Aziende

Bulgari

Bulgari è un'azienda famosa in tutto il mondo per i suoi gioielli. La fondazione dell'azienda risale al 1884, quando Sotirios Voulgaris giunge in Italia dalla Grecia.
Il nome dell'azienda Bulgari è proprio un adattamento del cognome del fondatore, la cui iniziale è richiamata anche dalla V nel marchio BVLGARI. In Grecia Sotirios Voulgaris si occupava di produrre oggetti in argento, attività che trapianta con successo in Italia.
Il primo negozio Bulgari è in via Sistina a Roma, ma già nel 1905 apre quello in via Condotti, ancora oggi punta di diamante dell'azienda. In seguito con il successo internazionale Bulgari apre punti vendita in tutto il mondo. I primi all'estero sono a New York, Ginevra, Parigi e Monte Carlo già negli anni Settanta. Oggi i più famosi sono quello di Rodeo Drive a Bevery Hills e quello sulla quinta strada a New York.
L'azienda acquista uno suo stile particolare e inconfondibile in particolare dopo la seconda guerra mondiale, quando si distanzia dallo stile francese per ritrovare anche accenti tratti dalle antiche tradizioni greche. Negli anni il successo di Bulgari è sempre crescente, tanto che l'azienda decide di espandere l'attività anche ad altri settori. I primi esperimenti di successo al di fuori della gioielleria riguardano gli orologi, già negli anni Settanta: la serie BB ha un grande successo e lancia l'azienda definitivamente anche nel ramo dell'orologeria. In seguito Bulgari amplia ulteriormente la propria attività, arrivando ad abbracciare il settore dei profumi, della cosmesi, degli accessori e degli occhiali, fondando anche una catena di alberghi chiamata Bulgari Hotel&Resorts.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Bulgari | Azienda | New York | BB | Italia | Grecia |

Ultime notizie su Bulgari

    La paura dell'altro in una Milano senza luce

    In alba senza giorno Fernardo Coratelli mette in scena gli egoismi e la cecità di una società sempre più dominata dall'autoreferenzialità e dalla paura

    – di Serena Uccello

    Dal Milan al nuovo stadio gli interessi del Gruppo Arnault, di Hines e Prelios

    Nel cinico mondo degli affari le attuali difficoltà del club rossonero, aggravate dal clamoroso rovescio bergamasco, potrebbero essere viste come delle magnifiche opportunità da eventuali compratori. Meno bene va il team di Pioli più facilmente il fondo Elliot potrebbe abbassare le pretese e liberarsi di un "asset" che sta diventando indigesto, soprattutto sotto il profilo mediatico. Certo l'hedge fund americano non è abituato a registrare minusvalenze e non si rassegnerà a un passaggio di ...

    – Marco Bellinazzo

    Ruja, la criptoregina in fuga che voleva uccidere i bitcoin

    A New York si celebra il processo a Ruja Ignatova, la criptoregina bulgara che voleva uccidere i bitcoin e rifondare l'economia e la finanza su una nuova moneta virtuale: onecoin. Per molti investitori che hanno perso tutto è la più grande truffatrice della giovane storia delle criptomonete. In circa 3 anni Ruja e il fratello Konstantin avrebbero convinto oltre tre milioni di persone sparse tra 175 Paesi del mondo a investire 4,5 miliardi di euro. Buona parte sarebbe finita nei paradisi fiscal...

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

1-10 di 1423 risultati