Ultime notizie:

Constellation Brands

    Saranno alla marijuana i nuovi soft drink di tendenza?

    Sarà la marijuana l'ingrediente delle nuove bibite di tendenza? Parrebbe di sì a guardare i movimenti intorno ad alcune delle maggiori aziende produttrici di canapa oltreoceano. L'ultima notizia, riportata da The Drink Business e BNN Bloomberg riguarda il colosso mondiale degli spirits Diageo che sarebbe a un passo da un accordo con uno o più produttori canadesi di cannabis. L'idea sarebbe quella di collaborare e investire nella realizzazione di soft drink con infusioni di canapa. Una mossa che ...

    – Fernanda Roggero

    Italia-Francia giocata col vino: chi esporta di più, chi «vende» meglio

    Triste il Mondiale senza Italia? Cosa dareste per vedere gli azzurri impegnati ai quarti di finale al posto dell'Uruguay, a sfidare i cugini francesi, rivali di sempre? Con il calcio certe soddisfazioni, quest'anno, non possiamo togliercele. E allora «giochiamo» con quello che ci rimane: il vino,

    – di Francesco Prisco

    A Masi Agricola il Wine Excellence Award 2017

    Sandro Boscaini, con Masi Agricola, di cui è presidente e CEO, "è stato un pioniere nel far conoscere nel mondo la sua Valpolicella e l'Amarone, valorizzando come pochi la tradizione dell'appassimento delle uve e la cultura veneta", meritando il titolo di "Mister Amarone". Si apre così la

    Marijuana in Canada (da luglio) e i titoli del settore schizzano: +150%

    Un impero in Borsa con la marijuana. Legale. Il produttore canadese di cannabis Aurora acquisirà il suo concorrente Cannimed per 1,1 miliardi di dollari canadesi (719 milioni di euro). Aurora diventa così il primo produttore mondiale di marijuana con una capitalizzazione che supera il miliardo di

    – di Riccardo Barlaam

    Ruffino festeggia i 140 anni con il nuovo Chianti Riserva

    Per chi produce un vino che si chiama Riserva Ducale Oro - e che negli Stati Uniti è l'etichetta italiana più conosciuta e più venduta, apparsa in film del calibro de "Il diavolo veste Prada", "Bloode & wine", "Rocky" - decidere di fare una riserva "vera" (quella prevista dal disciplinare di una

    – di Silvia Pieraccini

    Tutti pazzi per il Brunello di Montalcino: gli investitori di oggi e di ieri

    Montalcino crocevia di popoli. Il Brunello non finisce di stupire e di attrarre nuovi investitori, nonostante investimenti onerosissimi (un ettaro di vigneto è stimato tra i 450/500mila euro e lo sfuso sugli 890 euro al quintale) e prospettiva di ritorno dell'investimento a lunghissima scadenza (spesso per i nipoti). Aspettando la prossima edizione della kermesse "Benvenuto Brunello" (17-21 febbraio), ecco gli investimenti rilevanti degli ultimi anni. L'apripista Negli anni Settanta, pionieri f...

    – Emanuele Scarci

1-10 di 18 risultati