Persone

Cesare Geronzi

Cesare Geronzi è nato il 15 febbraio del 1935 a Marino (RM) ed è un manager italiano.

Ha svolto il suo percorso professionale principalmente nelle banche e nelle istituzioni finanziarie italiane, intraprendendo la sua carriera in Banca d'Italia dove entra nel 1961, quale collaboratore dell'ex governatore Guido Carli.

Nel 1980 è vicedirettore generale del Banco di Napoli, per giungere due anni dopo alla direzione generale della Cassa di Risparmio di Roma.

Nella finanza romana Cesare Geronzi riesce ad aggregare banche e partecipazioni azionarie dando vita nel 1992 al Banco di Roma, che divenne Capitalia nel 2002.

Nel 2007 fu uno dei protagonisti dell'incorporazione di Capitalia in Unicredit, dando vita ad un gruppo finanziario multinazionale.

Sempre nel 2007 Cesare Geronzi lascia Unicredit per approdare in Mediobanca, dove viene nominato all'unanimità presidente del consiglio di sorveglianza.

Nel 2010 Mediobanca lo designa presidente delle Assicurazioni Generali, dove rimane in carica fino al 6 aprile del 2011, quando decide di rassegnare le dimissioni.

Attualmente ricopre i seguenti incarichi:

— Presidente della Fondazione Assicurazioni Generali S.p.A.,

— Consigliere di Amministrazione della CASPIE (Cassa Autonoma di Assistenza Sanitaria tra il personale dell'Istituto di Emissione);

— Membro del Consiglio Direttivo della Fondazione di Diritto Vaticano dell'Ospedale Bambino Gesù.

Cesare Geronzi è sposato con Giuliana Iozzi ed è padre di due figlie, Benedetta e Chiara.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Management | Cesare Geronzi | Mediobanca | Guido Carli | Fondazione Assicurazioni Generali S.p.A. | Roma | Banca d'Italia | Generali | Giuliana Iozzi | Banco di Napoli | Unicredit | Unicredit |

Ultime notizie su Cesare Geronzi

    Mediobanca, i «20 anni» di Bolloré nel salotto della finanza

    Otto anni dopo, tuttavia, nel 2010 l’anziano banchiere parigino, che griderà al tradimento, sarà sostituito da Cesare Geronzi, mentre a Bolloré va la vice-presidenza del Leone, gruppo di cui detiene tuttora lo 0,13% del capitale.

    – di Giuliana Licini

    L'addio a Ligresti, il re dei «patti»

    Chi lo conosceva bene, come Ignazio La Russa, dice che Salvatore Ligresti - scomparso due giorni fa a 86 anni - ha iniziato a morire quando ha perso le aziende. Ed è certamente vero perchè, per tutti quelli che lo hanno conosciuto da vicino, per l'Ingegnere siciliano le aziende controllate non

    – di Alessandro Graziani

    Bancarotta, pene accessorie alla Consulta

    Non convincono la Cassazione le sanzioni per la bancarotta. Tanto da rinviare la questione alla Corte costituzionale. Il dubbio sollevato ieri con la sentenza n. 52613 della Quinta sezione riguarda la durata delle misure accessorie, i 10 anni cioè previsti di inabilitazione all'esercizio di una

    – di Giovanni Negri

    Geronzi, i legali chiedono sospensione pena

    I legali di Cesare Geronzi, condannato in Cassazione a 4 anni per il crack Cirio, hanno chiesto «la sospensione dell'esecuzione della sentenza in attesa che un giudice applichi l'indulto di 3 anni»; «poi - ha detto Ennio Amodio - chiederemo l'affidamento in prova ai servizi sociali».

    Crack Cirio, nuovo processo a Cragnotti

    Il crack finanziario da 1,2 miliardi di euro del gruppo Cirio - in relazione alla cessione di Eurolat alla Parmalat di Callisto Tanzi - costa una condanna definitiva a quattro anni per l'ex banchiere Cesare Geronzi e un nuovo processo per l'ex patron Sergio Cragnotti.

    – Ivan Cimmarusti

    Crac Cirio, quattro anni a Geronzi. Nuovo processo per Cragnotti

    Nuovo processo per l'ex patron della Cirio Sergio Cragnotti: la Cassazione ha infatti annullato con rinvio la condanna per il crac della società in relazione al capo d'accusa più grave (la vicenda "Bombril") per il quale aveva avuto una pena di sette anni di reclusione, diventati otto anni e otto

    Cirio, il Pg della Cassazione chiede lo sconto delle pene

    Fu la madre, in Italia, del risparmio tradito. Colpì 30mila risparmiatori, che videro andare in fumo oltre un miliardo di euro. Oggi il crack Cirio, a distanza di 15 anni da quel novembre 2002 in cui scoppiò, torna sotto i riflettori: il sostituto procuratore generale della Cassazione, Nando

    Il «taglio uralico» di Maranghi

    Dalla metà degli anni 70, Enrico Cuccia, citando un vecchio cartello dei tram romani che invitava a «prepararsi in tempo a scendere», aveva predisposto con cura le linee di successione interna per il momento in cui egli avesse dovuto lasciare la guida di Mediobanca. Avvicinandosi ai 70 anni (era

    – di Giorgio La Malfa

    «Io, mio padre, i suoi amici e nemici»

    A 10 anni dalla morte di Vincenzo Maranghi, successore di Enrico Cuccia in Mediobanca, il figlio Piero racconta suo padre, quella Mediobanca e che cosa è diventata l'Italia.

    – di Paolo Bricco e Edoardo De Biasi

    Da Mediobanca a Telecom ai media: così il «sistema-Bolloré» allarga la rete in Italia

    Posizioni rilevanti costruite in maniera quasi scientifica nei settori chiave del Paese e una fitta rete di relazioni con manager chiave, italiani e francesi, che spesso garantiscono una influenza notevole sul fronte delle scelte strategiche . E' il «sistema» che ruota attorno a Vincent Bolloré e

    – di Laura Galvagni e Marigia Mangano

1-10 di 644 risultati