Chiara Bussi è nata nel 1971. Giornalista professionista dal 1999, dopo la laurea e l’Ifg di Bologna ha frequentato il Dess Eurojournalisme a Strasburgo e Bruxelles specializzandosi in tematiche europee.

Proprio nella capitale belga ha iniziato il suo percorso lavorativo nel 2001 per Il Sole 24 Ore Radiocor. Rientrata a Milano si è specializzata in finanza estera e politica economica e monetaria, seguendo la Bce, l’Ocse e il Fondo monetario internazionale. Dal 2006 al marzo 2019 ha lavorato al Sole 24 Ore del Lunedì, dove si è occupata di Pmi, Unione europea e opportunità per i liberi professionisti nelle pagine dedicate. Attualmente lavora alla redazione Rapporti e segue da vicino il mondo delle imprese, con uno sguardo attento a quello che succede al di là dei confini nazionali.

Parla inglese, francese e tedesco. E’ appassionata di tematiche europee e dintorni, cinema e teatro. Adora leggere, dai classici agli scrittori emergenti.

Lingue parlate: Inglese, francese, tedesco

Argomenti: liberi professionisti, tematiche europee, Brexit

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 19 ottobre 2022
    La metabank riporta al centro il retail Margini potenziali per 8 miliardi

    Economia

    La metabank riporta al centro il retail Margini potenziali per 8 miliardi

    La banca del futuro? Sarà metabank: una banca che punta su dati e competenze, è capace di dominare le tecnologie di frontiera e coglierne le potenzialità per crescere. Con gli occhi puntati anche sul metaverso e le sue possibili evoluzioni future. Ne è convinta Accenture che ne ha tratteggiato

  • 26 settembre 2022
    Più competenze green nei board

    Sostenibilita

    Più competenze green nei board

    Secondo un report di Deloitte sulla disclosure climatica le società quotate sono consapevoli dei rischi legati al clima e hanno fatto progressi nella reportistica, ma solo il 18% ha almeno un componente del Cda con una formazione su queste tematiche: serve un’iniezione di nuove capacità tra i consiglieri

  • 26 luglio 2022
    Le imprese in marcia verso la neutralità climatica

    Le imprese in marcia verso la neutralità climatica

    Il 16% delle società mondiali ha obiettivi strategici in linea con gli Accordi di Parigi; le migliori hanno fissato target stringenti nel piano industriale o nello statuto

    Poste Italiane anticipa la neutralità al 2030

    Poste Italiane anticipa la neutralità al 2030

    Il Piano strategico quadriennale fissa l'obiettivo ambizioso di anticipare di 20 anni i target europei al 2050. Focus su flotta green, edifici intelligenti e fotovoltaico

  • 14 luglio 2022
    «Ora strategie di lungo periodo e prolungamento dei sostegni»

    Economia

    «Ora strategie di lungo periodo e prolungamento dei sostegni»

    Questa la ricetta dei vertici del sistema finanziario, tra cui Claudia Parzani, presidente di Borsa, e il numero uno di Adr De Vincenti, per gestire il contesto