Aziende

Buzzi Unicem

Buzzi Unicem è uno dei più importanti gruppi aziendali nel settore del calcestruzzo, attivo sia in Italia sia all'estero.

Buzzi Unicem è quotata alla borsa di Milano e fa parte dei titoli a maggiore capitalizzazione.

Buzzi Unicem nasce nel 1999 dalla fusione tra due importanti aziende attive nel settore del calcestruzzo: Buzzi, fondata dai fratelli Buzzi nel 1907, e Unicem, nata a sua volta da altre fusioni e già quotata in borsa.

Negli anni Buzzi Unicem ha espanso le sue attività in altre parti del mondo, acquisendo società e impianti in America e in altri paesi. La più importante acquisizione degli ultimi anni è certamente quella di Dyckerhoff, azienda tedesca attiva nel settore del cemento, nella quale Buzzi Unicem entra con una partecipazione per poi acquisirne il controllo completo.

Buzzi Unicem diventa così uno dei principali operatori nel suo settore a livello europeo.

Le attività di Buzzi Unicem spaziano su tutto il campo della produzione del calcestruzzo. Si va dalle attività estrattive, con la gestione di numerose cave, alla produzione di cemento, per arrivare infine alla miscela del calcestruzzo.

Buzzi Unicem svolge anche importanti attività di ricerca e sviluppo, che le consentono di mantenere importanti tecnologie nei suoi campi di attività, infatti dà grande importanza anche alla qualità, certificando i propri prodotti ed i propri processi.

Buzzi Unicem si è dimostrata sensibile ai temi ambientali, elemento importantissimo per un'azienda che svolge attività a così forte impatto ambientale, in particolare il gruppo ha intrapreso la sua azione aziendale ispirandosi al principio di sviluppo sostenibile.

Nel 2015 il suo fatturato ammontava a 2 miliardi e 662 milioni di euro.

Presidente di Buzzi Unicem è Enrico Buzzi, mentre rivestono la carica di amministratori delegati Michele e Pietro Buzzi.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Tutela ambientale | Buzzi Unicem | Italia | Borsa Valori | Pietro Buzzi | Enrico Buzzi | Dyckerhoff |

Ultime notizie su Buzzi Unicem

    I mercati snobbano il Pil Usa, Wall Street positiva, Piazza Affari +2,2%. Rimbalza il greggio

    Gli indici del Vecchio Continente hanno chiuso in deciso rialzo, dopo una mattinata volatile. Il Covid-19 ha fermato la crescita Usa: nel I trimestre il Pil è sceso del 4,8%, livello mai visto dal 2008. Gli investitori hanno preferito ignorare i dati negativi, concentrandosi sui segnali positivi, come l'annuncio di Gilead su l farmaco anti-coronavirus. Spread poco mosso, nonostante il taglio a sorpresa di Fitch del rating italiano

    – di Flavia Carletti e Andrea Fontana

    l blitz della Fed non basta ai mercati. Wall Street chiude a -3%

    Powell ruba la scena ai ministri del G7 e a sorpresa annuncia un taglio dei tassi. Le Borse europee riescono a chiudere in territorio positivo, mentre Wall Street non sembra accontentarsi della Fed e perde terreno dopo una fiammata iniziale. A Milano vendite su Bpm dopo il piano, giù anche Tim e Atlantia

    – di Andrea Fontana ed Enrico Miele

    Borse, il virus torna ad agitare. Milano tiene con Tim, spread ai minimi da maggio 2018

    La cautela dell'Oms sulla fine dell'epidemia e i nuovi dati su vittime e contagi portano a una pausa dai rialzi, ma a pesare sono anche le indicazioni della Commisione Ue che vede rischi di peggioramento dello scenario economico per gli effetti del virus. In rosso le principali Borse europee. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a tre anni segna il minimo storico e torna a essere negativo

    – di Andrea Fontana ed Enrico Miele

    Piazza Affari "resiste" al virus e chiude il gap con la crisi del 2008

    I nuovi timori per il virus cinese e per i riflessi sulla congiuntura globale hanno frenato i listini del Vecchio Continente. Ma a Milano la holding della famiglia Agnelli (+4,1%) ha trainato il Ftse Mib dopo la conferma delle trattative per la cessione di Partner Re

    – di Cheo Condina ed Enrico Miele

    Maxi rimbalzo per l'Europa, a Piazza Affari scocca l'ora delle trimestrali

    Seduta di forti rialzi per le Borse del Vecchio Continente. Vola anche Wall Street dove il Dow Jones mette nuovamente nel mirino quota 29mila punti. Le conseguenze dell'epidemia di coronavirus ancora al centro dell'attenzione ma gli investitori contano sulle reazioni dei Governi e delle banche centrali. A Piazza Affari parte la stagione dei bilanci, Ferrari in coda al listino dopo i numeri del 2019, bene Intesa Sanpaolo

    – di Chiara Di Cristofaro e Cheo Condina

1-10 di 462 risultati