Le nostre Firme

Carlo Ossola

Carlo Maria Ossola è un filologo e critico letterario. Già docente nelle Università di Ginevra, Padova e Torino, dal 2000 insegna “Littératures modernes de l'Europe néolatine” al Collége de France.

Ultimo aggiornamento 10 ottobre 2018

Ultimi articoli di Carlo Ossola

    Pagine veramente bestiali

    Lapidari, erbari, bestiari distribuirono, intorno all'uomo, nel primo millennio cristiano, la "contiguità universale" delle specie create, affinché da esse potesse trarre ammonimenti e lezioni per ben condurre la sua vita di creatura tra le creature e rendere più armonico omaggio al Creatore. Non

    – di Carlo Ossola

    Quel che resta del tuono

    Al ricordo che tracciai, su questo «Domenicale», il 30 dicembre 2013 (Fernando Bandini era scomparso il giorno di Natale), vorrei aggiungere questo suo garbato autoritratto, che lo dipinge affabile e ironico, com'egli era, teneramente fedele alla propria Vicenza: «Non giro per salotti, / ho amici

    – di Carlo Ossola

    La poesia, un atto di verità

    Una vastissima geografia di nomi, in un arco che va dalla fine della seconda Guerra mondiale agli anni Settanta; più di novecento lettere di Bonnefoy,quarantanove corrispondenti: imprese letterarie e scelte di vita, la verità dell'autentico. Raramente un epistolario entra così nel vivo di un

    – di Carlo Ossola

    «La Comédie»: Dante al ritmo del XXI secolo

    Dante è, sempre più, un autore del XXI secolo, e classico che ogni editore francese ha in catalogo; la lista delle versioni della Divina Commedia è impressionante: oltre alle classiche traduzioni di Jacqueline Risset (Flammarion), di André Pézard (nella Pléiade), di Marc Scialom (La Pochothèque),

    – di Carlo Ossola

    All'Università serve una voce europea

    Ho letto il dibattito, ricco e appassionato, che è seguito all'articolo di Dario Braga pubblicato sul Sole 24 Ore del 20 luglio. Poiché si tratta di recensire dati di fatto su ampia scala (l'università è, per definizione, universale), fornirò qualche ulteriore elemento di conoscenza.

    – di Carlo Ossola

    Da Haarlem a Hull: l'Europa ci guarda

    Uno è quello di Descartes ora a Copenhagen: intelligenza, mistero, disincanto; l'altro è quello della giovane donna, ora alla Ferens Art Gallery a Hull (Uk): dolcezza, retenue, malinconia. (Chissà cosa penserebbe oggi l'illuminato e generoso Thomas Robinson Ferens, 1847-1930, fondatore della

    – di Carlo Ossola

    La necessità del lutto per i morti delle Ramblas

    L'attentato del 17 agosto a Barcellona, alle Ramblas, per la provenienza cosmopolita delle vittime e dei feriti, ha suscitato, e suscita, molti commenti, quasi tutti orientati a ripetere, insieme alla esecrazione per l'attentato, la difesa dei valori dell'Occidente, principale dei quali sarebbe una

    – di Carlo Ossola

    Utopie di carta e alberi che ci umanizzano

    Sedici luoghi sono un arbitrio, ma lo sarebbero anche 160 o 1600; perché l'Europa - come scrive Yves Bonnefoy - è un infinito calcolo di perfezione e di notte: «À ma demeure à Urbin entre le nombre et la nuit» (Dévotion). E quand'anche avessimo percorso tutti i luoghi dichiarati "patrimonio

    – di Carlo Ossola

    Roma rinasce nel sogno di sè e nel futuro

    Da quando vi è tradizione latina, Roma è la storia delle proprie rovine, della propria rovina: camminiamo sopra i fastigi dell'antica Roma, scriveva il Petrarca, i tetti dei suoi templi sono il nostro selciato. Ed Erasmo, nel Ciceroniano: «Postremo Roma, Roma non est, nihil habens praeter ruinas,

    – di Carlo Ossola

1-10 di 71 risultati