Ultime notizie:

China Merchants Group

    Astaldi riprende le trattative per la cessione del ponte sul Bosforo ai cinesi

    Astaldi e il suo partner turco hanno ripreso le trattative per la vendite della concessione per il ponte sul Bosforo che collega Europa e Asia a un gruppo di investitori cinesi dopo aver risolto una controversia sui pedaggi, con il Governo turco. Lo riporta Bloomberg. Il costruttore italiano e Ic Yatirim Holding hanno ripreso i colloqui con un consorzio guidato da China Merchants Group dopo che il governo turco ha accettato di adeguare il tasso di cambio utilizzato per calcolare il pedaggio due ...

    – Carlo Festa

    Ripartono i negoziati per la vendita del ponte sul Bosforo e Astaldi vola dell'8%

    Chiusura in netto rialzo per Astaldi a Piazza Affari, dove i titoli della società hanno registrato una brusca accelerazione nel pomeriggio sulla scia delle indiscrezioni relative alla ripresa delle trattative per la vendita della concessione del terzo ponte sul Bosforo. Le quotazioni hanno chiuso

    – di Paolo Paronetto

    Così i colossi cinesi corteggiano i porti di Genova e Trieste

    Genova e Trieste sono i porti italiani in prima linea per entrare a pieno titolo, anche con accordi di partnership, nei progetti italo-cinesi per la Belt & road initiative (Bri). La nuova Via della seta si sta sviluppando sia sulla direttrice terrestre, con la ferrovia, sia su quella marittima. E

    – di Raoul de Forcade

    Porti, Venezia preda cinese nella corsa ai corridoi europei

    Circa 1.400 miliardi di dollari d'investimenti infrastrutturali e 80 paesi potenzialmente coinvolti. Sono questi i numeri della Belt & Road Initiative (Bri), cioè la strategia lanciata nel 2013 dalla Cina per la crescita commerciale, che crea una nuova Via della seta tra Far East ed Europa. Si

    – di Raoul de Forcade

    A Ravenna il colosso cinese CMG. La sede nel palazzo di Gardini

    «Questo sarà il nostro primo centro di ricerca e ingegneria navale fuori dalla Cina. Abbiamo scelto Ravenna e la via Emilia come sede perché è una terra di gente affidabile e di altissime competenze, di prodotti di eccellenza tecnologica come Ferrari e del patrimonio più prezioso, quello fatto di

    – di Ilaria Vesentini