Persone

Boris Johnson

Alexander Boris de Pfeffel Johnson è nato il 19 giugno del 1964 a New York ed è un politico e giornalista britannico con cittadinanza statunitense, membro del Partito Conservatore.

E' stato sindaco di Londra per due mandati, dal 4 maggio del 2008 al 9 maggio del 2016 ed è l'attuale Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

Conservatore ma sostenitore del presidente statunitense Barack Obama (del Partito democractico), negli anni in cui ha vissuto a Bruxelles ha studiato alla scuola europea e poi a Eton e ad Oxford.

Eletto al parlamento britannico per la circoscrizione di Henley nel 2001, è stato ministro ombra della Cultura nel 2004 col governo di Michael Howard e dal 2005 ministro dell'Istruzione, nel governo di David Cameron.

Candidatosi alle eleziona amministrative di Londra del maggio del 2008, è risultato vincitore sul laburista Ken Livingstone, assicurandosi una duratura maggioranza in consiglio comunale.

Il 4 maggio del 2012 viene rieletto per il secondo mandato di sindaco di Londra, battendo nuovamente al ballottagio il candidato laburista Ken Livingstone.

Il 7 maggio del 2015 viene nuovamente eletto al Parlamento britannico per la circoscrizione di Uxbridge.

Nel 2016 manifesta il suo consenso alla campagna refendaria per far uscire il Regno Unito dall'Unione Europea. Con la vittoria del fronte della Brexit, le dimissioni di David Cameron e la nomina del nuovo Primo Ministro britannico, Theresa May, Boris Johnson il 13 luglio del 2016, viene nominato Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

E' sposato in seconde nozze con Marina Wheeler ed è padre di quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Segretario di Stato | Ken Livingstone | Affari Esteri | Boris Johnson | David Cameron | Michael Howard | Barack Obama | Università di Oxford | Theresa May | Gran Bretagna | Marina Wheeler | Alexander Boris de Pfeffel Johnson | The Commonwealth | Partito Conservatore inglese |

Ultime notizie su Boris Johnson

    Brexit e cittadini Ue, la linea dei conservatori: «Saranno come gli altri immigrati»

    Una proposta di legge del partito di Boris Johnson riduce i diritti dei residenti comunitari: dovranno avere un lavoro stabile e per cinque anni non godranno del servizio sanitario gratuito ... «Uscire dalla Ue ci concede un'opportunità di avere un sistema equo che tratta tutti allo stesso modo», ha detto il premier Boris Johnson.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Ex Ilva, spunta il salvataggio modello British Steel: ecco come funziona

    Al Governo sarà illustrato l'accordo provvisorio, reso noto lunedì 11 novembre e in attesa dell'approvazione dei regolatori: un affare da 70 milioni di sterline, con l'impegno di Jingye a investire 1,2 miliardi di sterline nel prossimo decennio e di salvare migliaia di posti di lavoro, dietro garazie finanziarie del Governo di Boris Johnson pari a 300 milioni di sterline di prestiti e sgravi.

    – di Manuela Perrone

    Brexit, Farage non sfiderà Johnson alle elezioni anticipate

    Il leader del Brexit Party Nigel Farage ha deciso di non fare concorrenza al partito del premier, ritirando 317 candidati dalle circoscrizioni in cui alle ultime elezioni avevano vinto i Tories, concentrandosi piuttosto a sfidare i laburisti.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Per il Regno Unito un futuro di pazze spese

    Esiste ormai un'era pre e post referendum sulla Brexit. Certamente ciò vale per il Regno Unito, ma anche in buona parte nel resto del mondo, con l'ascesa del nazional-populismo. Dopo il fatidico giugno del 2016 tutto pare finito sottosopra. La destra dei Tory ha preso il controllo del Governo conservatore? Si, ma quale? Quella di una volta, Thatcheriana, dei tagli alla spesa pubblica, delle privatizzazioni spinte, certamente patriottica ma aperta all'Europa, ideologicamente rigida ma aperta alle...

    – Marco Niada

    Brexit, Bercow: «Stare da soli danneggia il Regno Unito»

    Famoso per i suoi «Ordeeer», l'ex presidente dei Commons si è ritirato a vita privata, convinto della assoluta «imparzialità» del suo operato. Tranne in un caso: nella reazione all'«oltraggio» di Boris Johnson, quando tentò di chiudere il Parlamento

    – di Simone Filippetti

1-10 di 635 risultati