Le nostre Firme

Corrado Poggi

Redattore Radiocor |  @corradopoggi |  LinkedIn |

Iscritto all’elenco professionisti dal 2003, ha iniziato l’attività giornalistica nel 1990 dopo essersi laureato a pieni voti in Lettere Moderne presso l’Università Statale di Milano. Ha vissuto per 13 anni a New York e per un periodo di circa un anno a Mosca. Si occupa in particolare di Bce e politica monetaria, società di rating, compagnie farmaceutiche, società del settore trasporti e produttori di auto stranieri. Cura ogni mese la pubblicazione dei sondaggi realizzati in cooperazione con Assiom Forex e con Cfa Italy.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: Inglese, francese e spagnolo
  • Argomenti: Bce, politica monetaria, società di rating, compagnie farmaceutiche, trasporti e auto

Ultimo aggiornamento 16 settembre 2019

Ultimi articoli di Corrado Poggi

    L'innalzamento dei mari entra nell'analisi dei rating di Moody's

    Le aree più esposte a questo fenomeno sono quelle dell'Asia (dalla Cina, al Bangladesh, dall'Indonesia all'India), del Medio Oriente (dal Qatar al Bahrain all'Uae), del Nord Africa (come Egitto, Senegal e Tunisia) oltre a diverse isole come le Cayman, le Maldive e le Fiji

    – di Corrado Poggi

    Borsa, cresce l'incertezza degli operatori per le prospettive. Ottimismo su spread

    La percentuale combinata di quanti prevedono indici in rialzo o stabile scende infatti in ottobre all'82% dall'85% del mese precedente mentre di conseguenza sale al 18% dal 15% lo spicchio di quanti prevedono ribassi. Il 53% degli operatori vede inoltre un euro stabile nei confronti del dollaro mentre la maggioranza di quanti hanno preso parte al sondaggio, il 68%, non ritiene che la Fed lancerà un nuovo programma di quantitative easing su esempio della Bce.

    – di Corrado Poggi

    Pimco: bene l'Italia, ma alto debito e crescita debole restano in agguato

    I bassi tassi di interesse sui BTp rendono il debito italiano sostenibile ma i problemi di medio termine non sono stati risolti. Basterebbe poco per rimettere la traiettoria dei conti «in una fase esplosiva». Intanto l'economia globale «è vicina alla velocità di stallo ma non ci sarà recessione». Ma gli elementi di incertezza restano molti

    – di Corrado Poggi

    Europa rialza la testa e chiude positiva, venti di guerra favoriscono petrolio

    Dopo un avvio in salita, i mercati hanno trovato la strada dei rialzi nonostante lo scetticismo che sembra prevalere in attesa del nuovo round negoziale Usa-Cina in programma giovedì per cercare di risolvere le dispute commerciali e nonostante le notizie che giungono dal Medio Oriente dove la Turchia appare decisa a invadere il nord della Siria con il via libera della Casa Bianca.

    – di Andrea Fontana e Corrado Poggi

1-10 di 193 risultati