Persone

Boris Johnson

Alexander Boris de Pfeffel Johnson è nato il 19 giugno del 1964 a New York ed è un politico e giornalista britannico con cittadinanza statunitense, membro del Partito Conservatore.

E' stato sindaco di Londra per due mandati, dal 4 maggio del 2008 al 9 maggio del 2016 ed è l'attuale Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

Conservatore ma sostenitore del presidente statunitense Barack Obama (del Partito democractico), negli anni in cui ha vissuto a Bruxelles ha studiato alla scuola europea e poi a Eton e ad Oxford.

Eletto al parlamento britannico per la circoscrizione di Henley nel 2001, è stato ministro ombra della Cultura nel 2004 col governo di Michael Howard e dal 2005 ministro dell'Istruzione, nel governo di David Cameron.

Candidatosi alle eleziona amministrative di Londra del maggio del 2008, è risultato vincitore sul laburista Ken Livingstone, assicurandosi una duratura maggioranza in consiglio comunale.

Il 4 maggio del 2012 viene rieletto per il secondo mandato di sindaco di Londra, battendo nuovamente al ballottagio il candidato laburista Ken Livingstone.

Il 7 maggio del 2015 viene nuovamente eletto al Parlamento britannico per la circoscrizione di Uxbridge.

Nel 2016 manifesta il suo consenso alla campagna refendaria per far uscire il Regno Unito dall'Unione Europea. Con la vittoria del fronte della Brexit, le dimissioni di David Cameron e la nomina del nuovo Primo Ministro britannico, Theresa May, Boris Johnson il 13 luglio del 2016, viene nominato Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth.

E' sposato in seconde nozze con Marina Wheeler ed è padre di quattro figli.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Segretario di Stato | Ken Livingstone | Affari Esteri | Boris Johnson | David Cameron | Michael Howard | Barack Obama | Università di Oxford | Theresa May | Gran Bretagna | Marina Wheeler | Alexander Boris de Pfeffel Johnson | The Commonwealth | Partito Conservatore inglese |

Ultime notizie su Boris Johnson

    Brexit, solo un nuovo referendum può rompere l'impasse

    Se dovesse accadere e Theresa May dovesse perdere lasciando il posto a un brexiter (il pensiero ovviamente corre a Boris Johnson, non più popolare come un tempo e soprattutto debole nella base parlamentare) potrebbero esserci nuovi tentativi negoziali con l’Ue in una dinamica di crescente distacco da Bruxelles, verso un’intesa commerciale di libero scambio in stile canadese.

    – di Leonardo Maisano

    Brexit: raggiunto accordo preliminare, May convoca il governo

    I negoziatori britannici hanno raggiunto l'intesa su una bozza di accordo per la Brexit a Bruxelles, classificata da alcune testate come un documento «preliminare». Il testo sarà discusso mercoledì pomeriggio in una riunione del Gabinetto, l'istituzione che raccoglie i ministri più importanti del

    – di Alb.Ma.

    Nel labirinto impossibile della Brexit

    Questa prima opzione è ciò che Boris Johnson, tra i fautori della Brexit, chiama “BINO” (acronimo per “Brexit in name only”), ovvero una Brexit solo di nome.

    – di Jacek Rostowski

    Brexit, May: «Fuori da Ue futuro radioso». Ma arriva la mozione di sfiducia

    GUARDA IL VIDEO / Johnson apre congresso Tory e silura la Brexit di May ... Ieri Boris Johnson, ex ministro degli Esteri diventato il principale rivale della May, aveva ottenuto ovazioni scroscianti con un discorso ai margini del congresso nel quale era tornato a criticare aspramente la strategia della premier su Brexit. Le proposte di Chequers sono «uno scandalo costituzionale» che porterebbe all’umiliazione della Gran Bretagna, ha detto Johnson.

    – di Nicol Degli Innocenti

    Boris Johnson e i "monelli" della Brexit

    Boris Johnson, capofila dei ribelli, ha detto che la proposta è come una cintura esplosiva messa attorno al Paese, pronta a distruggerlo. ... Lo studio, benedetto da Boris Johnson e dall'eccentrico Jacob Rees Mogg, è stato coperto di ridicolo da media ed economisti perché considerato totalmente irrealistico. ... E semmai, arriverà al suo posto Boris Johnson?

    – Marco Niada

    Brexit, il poker infinito che logora Londra

    In questo scorcio di 2018 la premier Theresa May può cadere vittima dell’imboscata degli eurofobi ed essere costretta a lasciare la guida del Paese e del partito all’ex ministro degli Esteri Boris Johnson; il Regno Unito può andare a... La sua offerta alla Ue è stata bocciata dagli eurofobi («Londra marcia su Bruxelles con un carrarmato che sventola bandiera bianca» ha scritto Boris Johnson) nelle stesse ore in cui Michel Barnier, negoziatore per Bruxelles, lasciava margini...

    – di Leonardo Maisano

    Così parlò Mark Carney, "nemico" della Brexit

    Davanti ad argomenti del genere, che hanno come contro-argomentazione soltanto un ottimismo giulivo di un mondo che sorriderà al Regno Unito < permettendo al leone di ruggire ancora > come allegramente dichiara Boris Johnson, è difficile discutere.

    – Marco Niada

1-10 di 427 risultati