Le nostre Firme

Carlo Melzi d’Eril

 @carlomelzi |  LinkedIn |

Carlo Melzi d’Eril è avvocato cassazionista del foro di Milano. Nato nel 1972, si è laureato in giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Pavia e ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Procedura penale presso l’Università degli Studi di Ferrara. Nel 2010 fonda, insieme ad altri colleghi, lo studio legale ACCMS presso il quale esercita la professione di avvocato occupandosi di diritto penale, con particolare riferimento al diritto penale dei “colletti bianchi”, dell’economia, dell’impresa e dell’ambiente e di diritto dell’informazione. Accanto alla professione forense svolge attività di insegnamento e di ricerca. È tra i docenti delle Scuole superiore di specializzazione nelle professioni forensi dell’Università di Pavia-Bocconi e dell’Università Luiss, nonché dell’Istituto per la Formazione al Giornalismo di Urbino; insegna altresì in master organizzati dall’Università Statale e dall’Università Cattolica di Milano. Ha partecipato come relatore a incontri e convegni organizzati da diversi atenei, Ordini professionali forensi nonché dalla Scuola Superiore di Magistratura. Ha pubblicato più di novanta contributi fra capitoli di libri e articoli in riviste giuridiche in materia di diritto e procedura penale, diritto penale dell’ambiente, libertà di espressione e diritto dei media. È fondatore e co-direttore della rivista “MediaLaws - Rivista di diritto dei media”, fa parte del comitato scientifico della rivista “Lexambiente” e del comitato di redazione di “Rivista giuridica dell'ambiente”. Collabora dal 2004 con “Il Sole 24 Ore” e dal 2013 con il supplemento “Domenica”.

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: inglese
  • Argomenti: diritto e procedura penale, diritto dell’informazione

Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2018

Ultimi articoli di Carlo Melzi d’Eril

    Con il voto su Rousseau uno sgorbio costituzionale e due sgarbi alle istituzioni

    La scelta del Movimento 5 Stelle di dare l'ultima parola alla base rappresenta uno sgorbio costituzionale perché introduce una variabile ignota al procedimento di risoluzione delle crisi. In più, appare come uno sgarbo a Mattarella e agli stessi parlamentari pentastellati

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    Salvini, la crociata contro i magistrati e una democrazia non ancora matura

    I giornali riportano una "offensiva" del Viminale nei confronti di tre magistrati che si sono recentemente occupati di casi in materia di pubblica sicurezza e immigrazione. La circostanza ha fatto molto rumore, pur non essendo chiaro se tali affermazioni - di cui non si conosce il testo preciso -

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    Radio radicale, perché chiuderla è un brutto segnale

    In tanti, a buon diritto, protestano per il rischio che Radio Radicale spenga i microfoni. Dalla sua fondazione a metà degli anni '70, l'emittente costituisce forse il più prezioso servizio pubblico radiofonico italiano. Le trasmissioni integrali di lavori parlamentari, di congressi politici,

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    «Caso Salvini», selfie e striscioni: perché è sbagliato reprimere il dissenso

    In campagna elettorale c'è il rischio di diventare tutti un po' più nervosi.Negli ultimi giorni i media hanno riportato tre episodi in cui la (soi-disant) necessità di tutelare l'ordine pubblico ha compresso la libertà di espressione. Una ragazza ha chiesto un selfie al ministro degli Interni e nel

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    Legittima difesa, la lettera di Mattarella segna una svolta

    Legiferare stanca. Una legge (ben fatta), soprattutto in una materia delicata quale il diritto penale, deve bilanciare esigenze diverse e inserirsi il più possibile armonicamente in un sistema complesso, dotato, essendo di buoni natali, di una propria logica e di una interna coerenza, almeno fino a

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

1-10 di 62 risultati