Ultime notizie:

Borsa di Johannesburg

    La storia della banca sudafricana e delle sue azioni salite del 50.000%

    Un dollaro investito nel 2002 nella banca sudafricana Capitec oggi vale 50mila dollari. Un primato il rendimento delle azioni di questo lender dei paesi emergenti, specializzato nella concessione di prestiti e mutui a persone a basso reddito. Considerando anche che, dal 2002 a oggi, il mondo ha

    – di Riccardo Barlaam

    Barclays crolla in Borsa dopo i conti ed esce dall'Africa

    Barclays va a picco in Borsa (è arrivata a perdere l'11%) dopo una perdita a fine 2015 salita a 394 milioni di sterline dai 174 milioni dell'anno prima che ha costretto l'istituto a più che dimezzare il dividendo, che scende a tre pence per il 2016 e 2017 dai 6,5 del 2015. L'amministratore delegato

    Le palestre Virgin Active pronte a importante acquisizione in Italia e all'Ipo

    Le palestre Virgin Active guardano alla quotazione in Borsa e a un'importante acquisizione in Italia. E' una bella storia internazionale quella della catena di palestre un tempo del magnate inglese Richard Branson e ora del tycoon sudafricano Christo Wiese. Proprio questo'ultimo, tramite il suo veicolo nel private equity Brait, ha rilevato l'80 per cento di Virgin Active per 682 milioni di sterline, lasciando a Branson una minoranza del 20 per cento. E ora, secondo le indiscrezioni rilanciate da...

    – Carlo Festa

    Lo sviluppo delle Borse... in Africa

    L'Africa, una «magnifica bella torta da spartire». La celebre quanto infelice frase di re Leopoldo II del Belgio, al Congresso di Berlino tra le potenze coloniali nel 1876, non è passata di moda. Dal colonialismo politico, dopo la decolonizzazione degli anni Sessanta e Settanta, si è passati a quello economico delle multinazionali prima, e ora, a quello finanziario, delle locuste, delle banche d'affari e dei fondi d'investimento in cerca di nuove prede per le loro speculazioni facili esentasse, ...

    – Riccardo Barlaam

    Oggi la libertà: si vota in Sudafrica

      Vent'anni in un battito di ciglia. Il 27 aprile 1994 i sudafricani - tutti i sudafricani - votavano per la prima volta: neri, bianchi, colorati, indiani. Comunisti, socialisti, pan-africanisti, liberal-democratici, conservatori, sostenitori della supremazia bianca. Tutta la Rainbow Nation, anche quella che nella Nazione arcobaleno non ci voleva stare.   Il 7 di maggio il Sudafrica - tutto il Sudafrica - torna a votare per la quinta volta. Allora il candidato era Nelson Mandela; oggi l'African ...

    – Ugo Tramballi

    L'eredità di Mandela. Quel neo-capitalismo cauto

    E' uno di quei rari casi in cui un leader africano, morendo, non lascia alle spalle il caos né vuoti di successione.Come aveva promesso, Nelson Mandela lasciò

    – con articoli di Ugo Tramballi e Stefano Biolchini

1-10 di 17 risultati