Aziende

Chl

Chl è la più importante realtà di e-commerce esistente in Italia e una delle principali in Europa, poiché si occupa anche della gestione di servizi relativi all'e-business. Chl ha creato una piattaforma di commercio elettronico studiata, realizzata e gestita direttamente, investendo sui fattori di successo dell'e-commerce, come distribuzione, logistica e servizi al cliente: offre oltre 6.000 prodotti di più di 300 marche diverse ed è specializzata nell'assemblaggio di pc a proprio marchio, sulla base della progettazione ad hoc da parte del cliente, assistito da un commesso virtuale.

L’unicità di Chl risiede nell’aver creato una rete di presenza fisica sul territorio (i negozi Chl) integrandola con gli strumenti on-line. Ciò ha agevolato la diffusione del commercio elettronico e avvicinato gli utenti al mondo dell'e-commerce, permettendogli di ritirare e pagare i prodotti in modo tradizionale. Il network Chl è infatti composto da una efficace presenza sul territorio per la consulenza, l'ordine online e il ritiro di prodotti, costituito da oltre 1.200 negozi e da svariate decine di punti affiliati Tnt per la consegna e il pagamento.

L’attività di Chl è iniziata nel 1993 a Firenze, quando l’azienda ha introdotto la tecnologia Bbs (Bulletin Board System) per la gestione delle proprie attività: un sistema telematico pre-internet che consentiva all'utente di accedere tramite modem alla banca dati di Chl, consultarne il listino ed effettuare i relativi ordini. Nel 1995 Chl ha avviato il progetto internet vero e proprio dando vita a www.chl.it, il primo sito di commercio elettronico in Italia basato su di una piattaforma tecnologica operante con sistemi informativi elaborati internamente. Alla fine del 1999 Chl ha poi sviluppato ulteriormente il proprio business, mettendo in vendita sul suo sito prodotti di software, telefonia, audiovideo, fotografia.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Internet | Italia |

Ultime notizie su Chl

    Le criptovalute ricordano lo schema Ponzi, o lo chiamiamo Pippo?

    Qualche anno fa un caro amico mi chiese di spiegargli quali potevano essere i rischi di investire in nuovi calcolatori per il mining di criptovalute attraverso una società che stava già svolgendo questa attività. Era stato contattato insieme al suo babbo ed altri amici e gli erano state presentati una serie di opportunità dall'investimento, rendimenti molto interessanti. Volevano però conoscere anche i rischi che andavano assumendosi. Non conoscevo la società e non avevo le competenze per esprim...

    – Francesco Lenzi

    Niente cashback senza fact check. 7 domande al Governo

    Il 31 dicembre scorso si è chiusa la fase sperimentale del cashback di stato. Dopo alcuni primi giorni traballanti il meccanismo congegnato da PagoPa, che si appoggia principalmente all'app IO nel rapporto con il cittadino, sembra aver funzionato bene. Il 10 gennaio è stata completata la definizione dei rimborsi per gli utenti, rimborsi che saranno erogati nel mese di febbraio, come previsto dal decreto del Mef che ha istituito la misura. Il cashback ora proseguirà per un altro anno e mezzo, al ...

    – Tortuga

    Il Covid-19 cambia le "regole" dei premi d'arte

    Nessuna short list per il Turner Prize, dalla giuria 10 borse di studio da 10mila sterline cadauna ad artisti britannici meritevoli. Anche il Sobey Art Award premia non uno ma 25 artisti

    – di Maria Adelaide Marchesoni

    Trimestrali Usa accendono le Borse, spread giù a 187

    Goldman Sachs e JPMorgan hanno battuto le stime, cosa che ha dato sostegno al settore bancario in Europa e a Milano, dove ha svettato Unicredit. Piazza Affari, fanalino di coda, ha risentito della pressione delle vendite su Fca e Pirelli. Fuori dal paniere principale in evidenza Astaldi dopo la nuova offerta presentata da Salini Impregilo

    – di Eleonora Micheli e Stefania Arcudi

    Sprint dell'Europa, Piazza Affari supera primo test trimestrali

    Borse europee ai massimi da inizio dicembre scorso (+1,2% lo Stoxx Europe 600) spinte da una serie di trimestrali convincenti, che hanno messo il turbo al comparto energia (Bp a Londra ha guadagnato il 5,2% dopo i conti), costruzioni e beni di consumo e nonostante il rallentamento di vendite al

    – di Eleonora Micheli e Stefania Arcudi

    Piazza Affari sale dopo accordo Roma-Ue, giù lo spread. A Wall Street affonda Facebook

    Milano prima della classe in Europa (+1,6% il Ftse Mib) dopo l'accordo tecnico tra Roma e Bruxelles sulla manovra, cosa che ha fatto calare lo spread a 254 punti, dai 270 della vigilia. Positivo anche il resto del Vecchio Continente (Parigi +0,57%, Francoforte +0,25%, Madrid +0,97% e Londra +1%

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

1-10 di 25 risultati