Persone

Clemente Mastella

Clemente Mastella č un politico italiano. Ex parlamentare fondatore e segretario nazionale dei Popolari-Udeur, attualmente riveste la carica di Eurodeputato del Pdl. Č stato ministro del Lavoro nel governo Berlusconi I e Ministro della Giustizia nel Prodi II. Č stato sindaco di Ceppaloni (in provincia di Benevento).

Clemente Mastella ha iniziato l’attivitą politica iscrivendosi alla Democrazia Cristiana e diventando dirigente nazionale dell'Azione Cattolica. Alle politiche del 1976 č stato eletto deputato, entrando alla Commissione Interni di Montecitorio. Ha ricoperto diversi incarichi nella Dc, tra cui responsabile del dipartimento informazione ed editoria e dal 1982 č stato capo ufficio stampa. Nel VI e VII governo Andreotti č stato eletto Sottosegretario alla Difesa.

Membro della Commissione Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni nella VIII e IX Legislatura, con la X Legislatura Clemente Mastella č passato alla Commissione Cultura ed Istruzione e successivamente alla Commissione Difesa. Nel 1994 ha fondato il Centro Cristiano Democratico ed č diventato Ministro del Lavoro. Nella XIII Legislatura ha fatto parte della Commissione Difesa ed č stato eletto Vicepresidente della Camera, incarico che ha mantenuto fino al 1998, quando č diventato Segretario Nazionale prima dell'Udr e poi dell'Udeur. Nel 1999 e nel 2004, č stato eletto al Parlamento Europeo. Alle politiche del 2001 Mastella č stato confermato alla Camera e ne č diventato Vicepresidente. Con le elezioni del 2006, č entrato al Senato ed č diventato Ministro della Giustizia durante il II governo Prodi. Nel 2009, con il rinnovo del Parlamento Europeo, Mastella č diventato Europarlamentare.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Clemente Mastella | PDL | Azione Cattolica | Montecitorio | Benevento | Centro Cristiano Democratico | Unione Democratica per la Repubblica | Ufficio Stampa | Commissione Interni | DC | Commissione Difesa | UDEUR | Prodi | Camera dei deputati | Senato | Ministro della Giustizia | Berlusconi I | Popolari |

Ultime notizie su Clemente Mastella

    Ok al cibo portato da casa a scuola: Mastella perde la guerra del panino

    A spezzare una lancia per la libertą dei genitori di scegliere gli alimenti da dare ai figli č il Consiglio di Stato, che come aveva gią fatto il Tar, dą partita vinta alle famiglie, che hanno ingaggiato una battaglia contro il sindaco di Benevento Clemente Mastella.

    – di Patrizia Maciocchi

    Dall'Unione di Prodi al contratto M5S-Lega, quando la Tav spacca i governi

    Anche nel 2006 alla base delle tensioni sulla Tav ci fu un programma di governo, le 281 pagine dell’accordo pre elettorale dei partiti dell’Unione, la coalizione che andava dall’Udeur di Clemente Mastella fino a Rifondazione Comunista, passando per l’Ulivo che avrebbe dato vita al Partito democratico l’anno successivo.

    – di Andrea Marini

    Istruzione: Vincenzo Spadafora

    Se non sarą sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Vincenzo Spadafora, gią Garante dell'infanzia e adolescenza č indicato come papabile ministro dell'Istruzione. E' considerato l'eminenza grigia dietro Luigi Di Maio. Spadafora comincia nel 1998 come segretario particolare di Andrea Losco,

    M5S-Lega: chi sono Spadafora e Giorgetti, le eminenze grigie di Di Maio e Salvini

    Luigi Di Maio e Matteo Salvini, leader in pectore del probabile nuovo governo M5S-Lega sono da giorni al centro della cronaca politica. Quel che si conosce meno č la squadra che affianca i due esponenti politici. In particolare i due "consigliori" dei giovani leader: Vincenzo Spadafora ( Di Maio) e

    – di Manuela Perrone e Mariolina Sesto

    Da Leone a Iotti, sette mandati esplorativi

    Sono venticinque i giorni trascorsi dalla prima seduta delle Camere dopo le elezioni politiche, e tredici dall'inizio del primo round di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo. Il tempo č passato senza che sia stata raggiunta un'intesa, e salgono le quotazioni di un mandato

    – di Mariolina Sesto

    Da Carelli (M5S) a Cerno (Pd), i giornalisti promossi parlamentari

    Erano molti i giornalisti candidati alle elezioni di domenica e parecchi hanno centrato l'elezione, anche se in alcuni casi entreranno in Parlamento solo grazie al ripescaggio nei collegi plurinominali dopo aver perso la sfida diretta all'uninomanale. Non č il caso di Emilio Carelli, ex conduttore

    – di Riccardo Ferrazza

    Accadde cinquant'anni fa: gli anniversari che ci aspettano nel 2018

    Il Sessantotto č l'unico anno del XX secolo a essere divenuto un nome proprio. Ma gli eventi di cinquant'anni fa, che troviamo oggi sui libri di storia, non riguardano solo il "Maggio francese" e le rivolte studentesche in America e in Europa. Negli Stati Uniti vengono assassinati a distanza di

    – di Piero Fornara

    Traffico in centro, la zona politica che non conosce semplificazione

    Per una volta sembrava possibile raccapezzarsi nell'arcipelago delle sigle di centro. La nascita, ieri, di "Noi con l'Italia", il partito-contenitore del le sigle di questa area che alle elezioni saranno schierate con Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia, ha portato un po' di ordine in una realtą

    – di Riccardo Ferrazza

    Elezioni, nei collegi paracadute proporzionale per i «big»

    La campagna elettorale ufficialmente non č ancora cominciata ma la corsa per aggiudicarsi gli scranni del Parlamento della XVIII legislatura č gią cominciata. E prima dei nomi c'č un dato che emerge: quasi tutti i big correranno nei listini proporzionali. Vale per Renzi ma anche per Di Maio, per

    – di Barbara Fiammeri e Manuela Perrone

1-10 di 386 risultati