Persone

Bibi Netanyahu

Bibi Netanyahu (Bibi è il nomignolo con cui è universalmente noto ma si chiama, in realtà, Benjamin) è un politico israeliano, attualmente Primo Ministro dello stato di Israele. A questa carica è arrivato dopo le elezioni del 2009. In realtà il suo partito, il Likud, era arrivato secondo alle elezioni, dietro Kadima di Tzipi Livni, la quale, però, non è riuscita a trovare una maggioranza per formare il governo. In precedenza Netanyahu è stato ministro delle finanze nel governo di Ariel Sharon, dimettendosi per protesta contro il piano di ritiro da Gaza.

Netanyahu era stato eletto primo ministro già in precedenza, e precisamente dal 1996 al 1999, dopo aver vinto le elezioni contro Shimon Peres. All'epoca Peres, che era succeduto come primo ministro all'assassinato Rabin, non era in grado di arginare gli attentanti palestinesi contro la popolazione civile israeliana, mentre Netanyahu era stato capace di cavalcare il malcontento e l'insicurezza popolare. La campagna elettorale di Netanyahu fu improntata a uno stile americano, avvalendosi anche di consulenti venuti dagli Stati Uniti, dove peraltro lo stesso Netanyahu aveva compiuto gli studi universitari.

Da primo ministro, nonostante i negoziati portati avanti con i palestinesi, è stato accusato di porre in stallo le trattative di pace. In effetti, durante il suo mandato, non furono rispettati i punti previsti dal trattato di Oslo. Paradossalmente però Netanyahu ha poi perso la maggioranza politica perché i partiti di estrema destra lo hanno accusato di aver concesso troppo ai palestinesi. Netanyahu è il primo e attualmente unico primo ministro israeliano ad essere nato dopo la creazione dello stato di Israele.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Primo ministro | Bibi Netanyahu | Israele | Likud | Ariel Sharon | Shimon Peres |

Ultime notizie su Bibi Netanyahu

    Il califfo di Washington

    Se l'Iran si vendicherà, come risposta della risposta gli Stati Uniti hanno già individuato 52 obiettivi da distruggere, scrive Donald Trump su Twitter: molti di questi, aggiunge, "importanti per la cultura iraniana". Come in una faida tribale. Peggio: come i talebani che hanno distrutto i due Buddha millenari di Bamiyan e l'Isis a Palmyra. Non è necessario aver superato l'esame di diritto internazionale per capire che la minaccia del presidente degli Stati Uniti si configura come crimine di gue...

    – Ugo Tramballi

    Come ha fatto l'Iraq a diventare il cortile di casa del rivale Iran

    Dallo scontro sunniti-sciti ai tempi di Saddam, al cambio di regime imposto dagli Stati Uniti, fino al ruolo del generale Suleimani, ucciso in uno strike ordinato dal presidente Usa Trump, ecco come si è evoluto il rapporto tra i due paesi mediorientali

    – di Ugo Tramballi

    Pity the Nation - L'America e l'impeachment

    Per chi continua ad avere una certa considerazione per gli Stati Uniti, è triste leggere i resoconti delle udienze in Campidoglio sull'impeachment a Donald Trump. Ma è ancora più deprimente assistere da qui, a Washington: con le prime pagine cartacee e online piene della spazzatura che ogni giorno esce dalla Casa Bianca; con tutti i network televisivi "live" per ore sui volti dei deputati della Commissione per l'Intelligence incaricata dell'inchiesta, e quelli dei testimoni, molti dei quali inti...

    – Ugo Tramballi

    Gaza, provincia di Teheran?

    Piccola, sovraffollata, povera e regionalmente insignificante, con cadenza stagionale la striscia riesce sempre a conquistare visibilità. Tutti credono di averla in pugno, nessuno davvero controlla niente a Gaza: non Hamas e la Jihad Islamica, non Israele e i suoi servizi segreti; nemmeno l'Egitto che ogni volta tratta pazientemente una tregua dopo l'altra. L'Onu e le altre organizzazioni umanitarie non sanno dove mettere le mani in quel disastro; il Qatar regala milioni e scopre di essere suo m...

    – Ugo Tramballi

    Siria, nel caos del Medio Oriente l'unico vincitore è Vladimir Putin

    L'attacco della Turchia ai curdi, innescato dal ritiro delle truppe Usa, ha fatto precipitare la regione nell'ennesima fase di turbolenze. E' un'occasione in più per far emergere le leadership del Cremlino "grazie" all'inaffidabilità di Donald Trump. Ma non sarà facile mantenere la posizione

    – di Ugo Tramballi

    Se in Israele vince la destra "più gentile"

    Sembra - ma non è certo - che stia per finire la lunga stagione di potere di Bibi Netanyahu. Ai giovani leoni socialisti degli anni Sessanta fu molto più facile liberarsi del monumento David Ben Gurion di quanto non sia per la destra israeliana disfarsi oggi di Bibi: a suo modo un genio della politica e dei suoi inganni. A chi si occupasse delle vicende israeliane saltuariamente o solo ideologicamente (qualsiasi cosa faccia, io sto con Israele; qualsiasi cosa faccia, io sono contro), deve esser...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 252 risultati