Aziende

Credem

Credem Spa è un istituto di credito emiliano. La banca conta 541 filiali e 45 centri imprese distribuiti in 16 regioni italiane, uno staff di 5.600 dipendenti e una rete di 600 promotori finanziari con 100 uffici dedicati. All'estero il gruppo è presente in Lussemburgo con Credem International Lux, mentre nel parabancario il gruppo è attivo tramite Credemleasing e Credemfactor. Il business del gruppo comprende anche l'asset management dove operano Euromobiliare Asset Management SGR e Credem Private Equity SGR. Nella bancassicurazione Credem è attivo tramite le società CredemVita e Credem Assicurazioni; mentre nell'attività di amministrazione fiduciaria di patrimoni opera con Euromobiliare Fiduciaria..

Credem Spa è nato nel 1910 con la denominazione di Banca Agricola Commerciale di Reggio Emilia. Nel 1993 è nato il Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem, con a capo Credito Emiliano Holding Spa. La struttura è stata poi completata nel 1994 con l'acquisizione del Gruppo Euromobiliare. Nel 1996 Credem Spa ha inaugurato una filiale nel Granducato di Lussemburgo, confluita nel 2000 nella controllata Credem International (Lux) Sa. Nel 1999 è stata fondata Banca Euromobiliare (Suisse) Sa e nel 2009 è stato perfezionato il trasferimento della capogruppo a Credito Emiliano Spa.

Tra i maggiori azionisti della banca la holding Max Mara Fashion Gropu della famiglia Maramotti.

Ultimo aggiornamento 24 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Asset management | Filiale | International Sa | Istituto di credito | Credem Spa | Maramotti | Banca Agricola Commerciale | Gruppo Euromobiliare | Banca Belinzaghi | Mara Fashion Gropu | Max Mara | Lussemburgo | Credito Emiliano Spa | Credito Emiliano Holding Spa | Banca Euromobiliare | International Lux |

Ultime notizie su Credem

    Dal Barolo al Chianti, cantine a caccia di finanziamenti

    Al Consorzio del Brunello di Montalcino hanno tagliato la testa al toro e senza aspettare il decreto Mipaaf hanno siglato con Credem una convenzione per l'attivazione di una linea di credito a favore delle aziende socie per finanziamenti fino a 150mila euro da restituire in 10 anni.

    – di Giorgio dell'Orefice

    Il conto del Covid sulle banche: 12 miliardi di perdite da Npl in Italia

    Non poco, certo, ma se così fosse si tratterebbe di numeri tollerabili, soprattutto per banche più solide come Intesa, UniCredit, Mediobanca e Credem. ... Ma se si manifestasse il peggiore degli scenari, solo Creval, Banca Popolare di Sondrio, Mediobanca, Credem e Intesa Sanpaolo conserverebbero un cuscinetto di sicurezza superiore all'1 per cento.

    – di Luca Davi

    Effetto Covid sui fondi, nel primo trimestre riscatti per 12 miliardi

    Trimestre negativo, invece per Intesa Sanpaolo (-3,9 miliardi), e per il gruppo Credem (-2,9 miliardi) che però segnala il trasferimento di un mandato di gestione infragruppo delle polizze assicurative Unit Linked da Euromobiliare AM Sgr a Credemvita.

    – di Isabella Della Valle

    Banche, i ricavi in ripresa nel 2022

    «Sarà necessario avere aziende più resilienti – dice Nazzareno Gregori, direttore generale di Credem –.

    – di Giovanna Mancini

    Effetto virus sui fondi: in tre mesi riscatti per 15 miliardi

    Tra i risultati particolarmente positivi va segnalato il saldo conseguito da Poste Italiane, Deutsche Bank, Ubs A.M., Anima, Mediobanca, Iccrea e Pramerica, mentre il bilancio è stato negativo soprattutto per il gruppo Intesa Sanpaolo, Amundi, Credem, Jp Morgan A.M., Kairos e Generali.

    – di Isabella Della Valle

    Il coronavirus ha fatto scattare le strategie difensive

    Anche in Credem, la consapevolezza di una lunga fase di mercati ai massimi ha portato a costruire portafogli con una quota maggiore di liquidità (circa il 20 per cento). «Una scelta – spiega Gianluca Rondini, responsabile Private Banking di Credem – che ha contribuito a limitare l'impatto negativo del Covid-19.

    – di Lucilla Incorvati e Daniela Russo

    Decreto liquidità, dopo la prima settimana banche pronte agli «invii massivi»

    E' il caso di Bnl (più di 10mila domande nei primi due giorni di operatività), del Credit Agricole (15mila domande ricevute nei primi due giorni, oltre 37mila le richieste di moratorie, di cui 28mila già deliberate), del Credem (oltre 4mila richieste) e di altri gruppi nazionali, come Iccrea e Mps.

    – di Matteo Meneghello

    Emergenza Coronavirus, nuovi plafond da Bnl e Credem

    Ammontano rispettivamente a 7 e 5 miliardi i plafond messi a disposizione da Credem e Bnl per finanziare famiglie e imprese impegnate a fare fronte all'emergenza legata alla pandemia da Coronavirus. Credem, in particolare, ha annunciato ieri lo stanziamento di un plafond di 5 miliardi di euro per finanziamenti per sostenere famiglie e imprese e lo stanziamento di un plafond di 2 miliardi di euro per la sospensione di mutui e leasing per 12 mesi. ... Per le famiglie, spiega Credem, il plafond...

    – di Matteo Meneghello

    Banche e dividendi: l'etica ai tempi del coronavirus

    Ad esempio, tra le banche italiane significant, soggette a diretta supervisione della BCE, alcune hanno già deciso di revocare la decisione di distribuire utili (Banco BPM, BPER, Intesa, Unicredit), altre hanno sospeso il dividendo (UBI), altre ancora comunicheranno a breve come intendono procedere (Popolare di Sondrio, Credem, ICCREA Banca e Cassa Centrale); tra queste anche Mediobanca che per tradizione chiude l'esercizio il 30 giugno.

    – di Mario La Torre

1-10 di 416 risultati