Ultime notizie:

Bijan Zanganeh

    L'Opec stringe i legami con la Russia per controllare il mercato del petrolio

    Dopo quasi tre anni di fidanzamento, Opec e Russia hanno celebrato il loro matrimonio: l'Opec Plus diventa un organismo permanente. I ventiquattro Paesi che dal 2017 riducono in modo coordinato la produzione di petrolio hanno tutti aderito alla Carta di cooperazione, documento ufficiale che

    – di Sissi Bellomo

    Opec e Russia oggi sposi. Firmata la carta che rende permanente la coalizione

    Dopo tre anni di fidanzamento, Opec e Russia si sono appena sposati. I ventiquattro Paesi che fanno parte dell'Opec Plus hanno tutti firmato la Carta di cooperazione, documento ufficiale che istituzionalizza e trasforma in un organismo permanente la coalizione tra produttori di petrolio.

    – di Sissi Bellomo

    L'Iran: «Vertice facile, ma l'Opec rischia di morire»

    Il prezzo del petrolio vola sull'entusiamo per la riapertura del dialogo Usa-Cina e sulla prospettiva di un facile accordo al vertice Opec in corso a Vienna. Ogni potenziale ostacolo alla prosecuzione dei tagli di produzione è stato rimosso e quando si arriverà al voto l'unanimità tra i ministri

    – di Sissi Bellomo

    Il petrolio corre sull'ottimismo Usa-Cina, Opec verso il rinvio del vertice

    Il riaccendersi della speranza di un accordo Usa-Cina ha messo le ali ai mercati e spinto il petrolio in rialzo di oltre il 4% sulla piazza di New York, dove il Wti è tornato a superare 54 dollari al barile. Anche il Brent - che aveva iniziato la seduta in flessione, incurante del nuovo invio di

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio, tutte le crisi che rischiano di riaccendere il prezzo del barile

    Il petrolio iraniano da ieri è off limits per le sanzioni americane, in Venezuela la tensione è alle stelle dopo il fallimento di un golpe, in Libia sono riesplosi i combattimenti - anche in prossimità del maggior giacimento El Sharara, attaccato lunedì - mentre in Russia il maxioleodotto Druzhba

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio, la Russia aiuta l'Opec a tagliare (in sfida a Trump)

    Alla fine l'Opec ha salvato la faccia. Ci sarà un taglio della produzione di petrolio, addirittura superiore alle attese del mercato: 1,2 milioni di barili al giorno, compreso il contributo degli alleati, che continueranno a restare tali: c'è un accordo «di principio» per firmare entro fine marzo i

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio, l'Opec aspetta la Russia per trovare un accordo sui tagli

    Mentre l'Opec in crisi non riesce a trovare un accordo sui tagli di produzione, gli Stati Uniti dello shale oil brindano a un nuovo record: per la prima volta nella storia Washington è riuscita ad esportare più petrolio e prodotti raffinati di quanti ne abbia importati.

    – di Sissi Bellomo

    Opec, accordo difficile sui tagli. Dall'Arabia Saudita i dubbi più forti

    L'Opec discute e il petrolio crolla. Le quotazioni del barile sono andate a picco, perdendo oltre il 5%, all'avvio del vertice dell'Organizzazione degli esportatori di greggio. La colpa? In apparenza le dichiarazioni rilasciate dal ministro saudita Khalid Al Falih poco prima dell'avvio dei lavori,

    – di Sissi Bellomo

    Petrolio, l'ombra degli Usa sul vertice Opec

    Alla vigilia del vertice Opec è l'agenda a pesare, più ancora delle dichiarazioni. E a dettare l'agenda è stato il Governo americano. Il primo appuntamento del ministro saudita Khalid Al Falih, appena sbarcato a Vienna, non è stato con i colleghi dell'Organizzazione dei Paesi esportatori di

    – di Sissi Bellomo

1-10 di 84 risultati