Persone

Bibi Netanyahu

Bibi Netanyahu (Bibi è il nomignolo con cui è universalmente noto ma si chiama, in realtà, Benjamin) è un politico israeliano, attualmente Primo Ministro dello stato di Israele. A questa carica è arrivato dopo le elezioni del 2009. In realtà il suo partito, il Likud, era arrivato secondo alle elezioni, dietro Kadima di Tzipi Livni, la quale, però, non è riuscita a trovare una maggioranza per formare il governo. In precedenza Netanyahu è stato ministro delle finanze nel governo di Ariel Sharon, dimettendosi per protesta contro il piano di ritiro da Gaza.

Netanyahu era stato eletto primo ministro già in precedenza, e precisamente dal 1996 al 1999, dopo aver vinto le elezioni contro Shimon Peres. All'epoca Peres, che era succeduto come primo ministro all'assassinato Rabin, non era in grado di arginare gli attentanti palestinesi contro la popolazione civile israeliana, mentre Netanyahu era stato capace di cavalcare il malcontento e l'insicurezza popolare. La campagna elettorale di Netanyahu fu improntata a uno stile americano, avvalendosi anche di consulenti venuti dagli Stati Uniti, dove peraltro lo stesso Netanyahu aveva compiuto gli studi universitari.

Da primo ministro, nonostante i negoziati portati avanti con i palestinesi, è stato accusato di porre in stallo le trattative di pace. In effetti, durante il suo mandato, non furono rispettati i punti previsti dal trattato di Oslo. Paradossalmente però Netanyahu ha poi perso la maggioranza politica perché i partiti di estrema destra lo hanno accusato di aver concesso troppo ai palestinesi. Netanyahu è il primo e attualmente unico primo ministro israeliano ad essere nato dopo la creazione dello stato di Israele.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Primo ministro | Bibi Netanyahu | Israele | Likud | Ariel Sharon | Shimon Peres |

Ultime notizie su Bibi Netanyahu

    Verso il voto - I Grandi Elettori fuori dall'America

    Vladimir Putin? "Una persona eccezionale". Recep Erdogan? "Sono un grande fan". Rodrigo Duterte? "Ha fatto un lavoro incredibile". Con Kim Jong Un "ci siamo innamorati". E Xi Jinping? "Presidente a vita... Penso sia grande. Forse dovremmo provarci, un giorno". Appare scontato che i grandi elettori di queste elezioni stiano dalla parte di Donald Trump: non quelli degli stati americani ma i dittatori e i populisti di tutto il mondo, uniti per sostenere e/o desiderare la sua rielezione. Quando lo ...

    – Ugo Tramballi

    Palestine dreamin'

    Siete l'unico movimento di liberazione al mondo capace di dedicare più tempo alle lotte fratricide che a combattere il suo nemico, aveva detto ai colleghi dell'Olp Saud al-Faisal, in un vertice della Lega Araba. Fino alla sua morte nel 2015, il figlio di re Faisal aveva guidato per quarant'anni con grande moderazione la politica estera saudita: era raro che uscisse dai canoni della diplomazia per dire apertamente quel che pensava. Gli altri colleghi arabi non dissentirono dal suo franco rimprove...

    – Ugo Tramballi

    Israele, quale annessione

    Dopo aver mobilitato 20mila riservisti, alla fine di marzo del 2002 Ariel Sharon invase la Cisgiordania e occupò le città che godevano dell'autonomia garantita dagli accordi di Oslo. "Scudo Difensivo" fu il nome dell'operazione, la più imponente dalla guerra del 1967. La seconda Intifada era nella sua fase più sanguinosa, i terroristi suicidi palestinesi di Hamas facevano strage di civili israeliani. A Ramallah i carri armati assediarono per mesi la Muqata, il quartier generale di Arafat e dell...

    – Ugo Tramballi

    Trump o Biden: per chi vota Pechino

    Per i comportamenti illiberali del presidente, per l'indefessa battaglia dedicata a indebolire il sistema di alleanze e il multilateralismo sul quale l'America ha costruito la sua potenza globale, Donald Trump è un asset strategico per Cina e Russia quanto il petrolio, i commerci e gli arsenali nucleari. Riprendo dalla sua fine il commento pubblicato mercoledì scorso dal Sole 24 Ore (lo allego alla fine del post). Mi interessa più la Cina della Russia. Vladimir Putin è abile. Meno di quattro an...

    – Ugo Tramballi

    Chi può fermare l'annessione israeliana

    Per la prima volta un capo di governo israeliano è alla sbarra in un tribunale, accusato di reati che potrebbero costargli il posto e la prigione. In realtà il primo premier a essersi trovato in quelle condizioni non è Bibi Netanyahu ma Ehud Olmert, nel 2008. Fra i due, tuttavia, c'è una differenza non solo sostanziale ma anche morale. Accusato di illeciti simili, legati alla corruzione, Olmert diede le dimissioni prima di entrare in tribunale: annunciò di volersi presentare ai giudici da sempli...

    – Ugo Tramballi

1-10 di 270 risultati