Ultime notizie:

Bergson

    L'Umano e l'Errore. Che ne è/sarà della libertà nella civiltà ipertecnologica?

    L'Umano, l'Errore, l'Imprevedibilità? Un approccio e percorsi di ricerca dal'95 Come sempre, senza "tempi di lettura". Al termine del contributo, collegamenti ad altri testi (divulgativi e scientifici) e riferimenti bibliografici. Buon lavoro e buona ricerca! Una ipercomplessità che non è un'opzione Una (iper)complessità che non è un'opzione, è un "dato di fatto": il vero problema è che non siamo educati e formati a riconoscerla e, in ogni caso, non con la nostra testa. Di fatto, non da ...

    – Piero Dominici

    Filosofia, memoria e intelligenza artificiale

    La filosofia, come si diceva, si è già affacciata da tempo sul tema dell'intelligenza artificiale, dedicandosi a riflessioni sulle sue implicazioni etiche, sociali e politiche. Meno frequentato nel dibattito, tanto pubblico quanto accademico, resta il versante gnoseologico, forse dato per assodato, o già delegato a altri saperi. A ben vedere, invece, l'analisi dell'impatto dell'AI sulla facoltà umana di conoscere rappresenta uno dei contributi più essenziali, e più propri, che la filosofia può o...

    – Paola Liberace

    La matrioska di Proust

    Quando, nella primavera del 1896, i compagni di scuola di Marcel Proust videro il suo primo libro, I piaceri e i giorni, tirarono un sospiro di sollievo. Come tutti i mediocri, conoscevano perfettamente le leggi non scritte del mondo intellettuale e potevano constatare che Proust, senza saperlo, le

    – di Giuseppe Scaraffia

    Dall'economia dell'attenzione all'economia della memoria

    Sul fatto che l'attenzione sia la vera risorsa scarsa dei nostri tempi si è detto e scritto molto (anche qui), e da lungo tempo ormai si parla di un'economia dell'attenzione. Le dimensioni di questa economia sono solitamente ricavate dalla misurazione della mole e del valore delle informazioni, dei dati, dei contenuti - digitali e non (su questo un bel contributo, chiaro e essenziale, qui) che all'attenzione vengono proposti. Misurare l'economia dell'attenzione equivale quindi a quantificare il...

    – Paola Liberace

    Un colpo a Popper la cacciata dell'Università di Soros da Budapest

    La nozione chiave popperiana della falsificabilità per cui la conoscenza è fallibile (ricordate le varie "scale" da usare o abbandonare alla bisogna per trovare soluzioni nel libro di Umberto Eco Nel nome della Rosa?) implica che la società deve essere aperta a punti di vista alternativi. Non è dunque un bel segnale per le fresche democrazie liberali degli ex paesi comunisti, e in particolare, per quella ungherese. L'università, fondata a Budapest dal miliardario filantropo americano di origini ...

    – Vittorio Da Rold

    Cos'è il tempo? Una poesia

    Niente è tanto difficile da spiegare ai bambini quanto il tempo. Immersi come sono nell'eterno presente dell'infanzia, a concetti incomprensibili come il passato, il futuro, la morte, la nascita - non esistere ancora e non esistere più - reagiscono con una sassaiola di domande tanto semplici da

    – di Lara Ricci

    Il rimorso dell'Occidente

    «Odio i viaggi e gli esploratori», inizia così Tristi tropici di Claude Lévi-Strauss (1908-2009) che si accinge a raccontare i suoi viaggi e le sue esplorazioni, sublime attestazione del «rimorso dell'Occidente» quale causa della nascita stessa dell'etnografia. Un libro rivoluzionario che, al suo

    – di Mario Andreose

    Mattarella: «Il Mediterraneo torni ad avere carattere di legame e civiltà»

    Il Mediterraneo deve tornare a essere il luogo in cui le diverse culture si parlano. «Il Mediterraneo - ha sottolineato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella - da luogo di scambi cultura e commercio, di esperienze e di costumi, in questo periodo è diventato un luogo di sofferenze, di

    Cinguettii in versi di pietre dure

    Molti poeti, anche grandi, se letti in traduzione restano più miti, più proiezioni e ombre che autori "reali": un miscuglio di concetti, suggestioni storiche, immagini monche, ritmi e sfumature di senso sospettati anziché davvero percepiti. Figuriamoci poi quando della lingua di partenza non si sa

    – di Matteo Marchesini

1-10 di 45 risultati