Ultime notizie:

Biogen

    E' l'Rna il nuovo Dna: arrivano le prime terapie. E gli investimenti

    Se il 2017 è stato l'anno del Dna, con i successi della terapia genica e il continuo perfezionamento della tecnica di editing genetico Crispr, il 2018 è all'insegna del cugino meno noto: l'Rna, o acido ribonucleico. Pur sullo sfondo, quello che si chiama silenziamento genico tramite l'interferenza

    – di Francesca Cerati

    Il sorpasso dei farmaci biotech

    A capo di Biogen da poco più di un anno, Michel Vounatsos, 56enne francese di origine greca, cresciuto in Marocco, con una lunga carriera in ambito farmaceutico, scommette sulla possibilità di curare le malattie del cervello con le biotecnologie, portando avanti quella che è sempre stata l'idea dei fondatori di questa biotech di Cambridge (Massachusetts) - i genetisti premi Nobel Walter Gibert e Philipp Sharp - che ha esordito 40 anni fa nel campo del Dna ricombinante per creare terapie contro l...

    – Francesca Cerati

    Sma, così una terapia innovativa diventa «buona sanità»

    Ha solo un mese il paziente più piccolo, affetto da Sma, trattato con la prima terapia per l'atrofia muscolare spinale 5q, il farmaco innovativo Spinraza, prodotto da Biogen, accessibile in Italia a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale. E sono 135 finora i pazienti perlopiù pediatrici

    – di Rosanna Magnano

    Farmaceutico versus Biotech: ecco quale scegliere

    Da molti anni ormai il settore farmaceutico, storicamente difensivo (alti dividendi, pochi rischi, grande generazione di cassa) è più volatilite rispetto al passato. Nell'ultimo trienno alcuni gestori sono riusciti a portare a casa buone perfomance. Ma c'è anche chi ha rendimenti negativi. Alcuni

    – di Lucilla Incorvati

    Dal pharma al biotech i nuovi investimenti spingono le assunzioni

    Industria farmaceutica e biotech. Ecco due settori, strettamente correlati, che promettono di aprire le porte a nuovi ingressi nel corso di quest'anno, grazie a nuovi investimenti e filoni di mercato, nonostante la doccia fredda dell'assegnazione ad Amsterdam, e non a Milano, dell'agenzia europea

    – di Daniele Cesarini e Adriano Lovera

    Perché Pfizer abbandona la ricerca su Alzheimer, e quali sono gli sviluppi in corso

    La multinazionale americana Pfizer frena sulla ricerca destinata alle patologie neurodegenerative e dirotta gli investimenti in aree in cui ha già raggiunto una forte leadership scientifica e il massimo impatto sui pazienti. Un disinvestimento da filoni importanti su Alzheimer e Parkinson che non

    – di Rosanna Magnano

1-10 di 33 risultati