Persone

Carlo Azeglio Ciampi

Carlo Azeglio Ciampi, nato a Livorno il 9 dicembre 1920 e deceduto a Roma il 16 settembre 2016, è stato un banchiere centrale, uomo politico, ex presidente della Repubblica e senatore a vita.

Ha conseguito una laurea in Lettere alla Scuola Normale di Pisa e in Giurisprudenza. La sua lunga carriera in Banca d'Italia inizia nel 1946, dove ha ricoperto diversi ruoli fino a ricoprire la carica di governatore dall'ottobre 1979 fino al 28 aprile 1993. Dall'aprile 1993 al maggio 1994 è stato Presidente del Consiglio, presiedendo un governo chiamato a svolgere un compito di transizione. Durante la XIII legislatura è stato Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica, nel governo Prodi (dall'aprile 1996 all'ottobre 1998) e nel governo D'Alema (dall'ottobre 1998 al maggio 1999). Dal 1993 Governatore onorario della Banca d'Italia e dal 1996 membro del consiglio di amministrazione dell'Istituto dell'Enciclopedia Italiana.

Ha ricoperto numerosi incarichi di rilevanza internazionale, tra cui quelli di: presidente del Comitato dei governatori della Comunità europea e del Fondo europeo di cooperazione monetaria (nel 1982 e nel 1987); vice presidente della Banca dei regolamenti internazionali (dal 1994 al 1996); presidente del Gruppo Consultivo per la competitività in seno alla Commissione europea (dal 1995 al 1996); Presidente del comitato interinale del Fondo Monetario Internazionale (dall'ottobre 1998 al maggio 1999).

Il 13 maggio del 1999 è stato eletto, in prima votazione con un'ampia maggioranza, decimo presidente della Repubblica. A maggio del 2006, al termine del suo mandato, ha assunto la carica di Senatore di diritto a vita.

Era sposato con Franca Pilla, chiamata anche "donna Franca". Durante il mandato presidenziale del marito la first lady attirò più volte l'attenzione dei media per i suoi discorsi fuori protocollo come quello sulla "tv deficiente".

Ultimo aggiornamento 16 settembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Presidenza della Repubblica | Carlo Azeglio Ciampi | Presidente della Repubblica | Banca d'Italia | Bri | Fondo europeo di cooperazione monetaria | Comunità Europea | Gruppo Consultivo | Fmi | Franca Pilla | Presidente del Consiglio |

Ultime notizie su Carlo Azeglio Ciampi

    Il 20 marzo la Giornata del design italiano nel mondo

    Di seguito la nota della Regione Lombardia sulla presentazione a Milano della Giornata del design italiano nel mondo. Milano, 18 marzo 2019 - "Il titolo che avete dato a questa giornata "Il design e la città del futuro. Qualità della vita e nuove frontiere dell'abitare" è particolarmente interessante, perché siamo di fronte alla necessità di un cambio di paradigma per dare una risposta adeguata alle domande dell'oggi, che riguardano i grandi temi della sostenibilità, del consumo responsabile,  ...

    – Vincenzo Chierchia

    La lezione di Carige: il credito non si concede con leggerezza

    Un Consiglio dei ministri-lampo (10 minuti) ha sancito il sostegno dello Stato a Carige, la Cassa di risparmio di Genova e Imperia, a corto di patrimonio dopo il mancato aumento di capitale del 22 dicembre scorso (l'azionista di maggioranza, la famiglia Malacalza si astenne), e in amministrazione controllata (decisione della Bce di settimana scorsa). Ancora una volta è emersa l'estrema difficoltà dell'Italia al rispetto delle regole europee, che da alcuni anni prevedono il bail-in, ossia il coin...

    – Beniamino Piccone

    Il Sud rinascerà con uno sviluppo sinergico

    La Scuola Superiore a Napoli si farà probabilmente, ma certo non si chiamerà "Normale". Il brand prestigioso rimane esclusivamente pisano e il sindaco Michele Conti esulta. Altrettanto fanno gli studenti e una parte dei docenti della Normale. I motivi sembrano diversi: il sindaco difende la

    – di Andrea Boitani

    Concertazione competitiva

    Dialogo sociale competitivo. Tra le tante declinazioni del rapporto tra parti sociali e governi, ondeggiante tra periodi di pura ritualità e fasi di massima sostanza, ancora mancava una gestione degli incontri affidata a una corsa a vertici tanto plenari quanto ad horas. Il presentismo (copyright

    – di Alberto Orioli

    Spread negativo con la Germania? Ecco come tornare a crescere, in 7 mosse

    La storia ci illumina, amplia gli sguardi. Ci conduce per mano e consente di riflettere sul passato. E sul presente. Proprio domenica scorsa sul Sole 24 Ore il presidente dell'Associazione bancaria italiana (ABI) Antonio Patuelli ha spiegato - Quando lo spread spaventava i tedeschi - come lo spread Btp-Bund non è sempre stato sfavorevole all'Italia. Dal 1957 al 1974 è stato negativo: la Germania pagava sui propri titoli di Stato un tasso di interesse superiore a quello riconosciuto dalla Repubbl...

    – Beniamino Piccone

    Conti in ordine e investimenti, così si riparte

    Qualche giorno fa l'Istat ha pubblicato uno studio dal quale si desume che tra il 1995 e il 2017 in Italia la produttività totale dei fattori ha registrato in media una variazione pari a zero. Questo cupo incantesimo che, al di là degli spunti congiunturali, ancora paralizza il nostro Paese, è un

    – di Rossella Bocciarelli

    E' il tasso di interesse, bellezza!

    Pubblichiamo un post di Sergio Cesaratto, professore ordinario di Politica monetaria e fiscale nell'Unione Monetaria Europea, Università di Siena, e Antonino Iero, staff Direzione Regolamentazione e Studi Economici gruppo Unipol* -  Nel pieno della polemica di queste settimane, il commissario europeo Pierre Moscovici ha affermato: "Una manovra che aumenta il debito pubblico che è già 132%, il cui rimborso annuale ammonta a 65 miliardi l'equivalente del bilancio per l'istruzione, e che pesa 1.00...

    – Econopoly

    L'Europa trent'anni (quasi) dopo la caduta del Muro di Berlino

    Sono quasi passati trent'anni dalla caduta del Muro di Berlino. Il 9 novembre 1989 fu un errore del portavoce del Partito socialista unificato, Guenther Schabowski, ad accelerare il crollo. «Con effetto immediato» disse il funzionario riferendosi ai permessi di viaggio all'estero concessi ai

    – di Paolo Peluffo

    Perché non si riesce ad avviare una vera spending review?

    Da decenni si prova ad affrontare nel nostro paese il nodo della riqualificazione della spesa pubblica. I tentativi finora messi in campo per rendere effettiva e strutturale una vera e incisiva spending review non hanno prodotto i risultati sperati. Il motivo? Tagliare la spesa costa in termini di

1-10 di 823 risultati