Ultime notizie:

Claudio Pinna

    Quota 100 e 62 anni di età: la pensione si riduce del 25%

    Utilizzare quota 100 - almeno 62 anni di età e 38 di contributi - per andare in pensione cinque anni prima rispetto al trattamento di vecchiaia comporta un taglio di circa un quarto dell'assegno previdenziale lordo. Se si sceglie una delle possibili soluzioni intermedie - per esempio, se si va in

    – di Claudio Pinna e Matteo Prioschi

    Le inefficienze di un sistema troppo parcellizzato

    La legge sulla concorrenza sembra porre le basi per una seria riflessione sulle caratteristiche che dovranno assumere le forme di previdenza complementare. Un tavolo di consultazione con le parti sociali, la Covip e gli esperti di settore dovrà interrogarsi su una serie di punti che finora hanno

    – di Claudio Pinna

    Più incentivi e più cultura per spingere le adesioni

    Nel processo di revisione dei sistema pensionistico italiano avviato a metà degli anni novanta (e probabilmente non ancora completato) l'operazione del conferimento tacito del Tfr rappresenta sicuramente uno dei momenti più importanti.

    – di Claudio Pinna

    L'Ape social non riduce la pensione

    Dall'anno prossimo i lavoratori con almeno 63 anni di età e 20 di contributi potranno smettere di lavorare fino a 3 anni e 7 mesi prima rispetto al raggiungimento della pensione di vecchiaia. Nel periodo che intercorre tra l'ultimo stipendio e il primo assegno previdenziale potranno contare su un

    – di Claudio Pinna e Matteo Prioschi

    Assegno con importo minimo

    Per la valutazione della convenienza dell'Ape (l'assegno pensionistico anticipato) fondamentale risulterà essere per il lavoratore la scelta della quota di prestazione da richiedere come anticipazione.

    – di Claudio Pinna

    L'Inps calcola i trattamenti futuri

    Partita l'operazione «La mia pensione». Il tool online che dal 1° maggio è disponibile sul sito dell'Inps per la gran parte dei lavoratori con meno di 40 anni

    – di Claudio Pinna

    Anticipo del Tfr: meglio l'uovo oggi (in busta paga) o la gallina domani?

    Meglio l'uovo oggi o la gallina domani? E' questo il dilemma con il quale tutti i lavoratori dovranno confrontarsi in relazione alla facoltà concessa dal Governo di poter richiedere in busta paga (dal 1° marzo 2015 al 30 giugno 2018) il relativo accantonamento di Tfr maturato.

    – Claudio Pinna

    Il Tfr in busta paga rischia di slittare: manca ancora il decreto

    L'operazione Tfr in busta paga, lanciata dal Governo con la legge di stabilità 2015, s'avvicina pericolosamente alla "zona Cesarini". Entro gennaio, stando al dettato della legge, si sarebbe dovuto varare un decreto del presidente del consiglio dei ministri (Dpcm) per definire le modalità di

    – di Davide Colombo, con articoli di Claudio Pinna e Marco lo Conte

    Sistema alle corde se non si cresce

    IL BILANCIO - Venticinque anni di riforme non sono bastati a garantire una struttura equa, stabile e sostenibile socialmente

    – di Claudio Pinna

1-10 di 33 risultati