Ultime notizie:

Cesare Cases

    Lo scandaloso Céline delle «Bagatelle»

    «Bagatelle per un massacro» è uno dei più violenti pamphlet antisemiti del '900, lo scrisse Céline nel 1937. E' in libreria «Il dossier "Bagatelle"», una raccolta dei commenti e delle reazioni del 1938 (quando l'opera uscì in Francia) e del 1981, anno in cui fu pubblicata la traduzione integrale,

    Andrea Camilleri mitico indovino: «Tiresia sono....»

    Sotto un cielo che è luminoso anche di notte, e tra le pietre bianche del Teatro greco di Siracusa, zampillano le note del brano The Cinema Show dell'album Selling England by the Pound del gruppo musicale Genesis. E intanto scivolano pianamente, nella càvea, le parole lavorate dalla musica.

    – di Salvatore Silvano Nigro

    Levi, Antelme e il Lager

    Non passa giorno, si puo' dire, in cui non si celebri in qualche modo, con pubblicazioni, convegni o discussioni, la memoria di Primo Levi. Quando Gianfranco Folena, poco dopo la sua tragica morte, penso' di commemorarlo al Circolo filologico padovano, e chiamo' all'uopo il sottoscritto e Pier

    – Cesare Cases

    Grass, il Nobel meritato di un grande perdente

    Pubblichiamo l'articolo uscito sul Domenicale del Sole 24 Ore il 3 ottobre 1999, anno in cui lo scrittore tedesco Guenter Grass vinse il premio Nobel per la letteraturaNessuno, penso, vorrebbe essere nei panni di quegli austeri signori che annualmente si riuniscono a Stoccolma per conferire il

    – Cesare Cases

    Addio a Günter Grass, il Nobel impegnato nella Germania del 900

    Lo scrittore tedesco Guenter Grass, premio Nobel per la letteratura nel 1999, è morto oggi a Lubecca all'età di 87 anni, annuncia la casa editrice Steidl Verlag sul sito internet. Autore di Die Blechtrommel del 1959 (dal 1962 in Italia col titolo «Il tamburo di latta») romanzo divenuto presto un

    – Cesare Cases

    Lo scrittore molteplice

    Nel primo Meridiano dedicato all'autore triestino spiccano gli apparati, ma il lato del fine germanista è un po' sacrificato - «Il mito absburgico» e «Lontano da dove» hanno spostato l'asse degli studi del settore. Il volume si configura come un valido «diario di bordo»

    – Luigi Reitani

    Primo Levi su «un oceano dipinto»

    Primo Levi ha parlato molto di sé, nei quarant'anni compresi fra la pubblicazione di Se questo è un uomo e l'abbreviata fine della sua vita. Tuttavia, c'è una

    – di Sergio Luzzatto