Aziende

Bollorè

Fondato nel 1822 e compreso nell’elenco delle cinquecento società più importanti al mondo, il gruppo industriale Bollorè è quotato alla borsa di Parigi e ricopre numerose aree di business in tutto il mondo grazie alla sua politica di ampia differenziazione degli investimenti. Tra i principali settori di interesse del Gruppo Bollorè ci sono: trasporti e logistica, con servizi di movimentazione delle merci via terra, cielo e mare; plastica e carta, con produzione di materie derivate da polipropilene per l’imballaggio e di cartonati speciali per il confezionamento delle sigarette; energia, con il controllo di società che si occupano della distribuzione di petrolio e carbone; agricoltura, con piantagioni di gomma e palme da olio in diversi Paesi africani ed asiatici; media e pubblicità, con il possesso di circa il 28% delle azioni di Havas (quarto gruppo mondiale nel campo dell’editoria); telecomunicazione, con interessi in differenti operatori francesi del settore. In totale sono stimati in 33.000 i collaboratori che sono impiegati da Bollorè nelle sue diverse ramificazioni in giro per il mondo. Attualmente la società è controllata tramite una serie di holding finanziarie dalla famiglia Bollorè ed il presidente è Vincent Bollorè.

Ultimo aggiornamento 09 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Gruppo industriale | Vincent Bollorè | Gruppo Bollorè | Borsa di Parigi | Direct Soir | Havas |

Ultime notizie su Bollorè

    Telecom e la giostra immobiliare di Amos Genish

    Dopo il ribaltone nel Cda della scorsa primavera, con il fondo americano Elliott che ha disarcionato Vincent Bollorè e la sua Vivendi dal trono, anche la poltrona di Genish, formalmente riconfermato, è diventata traballante. Il manager era stato scelto da Bollorè, dopo l’addio milionario, tra mille polemiche per il mega-compenso, di Flavio Cattaneo. ... Questa volta però la situazione è più complicata perché la media company che fa capo a Bollorè non ha più formalmente il comando, essendo...

    – di Simone Filippetti

    Fininvest «aperta a tutte le ipotesi» sul Patto Mediobanca post-Bollorè

    Fininvest sarà aperta nel valutare tutte le ipotesi che verranno sottoposte ai soci di Mediobanca dopo lo scioglimento del patto, determinato dalla disdetta di Vincent Bollorè, annunciata proprio ieri dal finanziere bretone. ... Per i futuri scenari post-disdetta di Bollorè, invece, meglio un patto light tra soci o una Mediobanca più proiettata verso un assetto da public company? ...capiremo perché Bollorè ha fatto questa scelta».

    – di Cheo Condina

    Mediobanca regge, con addio al Patto. Analisti puntano su appeal liquidità

    La decisione a sorpresa di Vincent Bollorè, che ha comunicato la disdetta con un anno di anticipo al patto di sindacato di Mediobanca, provocando lo scioglimento dell'accordo parasociale dopo oltre 60 anni (il patto è nato nel 1956) non ha... Se da una parte l'uscita di Bollorè può aver «sorpreso il mercato», che di conseguenza potrà «assegnare una maggiore probabilità al rischio di overhang» (la possibilità che un grande quantitativo di titoli arrivi in vendita sul mercato), d'altra...

    – di Paolo Paronetto

    I «20 anni» di Bollorè nel salotto buono della finanza

    Per Bollorè la quota in Mediobanca ai prezzi attuali presenta una minusvalenza teorica di circa 24 milioni di euro rispetto al valore di bilancio, comunque ampiamente inferiore rispetto agli oltre 100 milioni di minusvalenza che emergevano dalla relazione semestrale dei conti del gruppo francese.

    – di Giuliana Licini

    Tim, Vivendi attacca Elliott e cda: «La governance è fallimentare»

    Ma più facile che Bollorè punti direttamente alla rivincita riconquistando il controllo del cda in occasione dell’assemblea che dovrà tenersi entro fine anno per nominare la società di revisione, nomina che in primavera non era passata proprio per l’opposizione di Vivendi.

    – di Antonella Olivieri

    Telecom, non è Iliad il male oscuro che la fa cadere in Borsa

    L'ad è rimasto Amos Genish, il manager isrealiano voluto dal gruppo francese che fa capo a Vincent Bollorè, e così il piano strategico che ha un orizzonte a tre anni, senza però fissare (almeno pubblicamente) le tappe annuali che permetterebbero al mercato di monitorarne l'avanzamento.

    – di Antonella Olivieri

    Stop alla direzione di Vivendi su Telecom. Conti in calo nel trimestre

    Vivendi rinuncia all'attività di direzione e coordinamento su Telecom Italia, che aveva avviato a fine luglio. Prima conseguenza è la rottura del rapporto con Michel Sibony, direttore acquisti "in distacco" dal gruppo transalpino. L'ad Amos Genish ha provato a difenderne il ruolo, innescando la

    – di Antonella Olivieri

    Mediobanca positiva dopo i conti trimestrali migliori delle attese

    La trimestrale migliore delle attese sostiene il titolo Mediobanca a Piazza Affari. Le quotazioni di Piazzetta Cuccia, pur in frenata rispetto ai massimi dell'avvio, si mantengono infatti in territorio positivo. L'istituto ha chiuso il terzo trimestre dell'esercizio 2017-2018 con un utile netto di

    – di Paolo Paronetto

1-10 di 417 risultati