Persone

Bibi Netanyahu

Bibi Netanyahu (Bibi è il nomignolo con cui è universalmente noto ma si chiama, in realtà, Benjamin) è un politico israeliano, attualmente Primo Ministro dello stato di Israele. A questa carica è arrivato dopo le elezioni del 2009. In realtà il suo partito, il Likud, era arrivato secondo alle elezioni, dietro Kadima di Tzipi Livni, la quale, però, non è riuscita a trovare una maggioranza per formare il governo. In precedenza Netanyahu è stato ministro delle finanze nel governo di Ariel Sharon, dimettendosi per protesta contro il piano di ritiro da Gaza.

Netanyahu era stato eletto primo ministro già in precedenza, e precisamente dal 1996 al 1999, dopo aver vinto le elezioni contro Shimon Peres. All'epoca Peres, che era succeduto come primo ministro all'assassinato Rabin, non era in grado di arginare gli attentanti palestinesi contro la popolazione civile israeliana, mentre Netanyahu era stato capace di cavalcare il malcontento e l'insicurezza popolare. La campagna elettorale di Netanyahu fu improntata a uno stile americano, avvalendosi anche di consulenti venuti dagli Stati Uniti, dove peraltro lo stesso Netanyahu aveva compiuto gli studi universitari.

Da primo ministro, nonostante i negoziati portati avanti con i palestinesi, è stato accusato di porre in stallo le trattative di pace. In effetti, durante il suo mandato, non furono rispettati i punti previsti dal trattato di Oslo. Paradossalmente però Netanyahu ha poi perso la maggioranza politica perché i partiti di estrema destra lo hanno accusato di aver concesso troppo ai palestinesi. Netanyahu è il primo e attualmente unico primo ministro israeliano ad essere nato dopo la creazione dello stato di Israele.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Primo ministro | Bibi Netanyahu | Israele | Likud | Ariel Sharon | Shimon Peres |

Ultime notizie su Bibi Netanyahu

    Israele - Palestina: miraggi di pace

    "Non c'è un processo diplomatico con i palestinesi né ce ne sarà uno", si era affrettato l'altro giorno a commentare il portavoce di Naftali Bennett, il premier israeliano. Hamas da Gaza aveva lanciato il suo anatema contro ogni dialogo con "l'occupante sionista". La causa di tanto trambusto nella calma palustre del conflitto israelo-palestinese, ignorato fino alla prossima fugace ma sanguinosa esplosione, era stato un incontro lunedì scorso a Ramallah fra il presidente dell'Autorità palestines...

    – Ugo Tramballi

    Il fantasma di Bibi

    A Cesare bastò un solo Bruto. Bibi Netanyahu ne ha avuti (meglio, ne ha creati) tre pronti a tradirlo. Naftali Bennett, Avigdror Lieberman e Gideon Sa'ar, leader di tre partiti di destra come il suo Likud ma nemici. In epoche diverse ognuno di loro è stato braccio destro o sinistro di Netanyahu: suoi prodotti politici. Lui li ha creati e lui li ha allontanati con il valido contributo corrosivo di Sara Netanyahu, la moglie che più dello stesso marito, vedeva in ogni collaboratore un concorrente p...

    – Ugo Tramballi

    Non verrà il sereno dopo la tempesta di Gaza

       Forse tra poche ore, eventualmente entro qualche giorno, l'ennesima guerra di Gaza sarà fermata dalla diplomazia internazionale: probabilmente l'Egitto e il Qatar con l'aiuto ora determinante, ora no, di Stati Uniti, Francia, Russia, Consiglio di sicurezza Onu. Un concerto globale per un conflitto apparentemente minore. Hamas ha raggiunto i suoi obiettivi, come sempre conseguiti a spese della popolazione della striscia; Bibi Netanyahu ha impedito agli avversari interni di formare un governo ...

    – Ugo Tramballi

    Un nuovo concerto delle nazioni

    Alla fine di marzo la Cina aveva prodotto 225 milioni di dosi di vaccino anti-Covid, metà delle quali esportate; la Russia 14 milioni, il 31% all'estero; gli Stati Uniti 164 milioni e solo il 4% date ai confinanti Canada e Messico. I vaccini della Gran Bretagna sono stati tutti impiegati per uso domestico. Perché queste grandi differenze? In fondo l'incapacità americana di guidare la campagna globale contro la pandemia è stata forse il segno più drammatico della crisi del suo potere globale, fi...

    – Ugo Tramballi

    Storia di una corona e di molti fratelli (Parte Seconda)

    "Non cambierò i governi come era costretto a fare mio padre: serve stabilità", aveva promesso Abdullah dopo aver giurato da re, all'inizio di febbraio del 1999. Nei suoi primi 22 anni di regno ne avrebbe cambiati 13: il premier ora in carica è il quattordicesimo. Il giovane Abdullah sapeva che non avrebbe mai potuto mantenere l'impegno perché stabilità in Giordania è una condizione complicata, spesso evanescente. In un certo senso anche quel continuo cambiare governi, cioè distribuire cariche, è...

    – Ugo Tramballi

    Storia di una corona e di molti fratelli (Parte Prima)

    Gli accordi di Oslo stavano naufragando nei dettagli. Oggi non farebbe effetto, quel processo di pace è in stato comatoso. Ma allora, nell'ottobre1998, il mondo era in allarme. Bill Clinton aveva convocato le parti a Wye Plantation, in Maryland. Ma nonostante la diplomazia americana fosse impegnata giorno e notte, Bibi Netanyahu e Yasser Arafat restavano fermi sulle loro inconciliabili posizioni. Poi, d'improvviso, a Wye Plantation apparve re Hussein di Giordania che dal 1992 era in pace con Is...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 285 risultati