Persone

Boris Johnson

Alexander Boris de Pfeffel Johnson è nato il 19 giugno del 1964 a New York ed è un politico e giornalista britannico con cittadinanza statunitense, membro del Partito Conservatore.

E' stato sindaco di Londra per due mandati, dal 4 maggio del 2008 al 9 maggio del 2016 ed è l'attuale Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

Conservatore ma sostenitore del presidente statunitense Barack Obama (del Partito democractico), negli anni in cui ha vissuto a Bruxelles ha studiato alla scuola europea e poi a Eton e ad Oxford.

Eletto al parlamento britannico per la circoscrizione di Henley nel 2001, è stato ministro ombra della Cultura nel 2004 col governo di Michael Howard e dal 2005 ministro dell'Istruzione, nel governo di David Cameron.

Candidatosi alle eleziona amministrative di Londra del maggio del 2008, è risultato vincitore sul laburista Ken Livingstone, assicurandosi una duratura maggioranza in consiglio comunale.

Il 4 maggio del 2012 viene rieletto per il secondo mandato di sindaco di Londra, battendo nuovamente al ballottagio il candidato laburista Ken Livingstone.

Il 7 maggio del 2015 viene nuovamente eletto al Parlamento britannico per la circoscrizione di Uxbridge.

Nel 2016 manifesta il suo consenso alla campagna refendaria per far uscire il Regno Unito dall'Unione Europea. Con la vittoria del fronte della Brexit, le dimissioni di David Cameron e la nomina del nuovo Primo Ministro britannico, Theresa May, Boris Johnson il 13 luglio del 2016, viene nominato Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

E' sposato in seconde nozze con Marina Wheeler ed è padre di quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Segretario di Stato | Ken Livingstone | Affari Esteri | Boris Johnson | David Cameron | Michael Howard | Barack Obama | Università di Oxford | Theresa May | Gran Bretagna | Marina Wheeler | Alexander Boris de Pfeffel Johnson | The Commonwealth | Partito Conservatore inglese |

Ultime notizie su Boris Johnson

    Ecco i Paesi che proteggono meglio il capitale umano durante la pandemia

    Lo stesso Financial Times, poco tenero e accondiscendente con il governo di Boris Johnson, si è sentito in dovere di elogiare il programma, al quale pochi giorni dopo sono stati aggiunti sistemi di rimborso per i lavoratori autonomi, salutandolo come una decisione «che porta la politica britannica in un territorio completamente sconosciuto», un nuovo paradigma delle politiche sociali nel Regno Unito.

    – di Attilio Geroni

    Giappone: fiducia ai minimi, pronti maxistimoli

    L'approccio delle autorità nipponiche, preoccupate per i riflessi sull'economia, pare essere stato non dissimile da quello del Boris Johnson prima maniera o dell'Olanda: il ministero della Salute ha considerato i test - come risulta anche da dichiarazioni pubbliche - in un'ottica di «attiva investigazione epidemiologica», anziché di «procedura medica» che implicherebbe uno screening di massa.

    – di Stefano Carrer

    Coronavirus e la Serie A che non vuol fermarsi: un bel viaggio in Bielorussia?

    Gente come il premier inglese Boris Johnson che, dopo aver detto che il virus in fondo colpisce solo i vecchi, si è ritrovato subito contagiato finendo anche lui nella categoria degli anziani a rischio, con gran divertimento della regina Elisabetta che sicuramente avrà pensato: ben ti sta, vecchio citrullo!

    – di Dario Ceccarelli

    In Germania, Usa e Spagna il contagio è rapidissimo: bruciati giorni di vantaggio sull'Italia

    Era il momento della famosa immunità di gregge teorizzata da Boris Johnson grazie alle indicazioni di sir Patrick Vallance, il suo primo consigliere scientifico: ammalarsi tutti rapidamente, mettendo in conto svariate decine se non centinaia di... Il contagio nel frattempo ha colpito anche ai piani alti della nazione: il premier Boris Johnson, il ministro della Sanità Matt Hancock e il principe Carlo.

    – di M.T. Island

    Londra, il virus gela il mercato delle case

    I prezzi avevano ripreso a salire dopo le elezioni di dicembre, che avevano portato alla vittoria dei conservatori di Boris Johnson e alla certezza che Brexit sarebbe diventata una realtà.

    – di Nicol Degli Innocenti

    In Gran Bretagna scatta la folle corsa a registrare società con il brand coronavirus

    La strana la corsa a registrare società legate alla pandemia è scattata in Gran Bretagna quando ancora il premier Boris Johnson non aveva idea di cosa fosse il coronavirus, e puntava – un po' disorientato – sulla carta dell'immunità di gregge, poi subito abbandonata con un dietro-front.

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

    Vola Wall Street (+11%) in attesa maxi-piano. Per il Dow Jones il maggior rialzo dal 1933

    Anche Londra ha guadagnato il 7% Londra, nel giorno in cui il premier Boris Johnson ha inviato sms a tutto il Paese invitando i cittadini a stare a casa e la Bank of England ha attivato misure di emergenza per garantire liquidità e tentare di facilitare il funzionamento dei mercati finanziari durante la crisi coronavirus.

    – di Eleonora Micheli e Flavia Carletti

1-10 di 795 risultati