Persone

Bibi Netanyahu

Bibi Netanyahu (Bibi è il nomignolo con cui è universalmente noto ma si chiama, in realtà, Benjamin) è un politico israeliano, attualmente Primo Ministro dello stato di Israele. A questa carica è arrivato dopo le elezioni del 2009. In realtà il suo partito, il Likud, era arrivato secondo alle elezioni, dietro Kadima di Tzipi Livni, la quale, però, non è riuscita a trovare una maggioranza per formare il governo. In precedenza Netanyahu è stato ministro delle finanze nel governo di Ariel Sharon, dimettendosi per protesta contro il piano di ritiro da Gaza.

Netanyahu era stato eletto primo ministro già in precedenza, e precisamente dal 1996 al 1999, dopo aver vinto le elezioni contro Shimon Peres. All'epoca Peres, che era succeduto come primo ministro all'assassinato Rabin, non era in grado di arginare gli attentanti palestinesi contro la popolazione civile israeliana, mentre Netanyahu era stato capace di cavalcare il malcontento e l'insicurezza popolare. La campagna elettorale di Netanyahu fu improntata a uno stile americano, avvalendosi anche di consulenti venuti dagli Stati Uniti, dove peraltro lo stesso Netanyahu aveva compiuto gli studi universitari.

Da primo ministro, nonostante i negoziati portati avanti con i palestinesi, è stato accusato di porre in stallo le trattative di pace. In effetti, durante il suo mandato, non furono rispettati i punti previsti dal trattato di Oslo. Paradossalmente però Netanyahu ha poi perso la maggioranza politica perché i partiti di estrema destra lo hanno accusato di aver concesso troppo ai palestinesi. Netanyahu è il primo e attualmente unico primo ministro israeliano ad essere nato dopo la creazione dello stato di Israele.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Primo ministro | Bibi Netanyahu | Israele | Likud | Ariel Sharon | Shimon Peres |

Ultime notizie su Bibi Netanyahu

    Siria, nel caos del Medio Oriente l'unico vincitore è Vladimir Putin

    L'attacco della Turchia ai curdi, innescato dal ritiro delle truppe Usa, ha fatto precipitare la regione nell'ennesima fase di turbolenze. E' un'occasione in più per far emergere le leadership del Cremlino "grazie" all'inaffidabilità di Donald Trump. Ma non sarà facile mantenere la posizione

    – di Ugo Tramballi

    Se in Israele vince la destra "più gentile"

    Sembra - ma non è certo - che stia per finire la lunga stagione di potere di Bibi Netanyahu. Ai giovani leoni socialisti degli anni Sessanta fu molto più facile liberarsi del monumento David Ben Gurion di quanto non sia per la destra israeliana disfarsi oggi di Bibi: a suo modo un genio della politica e dei suoi inganni. A chi si occupasse delle vicende israeliane saltuariamente o solo ideologicamente (qualsiasi cosa faccia, io sto con Israele; qualsiasi cosa faccia, io sono contro), deve esser...

    – Ugo Tramballi

    Israele verso il voto - La chiave del successo di Netanyahu

    ISRAELE VERSO IL VOTO - LA CHIAVE DEL SUCCESSO DI NETANYAHU Larry King della CNN, un tempo conduttore del talk show più seguito d'America, diceva che "in una scala da 1 a 10, come ospite Bibi vale 8. Se avesse senso dell'humor, sarebbe 10". Gli israeliani, anche i suoi sostenitori, direbbero che Bibi Netanyahu ha molti altri difetti e di più gravi. Ma lo hanno votato nel 1996 e ininterrottamente per un decennio in quattro elezioni dal 2009 al 9 aprile di quest'anno. Tredici anni al potere: p...

    – Ugo Tramballi

    L'infinita discordia

    Nelle foto pubblicate dai giornali israeliani, il sorriso di Rina mostra la consapevolezza di una vita piena di promesse. A 17 anni non può che essere così. La settimana scorsa, invece, Rina è stata uccisa da una bomba forse comandata a distanza, mentre passeggiava col padre e il fratello, vicino a una sorgente. Rina era israeliana; chi l'ha uccisa, un palestinese, probabilmente non era molto più grande di lei. Questa è la storia raccontata dai giornali e dalle televisioni di mezzo mondo.  Poch...

    – Ugo Tramballi

    Dalla Siria, all'Iraq al Libano: la guerra Israele-Iran è già iniziata

    Il premier israeliano Netanyahu ha annunciato che nella notte l'aviazione ha bombardato vicino a Damasco un deposito di missili di precisione controllato dai Pasdaran, le guardie rivoluzionarie iraniane. Nella stessa notte Hezbollah, il partito-milizia sciita libanese, ha annunciato di aver abbattuto uno o due droni israeliani vicino Beirut

    – di Ugo Tramballi

    Da Tehran a Gerusalemme: miraggi d'Oriente

    Sempre che il confronto fra Usa e Iran non precipiti, la settimana prossima a Gerusalemme ci sarà un incontro forse senza precedenti. Si vedranno i consiglieri per la sicurezza nazionale di Stati Uniti, Russia e Israele. John Bolton, Nikolay Patrushev e Meir Ben-Shabbat si confronteranno su futuro assetto della Siria. Eccitati dall'essere finalmente cooptati nella definizione del futuro regionale, alcuni israeliani hanno chiamato l'incontro "nuovo Sykes-Picot": si riferivano ai due alti funzion...

    – Ugo Tramballi

    Bolton, Bibi e i Pasdaran

    "To stop Iran bomb, bomb Iran", scriveva con pregio della sintesi John Bolton tre anni fa, in un contributo chiestogli dal New York Times. Perché tutta questa inutile diplomazia attorno al programma nucleare di Teheran?, era il pensiero dell'uomo che oggi è il consigliere alla Casa Bianca per la sicurezza nazionale: bombardiamoli, cambiamo il loro regime. E' una costante della vita politica di Bolton, una propensione alla guerra per chi invece dovrebbe scongiurarla, che nel mondo reale non ha u...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 245 risultati