Aziende

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Spa è un ente pubblico finanziario controllato al 70% dal Ministero dell'Economia e delle Finanze e al 30% da diverse fondazioni, soprattutto bancarie. L'attività della società si articola in: gestione separata e gestione ordinaria. La sua attività è sottoposta al controllo di una Commissione parlamentare di vigilanza. Cassa depositi e prestiti Spa ha lo scopo di finanziare lo sviluppo del Paese, impiegando risorse per investimenti pubblici, opere infrastrutturali dei servizi pubblici e grandi opere nazionali. La sua fonte principale di raccolta è il Risparmio postale: è l'emittente dei Buoni fruttiferi postali e dei Libretti di risparmio, che godono della garanzia diretta dello Stato italiano. Il portafoglio azionario di Cassa depositi e prestiti Spa è composto da società quotate, non quotate e da quote di fondi di private equity. Cdp Spa è proprietaria, tra l’altro, del 10% di Eni, del 17,36% di Enel, del 35% di Poste, del 29,95% di Terna e del 13,77% di STMicroelectronics (attraverso la proprietà del 50% della holding company).

L'istituto è nato a Torino nel 1850. Dopo aver incorporato le altre Casse del Regno, nel 1898 è stata trasformata in Direzione generale del Ministero del Tesoro. Nel 1983 ha preso il via il processo di separazione della Cassa depositi e prestiti dallo Stato, che si è concluso nel 2003 quando è diventata Società per azioni. Dal 2009 Cdp Spa può finanziare interventi d’interesse pubblico, anche con il concorso di soggetti privati.

Ultimo aggiornamento 01 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Depositi bancari | Cassa depositi e prestiti Spa | Cdp Spa | Eni | Ministero dell'economia e delle finanze | Enel | Ministero del Tesoro | Società per Azioni | Direzione Generale |

Ultime notizie su Cassa depositi e prestiti

    Condotte, arrivano 21 manifestazioni di interesse

    Arrivano le manifestazioni d'interesse per il gruppo Condotte e il gruppo di potenziali acquirenti comprende tutti i maggiori player del settore, oltre a qualche sorpresa. Ora la procedura prevede alcuni passaggi intermedi: scaduto lo scorso 15 luglio l'invito a manifestare interesse, adesso

    – di Carlo Festa

    Salini: la nuova offerta per entrare in Astaldi con 600 milioni di aumento

    Nel giorno del termine di presentazione al Tribunale di Roma del piano per il salvataggio di Astaldi, arrivano le attese «comfort letter» delle banche, cioè gli impegni ufficiali a partecipare finanziariamente al risanamento del gruppo romano e, più in generale, al collegato piano di sistema nel

    – di Carlo Festa

    Panda bond, la Cina ha fame. Pronta la prima emissione

    Una dichiarazione congiunta siglata dai ministri delle Finanze di Italia e Cina, Giovanni Tria e Liu Kun, sigilla la nuova fase aperta dal Primo dialogo finanziario Italia-Cina che, non a caso, si è svolto a Palazzo Marino, simbolo di Milano, centro della finanza.

    – di Rita Fatiguso

    Alitalia (e privatizzazioni), il vento non cambia

    Doveva essere la stagione delle privatizzazioni e della "riscossa" dell'Alitalia. Per le privatizzazioni (ma meglio sarebbe dire dismissioni di partecipazioni di aziende pubbliche ora in capo al ministero dell'Economia (Mef) e da girare contabilmente alla Cassa depositi e prestiti, fuori dal

    – di Guido Gentili

    Ilva, il contratto che smentisce Di Maio e dà ragione ad ArcelorMittal

    Una specificazione molto precisa. Dettagliata. Arcelor Mittal può recedere dal contratto di affitto - preliminare alla vendita - in tutta una serie di ipotesi. Già il contratto d'affitto con obbligo di acquisto di rami d'azienda, siglato il 28 giugno 2017, era abbastanza nitido. Ma l'accordo di

    – di Paolo Bricco

    Progetto Italia verso la proroga ma c'è l'impegno delle banche

    Si torna al lavoro su Progetto Italia, il piano di rilancio delle costruzioni voluto da Salini Impregilo in asse con Cdp. I tempi sono stretti e al momento c'è la quasi certezza che il progetto non potrà passare al vaglio dei consigli di amministrazione delle banche creditrici entro la scadenza

    – di Laura Galvagni

    Putin a Roma per discutere di disarmo con Papa Francesco

    ROMA - «La Russia merita di essere rispettata». E' stato monsignor Celestino Migliore, nunzio apostolico a Mosca, a pronunciare durante un'intervista all'agenzia Agi le parole che Vladimir Putin apprezza più di tutte. Rispetto e disponibilità a un dialogo «senza preclusioni».Sarà poi Papa Francesco,

    – di Antonella Scott

1-10 di 3466 risultati