Aziende

Carrefour

Carrefour Spa è uno dei gruppi di distribuzione più importanti del mondo. Tra le prime nella classifica europea, settima nel mondo, la società francese con casa madre a Levallois-Perret (in provincia di Île-de-France) gestisce 12000 punti vendita tra proprietà e franchising. Quotato alla Borsa di Parigi, Carrefour Spa è presente in 30 Paesi principalmente distribuiti nell'Unione Europea, in Brasile e in Argentina, oltre che in Nord Africa, in Cina e Asia. Realizza il 53% del suo fatturato fuori dalla Francia.

Fondato nel 1959 ad Annecy in Francia da Marcel Fournier e Louis Defforey, Carrefour Spa è stato pioniere sul mercato del Brasile, dove ha aperto i primi punti vendita nel 1975 e in Cina, dove è presente dal 1995. Nel 1999 si fonda con Promodès, uno dei più grandi competitor nel mercato francese e stipula un'alleanza con il marchio Gs, di cui, nel 2000, assume poi il controllo. La rete Carrefour in Italia comprende 1.071 punti vendita, di cui 478 diretti. È strutturata nelle società operative Ssc (57 ipermercati), Gs (oltre 402 supermercati a insegna Market) e Diperdì (583 Express). Oltre a 12 negozi all'ingrosso (Docks Market e Gross Iper).

Ultimo aggiornamento 31 agosto 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Esercizi commerciali | Carrefour | Punto vendita | Asia | Marcel Fournier | Louis Defforey | Borsa di Parigi | Francia | Brasile | Italia |

Ultime notizie su Carrefour

    Il lato nascosto di Bernard Arnault: una «bad company» in Belgio e conti in rosso

    Alla periferia di Bruxelles c'è la sede della Courtinvest, una società controllata dal patron del gruppo Lvmh che registra perdite da capogiro e un patrimonio netto negativo per oltre 1,4 miliardi di euro. E' l'eredità di un'operazione che ha portato Arnault a diventare il secondo azionista di Carrefour

    – di Angelo Mincuzzi

    Il lato nascosto di Bernard Arnault: una «bad company» in Belgio e conti in rosso

    Alla periferia di Bruxelles c'è la sede della Courtinvest, una società controllata dal patron del gruppo Lvmh che registra perdite da capogiro e un patrimonio netto negativo per oltre 1,4 miliardi di euro. E' l'eredità di un'operazione che ha portato Arnault a diventare il secondo azionista di Carrefour.

    – di Angelo Mincuzzi

    Inter-Juventus, il derby d'Italia ora vale un miliardo

    Domenica 6 ottobre alle 20.45 l'Inter di Suning affronta a San Siro la Juventus per consolidare il primato in classifica. I due club al 30 giugno 2019 hanno raggiunto i rispettivi record di ricavi (621 per i Campioni d'Italia 415 per i nerazzurri)

    – di Marco Bellinazzo

    Sushi Daily, laboratorio in Brianza: ogni notte 3 milioni di pezzi

    La catena, nata nel 2010 in Francia dall'imprenditrice Kelly Choi, che fornisce sushi fresco ai supermercati sceglie Concorezzo per aprire la sua sede in Italia. Qui vengono confezionati da mezzanotte alle sei 3 milioni di pezzi di sushi tra nigiri, rolls, uramaki e hosomaki

    – di Maria Teresa Manuelli

    Beauty, farmacie alla svolta tra nuovi competitor esteri e shopping experience

    Qualche giorno fa è stata inaugurata la settima farmacia Boots: una sfida, quella dell'ingresso in Italia di grandi società di capitali estere, come la catena della multinazionale americana, che mette a dura prova il canale della farmacia stretto fra l'incremento di una concorrenza agguerrita e il cambiamento delle abitudini di consumo dei clienti che cercano sempre più servizi e specializzazione

    – di Marika Gervasio

    Innovazione, l'Italia non è un Paese per giovani e donne

    Tempo fa su Econopoly avevamo scritto circa l'opportunità di prevedere un 'Ministro dell' Innovazione', come avviene spesso nei paesi anglosassoni [1]. Chissà, forse quel pezzo è stato letto ed apprezzato dalla squadra del Primo Ministro. Fatto sta che la nuova compagine governativa prevede questa figura, individuata in Paola Pisano, ministra per l'Innovazione. Una figura tecnica, professoressa di Disruptive Innovation, che ha lavorato come assessore al digitale per il comune di Torino. Chissà,...

    – Stefano Denicolai

    Lionrock gioca le carte stadio e Cina per l'Inter FC

    «Il calcio, più in generale tutto lo sport, è una passione. Noi vogliamo trasformare quella passione in business; far sì che i tifosi dell'Inter spendano per la loro passione», promette Tom Pitts, uno dei fondatori

    – di Simone Filippetti

    Dal Lambrusco ai piatti vegetariani, il made in Italy che piace agli inglesi

    Cosa cercano i food lover inglesi in Italia? Dopo il boom del Prosecco, sono a caccia di nuovi vini: per esempio, il Labrusco e il Primitivo. Ma ai produttori italiani che esportano in Gran Bretagna chiedono un occhio di riguardo in più per il packaging sostenibile e maggiore scelta di piatti

    – di Micaela Cappellini

1-10 di 575 risultati