Persone

Bud Spencer

Carlo Pedersoli, meglio noto col nome d'arte Bud Spencer , è nato il 31 ottobre del 1929 a Napoli ed è deceduto a Roma, il 27 giugno 2016, è stato un attore, pallanuotista e campione olimpionico di nuoto italiano.

Il suo volto è notissimo al grande pubblico per aver preso parte, insieme a Terence Hill, a numerosi film di successo negli anni 70 ed 80, che gli sono valsi la vittoria di un David di Donatello alla carriera nel 2010.

Prima di dedicarsi al cinema è stato il primo nuotatore italiano a scendere sotto il minuto nei 100 m stile libero ed ha conseguito diverse volte il titolo di campione italiano di nuoto nello stile libero e nella staffetta.

Figlio di una famiglia benestante, nasce a Napoli nel rione di Santa Lucia per poi trasfersi a Roma dove intraprende gli studi superiori e poi in Sud America, dove la famiglia si trasferisce per motivi di lavoro.

Tornato in italia negli anni quaranta, si afferma nei campionati italiani di stile libero e staffetta e viene notato negli ambienti cinematografici grazie al suo fisco massiccio ed imponente, era alto 1,93 cm ed aveva un peso di 105 kg da giovane, per arrivare a circa 150 Kg negli anni 2000.

Esordisce nella grande produzione hollywoodiana "Quo vadis?" dove interpreta una guardia romana per poi prendere parte al film di Mario Monicelli "Un eroe dei nostri tempi" che lo vede contrapposto ad un giovane Alberto Sordi.

Contestualmente si afferma nel mondo del nuoto partecipando ai Giochi della XV Olimpiade di Helsinki nel 1952 ed ai ai Giochi della XVI Olimpiade a Melbourne, dove raggiunge ottimi risultati.

Tornato in Sud America lavora in un''impresa statunitense impegnata nella costruzione di una lunga strada di collegamento tra Panamá e Buenos Aires (la celebre Panamericana) nel frattempo partecipa, con la squadra venezuelana di nuoto, a numerose gare nazionali e internazionali, tornato a Roma prende parte alle Olimpiadi di Roma del 1960.

Chiamato dal regista Giuseppe Colizzi a prendere parte ad un film, conosce sul set Mario Girotti (Terence Hill) che diventerà l'inseparabile compagno di grandi successi cinematografici.

Per esordire nel cinema western Carlo Pedersoli decide di assumere lo pseudonimo di Bud Spencer e grazie a film del genere spaghetti-western come "Dio perdona... io no!" e "Lo chiamavano Trinità..", raggiuge in coppia con Terence Hill il successo internazionale.

Nella metà degli anni 70 Bud Spencer inaugura la fortunatissima trilogia di "Piedone lo sbirro", cui seguono "Piedone a Hong Kong" (1975), "Piedone l'africano" (1978) e "Piedone d'Egitto" (1980), dove veste i panni del commissario Rizzo, che sgomina la delinquenza organizzata napoletana ed internazionale con metodi spiccioli ed efficaci.

In coppia con Terence Hill gira i film cult "più forte ragazzi!" (1972), "altrimenti ci arrabbiamo!" (1974), "Porgi l'altra guancia" (1974), "I due superpiedi quasi piatti" (1977), "Pari e dispari" (1978) e "Io sto con gli ippopotami" (1979).

Nel 2010 prende parte alla serie televisiva di Canale 5 "I delitti del cuoco" ed ottiene, insieme a Terence Hill, il David di Donatello alla carriera.

E' stato insignito dell'onorificienza di Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 27 dicembre 2008).

Sì è spento serenamente la sera del 27 giugno del 2016 tra le braccia dei familiari.

Era sposato con Maria Amato e padre di tre figli, Giuseppe (1961), Christiana (1962) e Diamy (1972).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Terence Hill | Bud Spencer | Mario Girotti | Mario Monicelli | Napoli | Giuseppe Colizzi | Maria Amato | Alberto Sordi | Canale 5 | Carlo Pedersoli | Roma | America del Sud |

Ultime notizie su Bud Spencer

    Super Bowl 2020/Filmografia minima

    "Zona d'ombra", in Italia nel 2016, è l'ultimo blockbuster sul football con Will Smith nel ruolo di Bennet Omalu, il neuropatologo nigeriano che scoprì la correlazione tra una malattia degenerativa del cervello e il football. Argomento spinoso. Più classici: "Ogni maledetta domenica" (1999) di

    Honda Element

    Indecisi tra un suv e un pick-up? Secondo Honda la soluzione si chiamava Element. Realizzato per il mercato nord americano dal 2003 al 2011, il "PicSuv" era riconoscibile a distanza per le linee piacevoli come uno schiaffo ricevuto da Bud Spencer ma soprattutto per la quantità di plastica non

    Honda Element

    Indecisi tra un suv e un pick-up? Secondo Honda la soluzione si chiamava Element. Realizzato per il mercato nord americano dal 2003 al 2011, il "PicSuv" era riconoscibile a distanza per le linee piacevoli come uno schiaffo ricevuto da Bud Spencer ma soprattutto per la quantità di plastica non

    Thegiornalisti cacio e pere: trionfo kitsch con alcuni lampi di trash

    Una volta l'indie italiano era Csi, Bluvertigo, Marlene Kuntz. Oggi il convento passa Thegiornalisti, trio col nome che è un calco di quello degli inglesi Editors e il cantante che è Tommaso Paradiso, paroliere piacione, ingombrante almeno quanto la sua barba. La critica s'è scappellata di fronte a

    – di Modesto Michelangelo Scrofeo

    Uno sguardo alle relazioni tra Italia e Stati Uniti, nell'edizione 2018 del Premio "America"

    Nell'immagine: un momento della cerimonia di conferimento del Premio America 2018. Da sinistra: Beatrice "Bebe" Vio (schermitrice e campionessa paralimpica, studentessa alla John Cabot University di Roma), Gabriella Giammanco (Vice presidente Fondazione Italia USA, Senatrice della Repubblica Italiana), Gerardo Sacco (maestro orafo, autore delle opere d'arte consegnate durante il Premio America). Roma, Camera dei Deputati, 11 ottobre 2018. Credits: Fondazione Italia USA. Dal 2009, la Fondazione...

    – Gabriele Caramellino

    Tommaso Paradiso tra Vasco e il dottor House

    Sull'ultimo numero di Rolling Stone c'è un'intervista in cui Tommaso Paradiso dice: "Sono arrivato al punto di dire che Vasco non lo voglio incontrare. E' bello così, che rimanga solo nel mio immaginario di cose stupende". Ora, chi lo conosce un pochino sa una cosa: Tommaso ha una immagine di Vasco come sua foto su Whatsapp. Lo svelo perché forse così si capisce di più la forza che ha quella sua risposta a Giovanni Robertini su Rolling Stone. Il numero del mensile è uscito da alcune settimane m...

    – Francesca Milano

    Tracce di cultura italoamericana, di ieri e di oggi

    Nell'immagine: Anthony Julian Tamburri, Dean of the John D. Calandra Italian American Institute & distinguished professor of European Languages and Literatures, Queens College, The City University of New York. La cultura italo americana è un insieme di elementi, tra i quali Storia, antropologia, tradizioni, relazioni commerciali. Nei prossimi giorni, tra Italia e Stati Uniti, sono in arrivo alcuni appuntamenti dove verranno mostrate alcune tracce della cultura italo americana. A Roma, nella s...

    – Gabriele Caramellino

1-10 di 100 risultati