Persone

Bob Dylan

Bob Dylan è un cantautore e compositore statunitense nato a Duluth il 24 maggio 1941. Il suo vero nome è Robert Allen Zimmerman. Il 13 ottobre 2016 gli è stato assegnato il premio Nobel per la Letteratura per "aver creato una nuova espressione poetica nell'ambito della tradizione della grande canzone americana".

Definire Bob Dylan un cantautore è forse un po' riduttivo, essendo il poliedrico artista americano anche scrittore, poeta, pittore, attore e conduttore radiofonico.

La sua produzione artistica va oltre lo stretto ambito musicale, per abbracciare l'intera cultura popolare. Soprattutto negli anni Sessanta le sue canzoni sono diventate simbolo del movimento di protesta, assurte a bandiera del movimento pacifista e per i diritti civili. La carriera di Bob Dylan è lunghissima e costellata di grandi successi. Inizia alla fine degli anni Cinquanta anche se il successo arriva nei primi anni Sessanta, e continua tuttora.

Col tempo Bob Bylan ha abbracciato diversi stili musicali: dopo aver cominciato con uno stile molto personale, fatto praticamente solo di chitarra, tastiera e armonica a bocca, si è poi accostato ad altri generi quali il country, il blues e il rock'n'roll.

Nella sua sconfinata carriera ha ricevuto i Grammy Award e i Golden Globe ed è stato incluso nella Rock & Roll Hall of Fame. Nel 1999 TIME lo ha inserito tra le cento più influenti personalità del XX secolo, mentre la rivista Rolling Stone lo ha classificato come secondo artista rock di tutti i tempi, dietro ai Beatles.

Insieme a Leonard Cohen, è forse l'artista che al mondo ha visto realizzate il maggior numero di cover delle proprie canzoni, a testimonianza dell'enorme influenza che ha avuto su diverse generazioni di artisti.

Ultimo aggiornamento 13 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Musica | Bob Dylan | Artista | Bob Bylan | Rolling Stones | Leonard Cohen | The Beatles | Robert Allen Zimmerman |

Ultime notizie su Bob Dylan

    Morto Milton Glaser, artista della grafica che inventò il logo «I Love New York»

    Padre del Push Pin Style, studiò in Italia, espose al Louvre ed espresse il senso degli anni Sessanta nel manifesto di Bob Dylan ... La copertina e il poster dedicati a Bob Dylan (1966). ...la capigliatura di Dylan sono l'espressione massima della vitalità (e dire che non sarebbero del tutto congruenti con lo stesso Dylan).

    – di Stefano Salis

    L'ansia del canone

    Si tratta di un esercizio difficile per tre motivi: la vicinanza con l'oggetto osservato; la complessità multiforme che ha assunto la letteratura in questo spicchio di millennio, segmento di un reticolo mediale più ampio, tanto che non ci pare strano che sia Bob Dylan a vincere il premio Nobel; il rapporto ormai inestricabile fra letteratura globale e letteratura italiana, ridotta ad ancella di mode esterofile quali l'ultratlantismo - ma questo è tratto comune all'Occidente tutto - o...

    – di Giovanni Bitetto

    Bob Dylan canta JFK e cita Amleto

    Bob Dylan, premio Nobel per la letteratura nel 2016, ritorna dopo otto anni con un pezzo scritto di suo pugno, pubblicato via Internet: una broadside ballad rapsodica e sterminata (oltre 17 minuti, la più lunga della sua carriera). ... Come ha scritto recentemente Nick Cave, «Dylan gira attorno all'incidente in modo vertiginoso e stila una lista di cose amate — per lo più musica — per guardare dritto nelle tenebre e liberarsene». ...prima fidanzata di Dylan presente nella celebre...

    – di Alberto Fraccacreta

    Canta Red Canzian (e sostiene per un anno un ricercatore di Città della Speranza)

    Red Canzian, storico cantante e bassista dei Pooh, ha tenuto due concerti il 18 e 21 dicembre scorsi sul palco dei Teatri Goldoni di Venezia e Del Monaco di Treviso, ospitati dal Teatro Stabile del Veneto. Il doppio evento, intitolato "Testimone del tempo", ha calamitato il pubblico al punto da permettere un risultato straordinario: così la musica contribuisce alla ricerca pediatrica. I due concerti sono stati pensati in favore di Città della Speranza. Con i fondi raccolti tra l'incasso e le ul...

    – Barbara Ganz

    Cercate i talenti nella neurodiversità, perché la normalità non rende

    In un mio precedente articolo parlavo dell'importanza della diversità per la società ma soprattutto per le aziende visto il dimostrato ritorno economico di chi la mette in atto: la cultura dell'inclusione, che la diversità pretende, è redditizia anche in termini economici. Avere nel proprio ambiente lavorativo persone di entrambi i sessi, di tutti i gender, di tutte le etnie, di qualsiasi religione, di tutte le età, richiede uno "sforzo" a tutti noi, che ci rende migliori (quindi più performanti...

    – Emiliano Pecis

    X Factor al via: fuori Mariam. Oltre Marco (e Mika) la noia

    Prima puntata di live show senza grosse emozioni: Sfera Ebbasta, Malika Ayane e Samuel ancora in fase di rodaggio, così l'ex giudice si prende la scena. Tra i concorrenti spicca il cooperante con la chitarra. Orfano del salvinismo

    – di Francesco Prisco

1-10 di 476 risultati