Persone

Boris Johnson

Alexander Boris de Pfeffel Johnson è nato il 19 giugno del 1964 a New York ed è un politico e giornalista britannico con cittadinanza statunitense, membro del Partito Conservatore.

E' stato sindaco di Londra per due mandati, dal 4 maggio del 2008 al 9 maggio del 2016 ed è l'attuale Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

Conservatore ma sostenitore del presidente statunitense Barack Obama (del Partito democractico), negli anni in cui ha vissuto a Bruxelles ha studiato alla scuola europea e poi a Eton e ad Oxford.

Eletto al parlamento britannico per la circoscrizione di Henley nel 2001, è stato ministro ombra della Cultura nel 2004 col governo di Michael Howard e dal 2005 ministro dell'Istruzione, nel governo di David Cameron.

Candidatosi alle eleziona amministrative di Londra del maggio del 2008, è risultato vincitore sul laburista Ken Livingstone, assicurandosi una duratura maggioranza in consiglio comunale.

Il 4 maggio del 2012 viene rieletto per il secondo mandato di sindaco di Londra, battendo nuovamente al ballottagio il candidato laburista Ken Livingstone.

Il 7 maggio del 2015 viene nuovamente eletto al Parlamento britannico per la circoscrizione di Uxbridge.

Nel 2016 manifesta il suo consenso alla campagna refendaria per far uscire il Regno Unito dall'Unione Europea. Con la vittoria del fronte della Brexit, le dimissioni di David Cameron e la nomina del nuovo Primo Ministro britannico, Theresa May, Boris Johnson il 13 luglio del 2016, viene nominato Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

E' sposato in seconde nozze con Marina Wheeler ed è padre di quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Segretario di Stato | Ken Livingstone | Affari Esteri | Boris Johnson | David Cameron | Michael Howard | Barack Obama | Università di Oxford | Theresa May | Gran Bretagna | Marina Wheeler | Alexander Boris de Pfeffel Johnson | The Commonwealth | Partito Conservatore inglese |

Ultime notizie su Boris Johnson

    La Scozia chiede un secondo voto sull'indipendenza entro l'anno prossimo

    Boris Johnson ha categoricamente respinto l'idea di permettere un voto che potrebbe spaccare il Regno Unito. Johnson: questione chiusa «per almeno una generazione» La Sturgeon però insiste perché conta sulla vittoria elettorale in maggio per forzare la mano a Johnson. ... La posizione del Governo di Londra è che il voto c'è stato, gli scozzesi hanno scelto di restare parte del Regno Unito e la questione è chiusa «per almeno una generazione», come ha detto Johnson.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Tottenham, lo stadio non salva i conti nel 2020: crollano i ricavi, perdite per 72 milioni di euro

    Il premier Boris Johnson ha infatti annunciato il piano per riportare i tifosi negli stadi in base alle zone di allerta (media/gialla, alta/arancione e altissima/rossa): nel primo caso, verrà autorizzata una capienza pari al 50% di quella prevista o al massimo di 4000 presenti, nel secondo il limite scende a 2000 spettatori, mentre in zona rossa non verranno riaperte le strutture outdoor.

    – Marco Bellinazzo

    Se il British Museum diventa «Brutish»

    Europarlamentari da 12 Paesi, tra cui gli italiani Patrizia Toia e Andrea Cozzolino, hanno appena firmato una lettera per Boris Johnson invitando il premier britannico a restituire i fregi del Partenone come gesto di distensione dopo Brexit.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Jeep, anteprima mondiale in Cina per la nuova Compass. Prove tecniche di Stellantis?

    Da segnalare, in aggiunta, che proprio nei giorni scorsi subito dopo l'ufficializzazione da parte del governo britannico della decisione di bloccare la immatricolazioni di nuove vetture a benzina e a gasolio a partire dal 2030, proprio DS, il marchio premium del gruppo PSA, è stato fra i primi a recepire la direttiva con l'annuncio che tuttavia già dal 2025 e cioè cinque anni prima del limite fissato dal premier britannico Boris Johnson.

    – di Corrado Canali

    Tesla, ancora un record in Borsa mentre si avvicina lo S&P500

    L'ultimo segnale al settore è arrivato dalla Gran Bretagna, che ora guarda alla sua flotta in crescita di auto elettriche come un modo per creare posti di lavoro e ribilanciare anche la rete elettrica, con il primo ministro Boris Johnson che chiede di eliminare gradualmente le auto alimentate interamente a benzina.

    – di Al.An.

    Ft: Gran Bretagna verso lo stop alle vendite di auto benzina e diesel dal 2030

    Secondo il Financial Times Boris Johnson annuncerà l'anticipo di 5 anni del divieto di vendita Il primo ministro britannico Boris Johnson ha in programma di annunciare la prossima settimana il divieto di vendita di nuove auto a benzina e diesel a partire dal 2030, cinque anni prima del previsto.

1-10 di 923 risultati