Le nostre Firme

Cristina Battocletti

Caposervizio |  @CriBattocletti |  cristina.battocletti@ilsole24ore.com |

Cristina Battocletti lavora alla “Domenica” del Sole 24 Ore dal 2006. Ha lavorato sei anni a Radio 24, dagli albori dell’emittente, il 1999, al 2005, e un anno al “Lunedì” del Sole 24 Ore.

Critica cinematografica, è inviata per il Sole 24 Ore ai principali festival cinematografici, Venezia, Cannes, Berlino. Recensisce i libri dell’area balcanica e mitteleuropea, che la appassiona e che studia. È caposervizio e vive a Milano.

Ha scritto “Figlio di nessuno” (Rizzoli, 2012), biografia dello scrittore Boris Pahor, scritta a quattro mani con l’autore sloveno, candidato al Nobel. Il libro ha vinto il premio Manzoni come miglior romanzo storico; “La mantella del diavolo” (Bompiani, 2015), vincitore del premio Latisana e finalista ai premio Bergamo, Rapallo e Asti; “Bobi Bazlen. L’ombra di Trieste” (La nave di Teseo, 2017), vincitore del premio Martoglio e Comisso.

Commenta i film nel ciclo di trasmissioni televisive “L’altro Novecento” di Isabella Donfrancesco e Alessandra Urbani, in onda dal 22 ottobre 2018 su Rai 5.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: inglese, francese
  • Argomenti: cinema, mitteleuropa, balcani, Milano, Vienna, Trieste, Udine, Berlino, Cannes, Venezia
  • Premi: Comisso, Latisana, Manzoni, Martoglio

Ultimo aggiornamento 30 gennaio 2020

Ultimi articoli di Cristina Battocletti

    Venezia 78: che bel festival

    Leonesse coraggiose conquistano il lido Venezia 78. Vince «L'événement» di Audrey Diwan sull'aborto clandestino, l'argento va a Paolo Sorrentino per «E' stata la mano di dio». All'Italia anche il premio speciale per «Il buco» Cristina Battocletti Premiare all'unanimità con il Leone d'oro, L'événement di Audrey Diwan, un film su una donna costretta a un aborto clandestino nella Francia degli anni Sessanta, è importante perché pone intensamente l'attenzione sul corpo della donna, in un tempo in ...

    – Cristina Battocletti

    Venezia 78 chiude con «Il bambino nascosto»

    Il nuovo film di Roberto Andò racconta la storia di un ragazzino, ricercato dalla camorra, che trova rifugio nella casa di un pianista

    – di Cristina Battocletti

    Venezia 78: Primo ottimo bilancio. AL Lido tornano i grandi film, da Jane Campion a Pedro Almodóvar, da Paul Schrader a Paolo Sorrentino

    Sono tornati gli americani, le star, le major, i blockbuster al Lido. Ma soprattutto ci sono i film di qualità, con attori eccellenti, guidati da registi che regalano film belli, anche quando non sono perfetti. A partire da Madres paralelas, che ha aperto la 78esima edizione con i colori sgargianti, i visi forti, i temi di introspezione psicologica femminile di Pedro Almodóvar. Il film racconta due maternità inaspettate di una quarantenne e di un'adolescente e di uno scambio in culla, tema frus...

    – Cristina Battocletti

    Cent'anni fa nasceva Strehler: il mago delle luci, del rinnovamento teatrale e dell'opera

    Questo articolo è stato scritto per la "Domenica" del Sole 24 Ore il 25 aprile 2021 per presentare il mio libro Strehler. Il ragazzo di Trieste. Vita, morte e miracoli, edito dalla Nave di Teseo Di Giorgio Strehler nell'ultimo periodo della sua vita si sono cercate soprattutto le ombre, di cui riempiva i suoi spettacoli e con cui rivestiva le sue interpreti, spesso anche compagne di vita. Ma l'uomo che fondò nel 1947 con Paolo Grassi il Piccolo Teatro, la prima istituzione pubblica d'Italia...

    – Cristina Battocletti

    Il 25 aprile Vanessa Kirby è candidata agli Oscar per "Pieces of a woman": ecco perché se lo merita

    La sceneggiatrice Weber e il regista Mundruczó raccontano la storia autobiografica di un parto a casa mal gestito. Il film ha benedizione del produttore Martin Scorsese L'esperienza innominabile per eccellenza: la morte di un neonato, dopo pochi respiri a seguito di un parto in casa travagliatissimo. Per aver restituito la sofferenza della puerpera con crudo verismo, Vanessa Kirby (Martha) si è guadagnata per Pieces of a woman di Kornél Mundruczó (il film è fruibile su Netflix) la candidatura co...

    – Cristina Battocletti

    Berlinale: La porno insegnante, l'eremita, l'amica immaginaria e gli anni Ottanta

    Piccolo consuntivo dei film più sorprendenti della 71esima edizione della Berlinale. Tra le novità, la pellicola del regista rumeno L'immagine che vedete nella foto è di una donna sotto processo. E' una professoressa rumena, interpretata da Katia Pascariu, e i suoi accusatori sono i genitori e i nonni degli allievi della classe in cui insegna. Il suo reato? Aver permesso al marito di riprendere un loro rapporto intimo, che non si sa per quali misteriose vie è stato caricato su internet ed è d...

    – Cristina Battocletti

    Lucio quando non era ancora Dalla

    Alla Berlinale il bel documentario di Pietro Marcello sul cantautore bolognese con interviste rare e molto materiale d'archivio Scordatevi il Dalla clownesco che cantava "Attenti al lupo" come in una scena da avanspettacolo, il Dalla con il riporto biondo, la camicia aperta sul petto e collane in abbondanza. "Per Lucio", documentario di Pietro Marcello, alla 71esima edizione della Berlinale, nella sezione Special, racconta il cantautore bolognese quando non era ancora l'artista entrato nel mito...

    – Cristina Battocletti

1-10 di 761 risultati