Aziende

Bhp Billiton

Considerata la principale società mineraria al mondo, Bhp Billiton è nata nel 2001 dalla fusione della società australiana Broken Hill Proprietary Company con la società inglese Billiton. Dall’operazione sono scaturite due realtà industriali, l’Australian Bhp Billiton Limited e la British Bhp Billiton Plc, che sono quotate in borsa separatamente e che hanno pure una struttura azionaria separata, ma che operano sul mercato come un'unica società, la Bhp Billiton appunto, che è dotata infatti di un unico consiglio di amministrazione e un’unica struttura manageriale. Presente con le sue operazioni di estrazione mineraria e di trasformazione delle materie prime (che riguardano principalmente ferro, diamanti, petrolio, bauxite e uranio) in 25 paesi del mondo (tra i quali Australia, Canada, Cile, Colombia, Indonesia, Pakistan e Sudafrica), Bhp Billiton si avvale dell’opera di circa 38.000 dipendenti. Entrambe le società, che hanno dato vita all’attuale sodalizio, hanno poi una storia che si è sviluppata per oltre un secolo, racchiudendo tanti esempi di estrazioni minerarie in giro per il mondo. L’australiana Broken Hill Proprietary Company è stata fondata nel 1895 per lo sfruttamento delle miniere di argento, piombo e zinco situate nelle regione di Nuovo Galles del Sud. Successivamente la società è entrata anche nel settore della produzione dell’acciaio e della ricerca petrolifera. Nata invece addirittura nel 1860, in Olanda, la Billiton ha iniziato la sua attività mineraria sfruttando le miniere di stagno presenti in diversi siti dell’arcipelago dell’Indonesia. A partire dalla metà del Novecento, la Billiton ha allargato il suo business a quello dell’estrazione della bauxite e quindi alla produzione di alluminio. Tra le più recenti attività che sono state intraprese dalla nuova Bhp Billiton c’è infine quella legata all’estrazione dell’uranio dalle miniere di Olympic Dam in Sudafrica.

Ultimo aggiornamento 09 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Estrazione mineraria | Australia | Broken Hill Proprietary Company | Sudafrica | Indonesia | Australian Bhp Billiton Limited | Borsa Valori |

Ultime notizie su Bhp Billiton

    Climate change e paradossi: così i metalli «green» aumentano le emissioni di CO2

    Per la transizione energetica sono necessarie enormi quantità supplementari di metalli: dal rame per potenziare le reti elettriche a litio e cobalto per le batterie. Ma accelerare le estrazioni minerarie rischia di far aumentare anziché diminuire le emissioni di CO2: un problema che nell'era di Greta Thunberg i giganti del mining non possono più ignorare

    – di Sissi Bellomo

    Minerale di ferro al record da 5 anni, l'offerta rischia di non bastare

    Dopo oltre un decennio di sfrenata espansione dell'offerta sembra incredibile, ma l'industria siderurgica oggi rischia di andare incontro a un deficit di minerale di ferro. I maggiori fornitori mondiali continuano infatti a tagliare le stime di produzione (ultima ieri Rio Tinto), aggravando un

    – di Sissi Bellomo

    Borse, pesa lo scontro Italia-Ue. Milano chiude in rosso, spread a 313

    Le Borse europee chiudono in territorio negativo una seduta nervosa in parallelo all'inversione di rotta (in rosso) di Wall Street. Pesa, a Piazza Affari e non solo, anche il perdurare dello scontro tra Italia e Commissione Ue sulla manovra con Austria e Olanda che hanno chiesto l'avvio della

    – di Cheo Condina

    Bp scommette sul caro petrolio: pagherà in contanti gli asset di Bhp

    Il petrolio ha invertito la rotta, perdendo oltre il 10% dopo il rally che l'aveva spinto ai massimi da 4 anni. Ma Bp non ha perso l'ottimismo. Dopo aver più che raddoppiato gli utili nel terzo trimestre, la compagnia britannica ha deciso di pagare interamente in contanti l'acquisizione degli asset

    – di Sissi Bellomo

    Bhp Billiton in allarme per la guerra dei dazi

    La guerra dei dazi tra Usa e Cina offusca le prospettive per Bhp Billiton, la più grande mineraria al mondo. E' stato il ceo Andrew Mackenzie a suonare l'allarme, avvertendo che «i rischi sono aumentati» e che il gruppo è ora «piuttosto cauto sul breve termine, mentre monitora da vicino gli sviluppi

    – di S.Bel.

    Bp rilancia sullo shale oil Usa (ma la scommessa è rischiosa)

    A otto anni dal disastro della Deepwater Horizon Bp torna a crescere negli Stati Uniti e stavolta scommette sullo shale oil. La compagnia britannica si è aggiudicata per 10,5 miliardi di dollari quasi tutte le operazioni di Bhp Billiton nel petrolio e gas non convenzionali, per una produzione

    – di Sissi Bellomo

    Glencore avvia «buyback» da un miliardo di dollari

    Massacrata in borsa sulla notizia delle indagini americane per corruzione, Glencore prova a ridare fiducia agli investitori con l'annuncio di un buyback da un miliardo di dollari, il primo da 4 anni. Il gigante svizzero delle materie prime avrebbe probabilmente proceduto comunque al riacquisto di

    – di S.Bel.

    Elliott ora si prepara a quotare i bar di Costa Coffee

    L'hedge fund Elliott Advisors si prepara a quotare in Borsa Costa Coffee, una catena di bar di grande successo in Gran Bretagna, dopo avere rastrellato una quota del 6% di Whitbread. Il titolo del gruppo britannico, che ha un capitalizzazione di 7,2 miliardi di sterline e fa parte del Ftse100, è

    – di Nicol Degli Innocenti

1-10 di 400 risultati