Persone

Boris Johnson

Alexander Boris de Pfeffel Johnson è nato il 19 giugno del 1964 a New York ed è un politico e giornalista britannico con cittadinanza statunitense, membro del Partito Conservatore.

E' stato sindaco di Londra per due mandati, dal 4 maggio del 2008 al 9 maggio del 2016 ed è l'attuale Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

Conservatore ma sostenitore del presidente statunitense Barack Obama (del Partito democractico), negli anni in cui ha vissuto a Bruxelles ha studiato alla scuola europea e poi a Eton e ad Oxford.

Eletto al parlamento britannico per la circoscrizione di Henley nel 2001, è stato ministro ombra della Cultura nel 2004 col governo di Michael Howard e dal 2005 ministro dell'Istruzione, nel governo di David Cameron.

Candidatosi alle eleziona amministrative di Londra del maggio del 2008, è risultato vincitore sul laburista Ken Livingstone, assicurandosi una duratura maggioranza in consiglio comunale.

Il 4 maggio del 2012 viene rieletto per il secondo mandato di sindaco di Londra, battendo nuovamente al ballottagio il candidato laburista Ken Livingstone.

Il 7 maggio del 2015 viene nuovamente eletto al Parlamento britannico per la circoscrizione di Uxbridge.

Nel 2016 manifesta il suo consenso alla campagna refendaria per far uscire il Regno Unito dall'Unione Europea. Con la vittoria del fronte della Brexit, le dimissioni di David Cameron e la nomina del nuovo Primo Ministro britannico, Theresa May, Boris Johnson il 13 luglio del 2016, viene nominato Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

E' sposato in seconde nozze con Marina Wheeler ed è padre di quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Segretario di Stato | Ken Livingstone | Affari Esteri | Boris Johnson | David Cameron | Michael Howard | Barack Obama | Università di Oxford | Theresa May | Gran Bretagna | Marina Wheeler | Alexander Boris de Pfeffel Johnson | The Commonwealth | Partito Conservatore inglese |

Ultime notizie su Boris Johnson

    Brexit, perché Boris Johnson rischia di perdere la sfida del «no-deal»

    L'ipotesi di una strappo brusco dall'Europa scalda gli animi dei Brexiteer più accaniti, ma la sua attuazione non è immediata come lascia intendere Johnson L'ascesa di Boris Johnson alla guida del Regno Unito, che verrà ufficalizzata mercoledì 24 luglio, ha già scatenato il nervosismo di partner politici e investitori. ... Il 18 luglio, cinque giorni prima de lla nomina ufficiale di Boris Johnson a leader dei Tory, un gruppo trasversale di deputati ha fatto approvare con 41 voti di...

    – di Alberto Magnani

    Coldiretti: «Johnson premier nemico del Prosecco»

    Secondo l'associazione degli agricoltori, se il futuro premier britannico, Boris Johnson, gestirà realmente una Brexit senza accordo a fine ottobre, a rischio il nostro export alimentare. ... Con l'elezione a premier britannico di Boris Johnson sarà il «nemico del Prosecco» a gestire l'uscita – minacciata senza accordo il 31 ottobre – della Gran Bretagna dalla Ue, alimentando ulteriori preoccupazioni per il futuro del vino più apprezzato dagli inglesi.

    – di Laura Cavestri

    Boris Johnson, l'ultrà della Brexit a un passo dalla guida del Regno Unito

    Boris Johnson, ex giornalista (licenziato per essersi inventato una citazione) ed ex sindaco di Londra, sta per essere proclamato leader conservatore e primo ministro. ... GUARDA IL VIDEO / «Bugie sulla Brexit», Boris Johnson in tribunale ... GUARDA IL VIDEO / Londra, Boris Johnson litiga con la fidanzata: interviene la polizia

    – di Nicol Degli Innocenti

    Brexit, vademecum economico per il premier: basta incertezze

    Il cancelliere dello Scacchiere Philip Hammond ha dichiarato che darà le dimissioni se, come sembra probabile, vincerà Boris Johnson. ... Il veterano Tory aveva definito un incubo lavorare con Johnson quando era ministro degli Esteri e se ne è andato esprimendo il suo rammarico per la «nuvola nera di Brexit» che incombe sulla Gran Bretagna. SCOPRI DI PIU' / Boris Johnson, l'ultrà della Brexit a un passo dalla guida del Regno Unito ...deal" che Johnson si è rifiutato di...

    – di Nicol Degli Innocenti

    Il settore automotive accende le Borse Ue, a Milano brilla Pirelli

    Dopo alcune sedute grigie, le Borse europee hanno ripreso vigore grazie a una rotazione verso i settori legati all'auto, da tempo bersagliati dalle vendite. A Wall Street riflettori sui conti di Coca Cola e United Technologies, mentre in Gran Bretagna occhi sull'elezione di Boris Johnson a primo ministro. Euro sotto 1,12 dollari. Lo spread chiude a 196 punti base

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Boris l'illusionista a due passi da Downing Street

    Tempo pochi giorni e Boris Johnson sarà il nuovo Primo Ministro britannico. ... Se i conservatori, anche quelli che odiano Boris con tutto il cuore, si tapperanno il naso e faranno muro, il nuovo Governo entrerà invece in carica. ... Sul fondo Johnson non ha un credo ideologico molto diverso da quello della May, dato che è un conservatore di centro.

    – Marco Niada

    Linea dura di Johnson e Hunt, il rischio hard Brexit affossa la sterlina

    Nell'ultimo dibattito prima dell'elezione del nuovo leader conservatore sia Boris Johnson che Jeremy Hunt hanno assunto una posizione più rigida e hanno dichiarato che il backstop è «morto». ... «La Gran Bretagna deve dire no a limiti temporali o vie di fuga unilaterali o altri mezzi complessi, limature o codicilli sul backstop -, ha detto Johnson -. ... Hunt ha concordato con il suo rivale, dichiarando che «il backstop è morto e sono d'accordo con Boris che modificarlo non...

    – di Nicol Degli Innocenti

    La scomoda prepotenza dell'amico americano

    Un avvelenamento così acuto dei rapporti con i cugini dall'altra sponda dell'Atlantico non si vedeva forse dai tempi delle guerre tra Londra e le ex-colonie americane.  Trump non infatti è andato per il sottile: ha detto infatti che l'Ambasciatore britannico a Washington, Sir Kim Darroch "è un tipo molto stupido", per poi infliggere un colpo basso contro la stessa premier britannica Theresa May, dandole praticamente dell'incapace perché "della Brexit ha fatto un pasticcio". I colpi di clava di ...

    – Marco Niada

    Brexit, Corbyn: i laburisti voteranno Remain in caso di nuovo referendum

    In caso di un nuovo referendum sulla Brexit, il partito laburista si schiererà a favore della permanenza del Regno Unito nella Ue. Lo ha comunicato con una email ai membri del partito il segretario del labour Jeremy Corbyn, da tempo sotto pressione perché la principale forza di opposizione adotasse una linea chiara sul divorzio dalla Ue

    – di Alberto Magnani

    Johnson e Hunt, sfida all'ultimo taglio di tasse fra aspiranti premier

    In teoria l'ex sindaco di Londra Boris Johnson e il ministro degli Esteri Jeremy Hunt dovrebbero essere agli antipodi, o quasi. Quando si parla di fisco, però, i due sfidanti gareggiano sullo stesso terreno: maxi-tagli alle imposte per «rilanciare l'economia». Anche se il risultato potrebbe essere, semmai, quello di gonfiare i conti pubblici

    – di Alberto Magnani

1-10 di 481 risultati