Ultime notizie:

BTp

    Londra la miglior Borsa europea nella settimana dei Tory. Forte calo dello spread

    Il Regno Unito, ha già fatto sapere il premier Johnson, lascerà l'Unione europea il prossimo 31 gennaio «senza se e senza ma». Balzo della sterlina su dollaro ed euro. Bene i titoli dell'export grazie all'accordo Cina-Usa. In cinque giorni il differenziale Btp-Bund cala di 17 punti

    – di Flavia Carletti e Cheo Condina

    Borse, calma piatta in attesa delle banche centrali

    E' entrata nel vivo la settimana delle banche centrali. Questa sera è la volta della Federal Reserve. Nessuna attesa per mosse sui tassi ma il mercato si aspetta indicazioni sul 2020 e sull'economia a stelle e strisce. Domani è la volta della Bce, nel giorno delle elezioni politiche nel Regno Unito. Resta l'incognita commerciale, con gli investitori che puntano a un rinvio a gennaio dei nuovi dazi previsti dal 15 dicembre

    – di Flavia Carletti

    Mes, bozza maggioranza: escludere limiti sui BTp alle banche

    In una prima bozza di risoluzione sul Mes, la maggioranza, tra l'altro «impegna il governo» ad «assicurare l'equilibrio complessivo dei diversi elementi al centro del processo di riforma dell'Unione economica e monetaria (cosiddetta logica di "pacchetto" Mes, Bicc, Unione bancaria) approfondendo i punti critici del pacchetto di riforme».

    – di Andrea Gagliardi

    Borse, scatta conto alla rovescia sui dazi. Milano(-1%) , maglia nera sotto 23mila

    E' iniziata un'importante settimana con molti appuntamenti: oltre alle riunioni delle banche centrali sui tassi ci sono le elezioni in Gran Bretagna. Domenica potrebbero scattare i nuovi dazi Usa i beni di Pechino ma si spera in un accordo tra i due Paesi. A Piazza Affari calcio protagonista. Lo spread torna sotto 170 punti

    – di Andrea Fontana e Flavia Carletti

    Per le Borse arriva una settimana clou con il voto Uk e l'esordio di Lagarde

    Doppio appuntamento il 12 dicembre con le elezioni a Londra e la prima riunione del neo presidente Bce. Intato venerdì gli indici europei hanno rialzato la testa grazie ai record dei dati Usa sul lavoro. Il Ftse Mib ha chiuso la settimana con un calo dello 0,33% ma peggio hanno fatto Parigi, Francoforte e Londra (si salva solo Madrid). A Piazza Affari protagonista il duo Moncler-Ferragamo grazie alle mosse di Kering che potrebbero riaprire il risiko del lusso

    – di Enrico Miele

    Giovani azzoppati dal divario tra generazioni

    Il muro che separa le generazioni continua ad alzarsi e, con esso, cresce il rischio per i 12 milioni di millennial e della "generazione zero" di avere una vita autonoma solo da ultraquarantenni. L'Indice del divario generazionale (Idv), fatto 100 il livello del 2004, ha raggiunto 128 punti nel

    – di Giorgio Pogliotti

1-10 di 9102 risultati