Persone

Bernie Sanders

Bernie Sanders è nato l'8 settembre del 1941 a New York ed è un politico statunitense, attualmente senatore per lo Stato del Vermont e già membro della Camera dei rappresentanti, è uno dei candidati alle primarie del Partito Democratico per la scelta del candidato alle prossime elezioni presidenziali statunitensi.

E' affiliato, in qualità di esponente indipendente, al Partito Democratico ma si definisce come socialista democratico.

Laureatosi in scienze politiche presso l'Università di Chicago è stato attivista del movimento per i diritti civili svolgendo, prima di entrare in politica, le professione di carpentiere e di regista.

Tra il 6 aprile del 1981 ed il 4 aprile del 1989 è stato sindaco di Burlington (Vermont).

Sanders si è schierato a favore dei diritti degli omosessuali, delle minoranze etniche e dei disoccupati, è contrario alla pena di morte ed ha manifestato la sua opposizione alla guerra in Iraq.

E' stato membro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, per il distretto unico del Vermont, dal 3 gennaio del 1991 al 3 gennaio del 2007.

Dal 3 gennaio del 2007 è senatore degli Stati Uniti per il Vermont.

Candidatosi alle primarie del Partito Democratico per le elezioni presidenziali del 2016, è attualmente il diretto sfidante della candidata antagonista alle primarie Hillary Clinton, tuttavia il divario in termini di delegati finora ottenuti sembra deporre, salvo clamorosi colpi di scena, a favore della vittoria della Clinton.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Camera dei rappresentanti | Bernie Sanders | Primarie | Pd | Hillary Clinton | Stati Uniti d'America |

Ultime notizie su Bernie Sanders

    Le sfide che attendono Biden

    Non sarà una passeggiata la presidenza di Joe Biden (78 anni). E non solo per l'offensiva legale che Donald Trump potrebbe scatenenare contro il risultato delle elezioni ma anche per l'opposizione che l'ex presidente repubblicano sarà in grado di mobilitare nel paese profondamente diviso e polarizzato. E soprattutto per l'opposizione del Senato che restando (probabilmente) in mano ai Repubblicani lo costringerà a continue e faticose mediazioni e a mettere in soffitta la maggior parte del suo pro...

    – Vittorio Da Rold

    Affluenza e 10 Stati chiave: dove si decidono le elezioni americane

    Al democratico bastano tre dei dieci stati incerti: i tre decisivi nel 2016 (Michigan, Pennsylvania e Wisconsin), i quattro repubblicani in bilico (Arizona, North Carolina, Georgia, Texas) e i tre ballerini (Nevada, Ohio, Florida)

    – di Roberto D'Alimonte

    Il clima sulla scheda elettorale: in due scenari cosa cambierà

    La mattina del 4 i risultati elettorali saranno attesi anche al numero 8 di Martin-Luther-King-Strasse, a Bonn, nella sede del segretariato dell'UNFCCC, la convenzione quadro ONU sul cambiamento climatico. Perché nel caso dovesse vincere Trump si prenderà atto della conferma dell'uscita definitiva degli Stati Uniti dall'Accordo di Parigi. Se invece il nuovo inquilino della Casa Bianca sarà Biden in quel caso allora ?ecco cosa potrebbe succedere

    – di Emanuele Bompan

    Istruzioni per battere il caos. Primo passo, andare a votare

    Folle e imprevedibile, in grado di destabilizzare i critici sovvertendo le basi del governo e del sapere. Ma se questo è Donald Trump come il suo potere può essere messo in discussione? E come può farlo l'arte? Da sola ha scarsa capacità di produrre un cambiamento, associandosi invece ai movimenti di protesta, diventa invece il più efficace strumento per concentrare energia, simbolica e concreta

    – di Martha Rosler

    Trump e le tasse non pagate, un'arma in più per Biden nello scontro tv

    Primo confronto di 90 minuti a Cleveland in Ohio. Il presidente in ritardo nei sondaggi attaccherà il rivale democratico meno a suo agio in televisione ma che - a differenza di Trump - ha appena reso pubbliche le sue dichiarazioni fiscali

    – dal nostro corrispondente Riccardo Barlaam

1-10 di 343 risultati