Aziende

Cementir

Cementir Holding è una multinazionale italiana che produce e distribuisce cemento grigio e bianco, calcestruzzo, inerti e manufatti in cemento. L'azienda fa parte del gruppo Caltagirone ed è quotata alla Borsa Italiana dal 1955, attualmente nel segmento STAR.
Attraverso le sue società operative Aalborg Portland, Cimentas e Cementir Italia, Cementir Holding è presente in 16 paesi e 5 continenti; nel 2015 ha venduto 9,4 milioni di tonnellate di cemento, 3,7 milioni di m3 di calcestruzzo e 3,8 milioni di tonnellate di inerti.
Cementir Holding è il più grande produttore ed esportatore di cemento bianco al mondo, con siti produttivi in Danimarca, Egitto, Cina, Malesia e Stati Uniti. La capacità produttiva degli stabilimenti di cemento bianco del Gruppo è di 3,3 milioni di tonnellate, e il cemento prodotto viene esportato in oltre 60 paesi nel mondo.
Cementir Holding, attraverso la sua controllata Sinai White Portland Cement, vanta il più grande impianto di produzione di cemento bianco al mondo a El-Arish, in Egitto.
A livello industriale, il gruppo Cementir è l'unico produttore di cemento in Danimarca, il quarto in Italia e tra i primi in Turchia, oltre ad essere leader nella produzione di calcestruzzo in Scandinavia.
Dal 2009 Cementir Holding è inoltre presente nel settore delle energie rinnovabili e del trattamento e gestione dei rifiuti industriali e urbani in Turchia e Inghilterra attraverso la società controllata Recydia.
Nel 2015 Cementir Holding ha conseguito ricavi consolidati pari 969,0 milioni di euro, MOL pari a 194,0 milioni di euro e un utile netto di Gruppo pari a 67,5 milioni di euro.

Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Fusioni e Acquisizioni | Asia | Europa del Nord | Cemento bianco | Cementir Holding | Borsa Italiana | Elazig Cimento | Italia | Danimarca | Borsa di Milano | Egitto | A/S | Aalborg Portland | Turchia | Kudsk & Dahl | Recydia | Caltagirone Spa | Cimentas | Portland | Cimentas As |

Ultime notizie su Cementir

    Stipendi, solo quattro donne tra i 100 manager più pagati in Italia

    Nel 2018 i primi dieci uomini hanno guadagnato 126 milioni rispetto ai 27, 5 milioni delle prime dieci donne. Nella top ten degli stipendi tra le aziende quotate la prima è Miuccia Prada con 12,4 milioni lordi secondo le elaborazioni del Sole 24 Ore

    – di Gianni Dragoni

    Borse europee segnano il passo. Fa meglio Milano (+0,37%) con sprint Buzzi

    Il gruppo del cemento ha accelerato dopo che una partecipata ha ceduto asset per 665 milioni di dollari. Sotto i riflettori Fca dopo che i vertici hanno confermato ai dipendenti l'imminente firma di un memorandum of understanding per la fusione con Psa. In generale listini del Vecchio Continente sono sostanzialmente rimasti fermi sulla parità, in attesa di sviluppi sul fronte commerciale. Spread chiude in leggero rialzo a 165 punti

    – di Paolo Paronetto e Stefania Arcudi

    Italia-Turchia: sulle relazioni economiche pesa più il rischio cambio che la crisi siriana

    Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha annunciato che, oltre alla sospensione delle esportazioni future di armi alla Turchia (che avverrà per decreto), l'Italia avvierà anche «un'istruttoria dei contratti in essere» con Ankara. Ma, come nel passato, le imprese avranno probabilmente più lungimiranza della politica e sapranno valutare i rischi reali del business con la Turchia

    – di Gerardo Pelosi

    Olanda, a rischio i vantaggi fiscali per le multinazionali. Da Fca a Google e Ikea, tremano i colossi

    Il piano silenzioso di rivoluzione-fiscale allo studio prevede la riscossione, ad oggi esentata, dell'imposta sugli interessi e le royalties indirizzati dalle grandi società verso Paesi a bassa tassazione. E' inoltre in fase di definizione il ritiro definitivo delle detrazioni sulle perdite connesse ad eventuali liquidazioni di società controllate o sussidiarie, che hanno consentito per anni a holding e multinazionali di non pagare alcuna imposta sui profitti

    – di Cesare Romano

1-10 di 164 risultati