accoglienza. Che significato ha raccontare questa storia oggi? Giorgio Diritti : «Mi sono innamorato di Ligabue, pur essendo lui un po' bruttino. Anzi, il mio interesse nasce proprio dal fatto che era bru...

    – Cristina Battocletti

1-10 di 724 risultati