Aziende

Condè Nast

Condè Nast Publications è una casa editrice americana. Si tratta di una sussidiaria della media company Advance Publications Inc, controllata dall’imprenditore statunitense Samuel Irving Newhouse. Con sedi a New York, Chicago, Miami, Madrid, Milano,Tokyo, Londra e Parigi, il gruppo pubblica all’incirca 30 riviste, tra cui: Vanity Fair, Glamour, Vogue, Traveller, AD e GQ. Specializzata in moda, Condè Nast Publications edita riviste anche di viaggi, sposa, arredamento, cucina, tecnologia, cultura e golf.

Fondato nel 1907 da Condé Montrose Nast, nel 1936 il gruppo è stato acquisito dalla famiglia Newhouse. Nel tempo la casa editrice di Vogue ha aumentato le pubblicazioni, fino ad arrivare nel 1998, alla redazione di 17 riviste per un ammontare di 13 milioni di uscite mensili. Tra le più recenti acquisizioni, nel 2008 Condè Nast Publications ha comprato il sito internet Ars Technica, che si occupa di tecnologie.

Ultimo aggiornamento 09 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Società dell'informazione | Condè Nast Publications | Casa editrice | Samuel Irving Newhouse | Vogue | Advance Publications Inc | Condé Montrose Nast |

Ultime notizie su Condè Nast

    La Regione Marche affida a Condé Nast la comunicazione turistica

    Di seguito la nota di Condé Nast Italia che illustra la partnership promozionale con la Regione marche in ambito turistico. Innovativo progetto di comunicazione per la Regione Marche, che per la prima volta si è affidata a una media partnership esclusiva per promuovere l'immagine e il posizionamento della sua offerta turistica. L'iniziativa - rara e lungimirante in un settore, quello della comunicazione istituzionale, dove ci si muove troppo spesso in maniera indiscriminata e senza attenzione a...

    – Vincenzo Chierchia

    Golfo rovente: a Dubai turismo turbo, Abu Dhabi stenta, Oman outsider con il lusso slow (Condé Nast - Lvmh)

    A Dubai il turismo marcia con il turbo in vista dell'Expo 2020. Pochi dati ma chiari relativi al primo trimestre del 2017: incremento dell'11% nei pernottamenti internazionali,  4,57 milioni di turisti hanno visitato Dubai, con performance notevoli per gli arrivi da Cina, Russia e India.  Comparto alberghiero di Dubai nel primo trimestre 2017: 104.503 camere,  680 strutture (pari ad una crescita del +6% rispetto a fine marzo 2016). Insomma l'obiettivo dei venti milioni di turisti a Dubai è a por...

    – Vincenzo Chierchia

    Lusso, cucina, meeting e matrimoni: le quattro eccellenze dell'hotellerie italiana agli Oscar Condé Nast Johansens

    Quattro eccellenze: luxury value, dining experience, meetings e weddings. Quattro riconoscimenti di eccellenza per altrettanti alberghi italiani a 5 stelle lusso nella tradizionale notte degli Oscar Condé Nast Johansens svoltasi a Londra ieri in contemporanea all'apertura del World travel market. Una conferma anche della tradizione italiana nell'hotellerie di fascia alta. Di seguito la nota sui riconoscimenti. Ogni anno l'autorevole editore Condé Nast Johansens assegna agli alberghi europei pr...

    – Vincenzo Chierchia

    Turismo di lusso: la carica degli hotel italiani agli Oscar Condé Nast Johansens

    Il lusso italiano piace nel mondo e agli Oscar di Condé Nast Johansens hotel, borghi e Spa del Belpaese fanno il pieno di nominations. Lunedì l'assegnazione definitiva dei riconoscimenti ma è già un successo per l'offerta alberghiera italiana (nella foto lo spettacolare panorama dall'Hotel Brunelleschi di Firenze). Di seguito la nota sulle nominations. Appuntamento il 7 novembre a Londra per il Gala della premiazione, in coincidenza con il World travel market. SPICCA L'ITALIA AGLI OSCAR DELL'E...

    – Vincenzo Chierchia

    Il ceo di Condé Nast Usa, Bob Sauerberg: «L'Italia è il faro creativo della moda»

    L'insediamento ufficiale come ceo di Condé Nast Usa sarà a gennaio, ma il viaggio di Bob Sauerberg a Milano per la settimana della moda assomiglia a una "pre-incoronazione" come numero uno del più importante gruppo editoriale americano del settore "premium media".Condé Nast è un'azienda privata

    – Giulia Crivelli

    Condé Nast converte il sito Style.com: da news a e-commerce

    Condé Nast, il potente editore americano specializzato nella moda, ha appena annunciato che si lancia nell'e-commerce. Il sito Style.com - che tutti gli addetti ai lavori frequentano compulsivamente soprattutto durante le sfilate per l'importanza delle recensioni - si trasforma in una piattaforma per la vendita di prodotti, prima in Gran Bretagna, poi negli Usa ed eventualmente su altri mercati internazionali.Con 300 milioni di lettori tra carta e online suddivisi fra 140 testate, tra cui Vogue,...

    – Paola Bottelli

    Suzy Menkes lascia l'International Herald Tribune e spiega a Wwd perché va a Condé Nast (ma io non capisco lo stesso)

    Ieri è arrivata la notizia che Suzy Menkes (qui accanto con Karl Lagerfeld), classe 1943, fashion editor da 26 anni dell'International Herald Tribune, lascia la sua posizione per andare alla Condé Nast International con l'incarico - par di capire - di scrivere solo per i siti del gruppo, compreso quello italiano. Devo fare alcune premesse, prima di commentare modestamente la notizia e di riportare alcuni brani dell'intervista che la stessa Menkes ha dato oggi a Wwd (il quotidiano della moda che ...

    – Giulia Crivelli

    Condé Nast si sposterà a Ground Zero

    USA/ CONDÉ NAST SI TRASFERISCE A GROUND ZEROCasa editrice si sposta nel 2014 in torre 1 nuovo WTC New York, 18 mag. (TMNews) - La casa editrice Condé Nast hasiglato l'accordo per trasferirsi nella torre numero uno delnuovo World Trade Center. Una volta completata la costruzione delgrattacielo nel 2014, la società diventerà l'inquilino piùimportante dell'edificio, una mossa che Port Authority, l'entegovernativo che gestisce la ricostruzione di Ground Zero, sperapossa convincere molte altre societ...

    – Paola Bottelli

    Copyright, 22enne dell'Ohio rubava a Condé Nast scatti di Bruce Weber e Testino. Condannato

    Si era procurato - chissà come - la password per entrare nel sistema della Condé Nast Publications Ltd, dalla quale scaricava illegalmente foto di Bruce Weber e Mario Testino, oltre che "prove" di cover non pubblicate. L'attività di Ross Ulrich, 22enne studente dell'Ohio, è terminata dopo il download di oltre 1.100 files - da lui utilizzati per il suo blog - con una condanna al pagamento di 12.500 dollari, scrive l'agenzia Bloomberg. Il giovanotto ha detto di non sapere che stava violando le no...

    – Paola Bottelli

1-10 di 13 risultati