Aziende

Bulgari

Bulgari è un'azienda famosa in tutto il mondo per i suoi gioielli. La fondazione dell'azienda risale al 1884, quando Sotirios Voulgaris giunge in Italia dalla Grecia.
Il nome dell'azienda Bulgari è proprio un adattamento del cognome del fondatore, la cui iniziale è richiamata anche dalla V nel marchio BVLGARI. In Grecia Sotirios Voulgaris si occupava di produrre oggetti in argento, attività che trapianta con successo in Italia.
Il primo negozio Bulgari è in via Sistina a Roma, ma già nel 1905 apre quello in via Condotti, ancora oggi punta di diamante dell'azienda. In seguito con il successo internazionale Bulgari apre punti vendita in tutto il mondo. I primi all'estero sono a New York, Ginevra, Parigi e Monte Carlo già negli anni Settanta. Oggi i più famosi sono quello di Rodeo Drive a Bevery Hills e quello sulla quinta strada a New York.
L'azienda acquista uno suo stile particolare e inconfondibile in particolare dopo la seconda guerra mondiale, quando si distanzia dallo stile francese per ritrovare anche accenti tratti dalle antiche tradizioni greche. Negli anni il successo di Bulgari è sempre crescente, tanto che l'azienda decide di espandere l'attività anche ad altri settori. I primi esperimenti di successo al di fuori della gioielleria riguardano gli orologi, già negli anni Settanta: la serie BB ha un grande successo e lancia l'azienda definitivamente anche nel ramo dell'orologeria. In seguito Bulgari amplia ulteriormente la propria attività, arrivando ad abbracciare il settore dei profumi, della cosmesi, degli accessori e degli occhiali, fondando anche una catena di alberghi chiamata Bulgari Hotel&Resorts.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Bulgari | Azienda | New York | BB | Italia | Grecia |

Ultime notizie su Bulgari

    I quattro italiani che hanno fatto l'operazione Lvmh-Tiffany

    Il complesso percorso tra Parigi e New York che ha permesso nel giro di 10 anni di costruire un impero di tale portata ha visto una regia tutta Made in Italy rappresentata da tre manager e un banchiere: Toni Belloni, uomo di fiducia di Arnault, Francesco Trapani, il nipote della famiglia Bulgari, Alessandro Bogliolo, ceo di Tiffany, e Luigi de Vecchi, presidente Emea dell'investment banking di Citi

    – di Marigia Mangano

    Da Tiffany alla «lepre» Moncler, i colossi del lusso si sfidano a colpi di miliardi

    A pochi giorni dalla più grande operazione di sempre nel settore, l'acquisizione di Tiffany da parte del colosso francese Lvmh, gli arcirivali di Kering puntano Moncler (che conferma i contatti). Richemont, terzo incomodo, dopo il delisting di Ynap, non sembra avere prede nel mirino. Mai dire mai però: nell'alta gamma c'è ancora spazio per consolidamento

    – di Giulia Crivelli

    Bulgari amplia la collezione Fiorever

    Il successo della linea ha spinto la maison romana a proporre altre versatili creazioni pensate per donne contemporanee

    – di Chiara Beghelli

    Tracciabilità e controlli in corsa

    Grandi performance per chi propone soluzioni per l'identificazione univoca dei prodottiDall'evoluzione della logistica interna e dall'upgrade dei sistemi di ispezione il carburante per la crescita

    – di Luca Orlando

    Perché l'operazione Tiffany sarà l'ennesimo trofeo di Lvmh

    Per 16,2 miliardi di dollari il gruppo francese ha acquisito un marchio che gli mancava: storico, iconico e versatile, con creazioni entry price amate dai nuovi ricchi asiatici che alimentano il lusso globale. Ma anche dai clienti "maturi" in cerca di consumi esperienziali

    – di Chiara Beghelli

1-10 di 1413 risultati